Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Smart Games: lo Sport a casa di Special Olympics per contrastare il Coronavirus

Smart Games: lo Sport a casa di Special Olympics per contrastare il Coronavirus

Everywhere We Play”, il Claim che accompagna questo evento la dice lunga sulla determinazione che da sempre  contraddistingue gli atleti Special Olympics e, di conseguenza, l’intero Movimento di cui ne rappresentano il cuore.
Nonostante non ci possa essere oggi un luogo fisico dove giocare insieme e competere, Special Olympics Italia ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, cimentandosi per la prima volta nell’organizzazione di un evento assolutamente nuovo, diverso. Si svolge dal 10 al 31 maggio, al sicuro, in casa propria dove gli atleti Special Olympics, in tutta Italia, possono cimentarsi in 18 sport differenti con  appositi esercizi elaborati  e adattati al contesto dallo staff tecnico nazionale di disciplina e messi a disposizione su una Playlist Youtube. Le discipline sono:
.
Atletica, Badminton, Basket, Bocce, Bowling, Calcio, Canottaggio, Karate, Ginnastica, Golf, Nuoto, Equitazione, Pallavolo, Racchette da neve,  Rugby, Snowboard, Tennis e  Tennistavolo.
.
Sono previste gare di sport unificato in tutte le discipline, esibizioni  di Young Athletes Program e di Motor Activity Program.
.
Gli Smart Games, per quanto complessi, nella loro interezza ripercorrono on-line tutte le fasi e le caratteristiche tipiche e largamente note di ogni evento tradizionale Special Olympics. Dalla conferenza stampa di presentazione al Torch Run, dalla Cerimonia di Apertura alle prove di abilità e alle competizioni vere e proprie, fino ad arrivare al momento del riconoscimento e della premiazione finale. Seppur con finalità diverse gli Smart Games intendono sostituire i Giochi Nazionali Estivi di Varese, ma non verranno considerati ai fini della scelta degli atleti convocati ai futuri eventi internazionali.
.
.
Tuttavia la filosofia che accompagna l’iniziativa non cambia: nessuno resti escluso. Oltre agli atleti di ogni età e di ogni livello di capacità sono coinvolti i Team scolastici, gli atleti partner senza disabilità intellettiva nelle prove di sport unificato, i volontari, i medici dei programmi Salute e i dipendenti delle aziende partner nel tifo e nel sostegno a distanza. Partecipano infine i familiari, spettatori in prima linea.
.

Come sono nati gli Smart Games 2020?

.
Quando la terribile emergenza sanitaria Covid-19 ha iniziato ad investire chiaramente l’Italia e a seguire il mondo intero, siamo stati costretti a correre ai ripari, o per meglio dire a fermarci, rinunciando ai Giochi Nazionali Estivi che si sarebbero dovuti svolgere nel mese di giugno proprio in Lombardia, a Varese.
.
Nonostante l’incertezza e il timore diffusi abbiamo continuato a  mantenere salda la consapevolezza di poter fare molto, la nostra parte, per la  quotidianità di ogni singolo atleta, ora chiuso in casa e con troppo tempo “vuoto” a disposizione.
.
La sensazione comune è stata come se, d’improvviso, fossimo stati catapultati indietro nel tempo di 50 anni. Rivivendo quel “tempo vuoto” proprio delle persone con disabilità intellettive e delle loro famiglie, Special Olympics ha sentito forte l’esigenza di attivarsi il possibile per ricolmarlo, oggi più che mai.
.
Così anche se lo sport si è fermato, le palestre sono chiuse e non possiamo godere di un luogo “fisico” di condivisione quale sarebbe stato quest’anno Varese, abbiamo elaborato e portato avanti un progetto ambizioso riadattando l’opportunità di fare sport Special Olympics per ogni livello di abilità,  alle quattro mura di casa. Abbiamo sperimentato metodi alternativi per vincere la distanza tramite la tecnologia, in particolare tramite il progetto “Muoviamoci INsieme“, che ha visto coinvolto lo staff tecnico nazionale. Abbiamo implementato i canali social offrendo un programma giornaliero con opportunità quotidiane di allenarsi e, chiedendo di pubblicare i video di ognuno, abbiamo tenuto alta l’attenzione sull’importanza dello sport e del sentirsi attivi ed inclusi, anche e soprattutto in questo periodo di isolamento. Una condizione che molti degli atleti Special Olympics hanno conosciuto ancor prima di questa pandemia e, per tanto, sono proprio loro a poterci indicare la via per uscirne con il giusto atteggiamento.
.
.
Gli Special Olympics Italia Smart Games nascono  proprio dal desiderio di premiare il loro impegno quotidiano, questa tenacia che tanto fa riflettere e insegna alla società intera. Non ultima, alla base, c’è anche la volontà di finalizzare il percorso sportivo a distanza iniziato più di un mese fa. Tali ragioni  hanno spinto Special Olympics Italia a mettersi in gioco sperimentando un modo nuovo di fare sport insieme, di promuovere comunque l’inclusione con un evento “total smart” molto diverso, in antitesi rispetto a quelli che usualmente vengono associati, in tutto il mondo, 
al Movimento e sempre ricordati per l’unione che trasudano. Di fianco alla gioia di partecipare o di assistere ad una sana competizione sportiva, di solito sono infatti gli abbracci stretti, il calore umano, il contatto fisico a restare marcati nella memoria di tutti i partecipanti, atleti e non.
.
Gli Smart Games rappresentano dunque una sorta di esperimento sociale e sportivo, una sfida che, ne siamo certi, racchiude una grande potenzialità nella speranza e, al tempo stesso, nella ferma convinzione di poter tornare presto ad abbracciarci di nuovo, più forte di prima.

Da non perdere

Cura e Prevenzione

Coronavirus: RS Components presenta la nuova gamma di igienizzanti per mani Gli igienizzanti per mani sono entrati a tutti gli effetti nella routine di...

Allenamento

Il ciclismo 2.0: tempi duri per gli amanti della bici Tempi duri per gli amanti della bicicletta, almeno quella intesa in senso tradizionale: l’Italia...

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi...

Azzardo

Se il Covid aumenta la percentuale di giocatori da casa La pandemia non è stata una disgrazia per tutti, ci sono alcuni settori per...

Allenamento

A casa come in palestra. Cresce l’home fitness anche in Italia Allenarsi a casa e costruirsi una piccola palestra, pur tra le difficoltà legate...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 52 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Economia

Investimenti, viaggio tra i più popolari nell’era del Covid Un 2020 certamente complesso, un anno di quelli che potrebbero passare alla storia per il...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Altri Sport

Quattro anni fa ho conosciuto la storia di Nicoletta Tinti, avendo modo anche di parlare con lei. Nicoletta è una ballerina di ginnastica ritmica,...

Calcio

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad Alcune volte la carriera di un calciatore, anche se non è riuscito a riempire la sua bacheca con...

Calcio

Era il nodo principale che rischiava di ingarbugliare e bloccare definitivamente un campionato ripreso per i capelli, la quarantena collettiva di un club in...

Calcio

Col blocco delle agenzie terrestri, il mondo delle scommesse sportive ha continuato a restare attivo online. I maggior bookmakers italiani hanno cercato di tenere...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro