Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Singapore, Verstappen non frena ma Vettel non pensa: i motivi del suicidio Ferrari

Che disastro. Singapore ha un conto aperto con le ambizioni mondiali della Ferrari. Doveva essere una notte tutta rossa, si è trasformata nella notte delle streghe. Sembra quasi che Marina Bay sia il luogo deputato per inabissarsi. Vettel, Raikkonen, Verstappen. Di chi è la colpa? Mia, tua, sua, nostra? Sebastian Vettel, ha chiuso Verstappen. Verstappen ha chiuso Raikkonen. Raikkonen poteva evitare di tirare la staccata. Sembra una discussione da tamponamento a catena in tangenziale. É la dinamica di un incidente di gara destinato a riscrivere la storia di questo Mondiale.

Non è vero, ma ci credo

Tanta sfortuna, ma la Ferrari, specialmente Vettel, un po’ se la va anche a cercare. É anche vero però che Verstappen, benedetto ragazzo, finisce in prima pagina più per gli incidenti che per i podi. Vettel parte peggio rispetto all’olandese e Raikkonen e poi si accentra. Verstappen vede il primo posto dopo la prima curva, figuriamoci se si ferma. Il finlandese, che parte meglio di tutti, ed è l’unico che non imposta traiettorie discutibili, si ritrova coinvolto, suo malgrado nell’incidente. In tre, di lì, non ci passa. E allora forse ha esagerato il numero 5…

La mosse di Vettel si può fare, ma non è oculata

La voglia di vincere con la Ferrari sta rendendo Vettel vulnerabile? Chimasi “emotività di partenza”. Il tedesco non ha avuto la necessaria freddezza nel gestire il momento. Era consapevole di avere una grande chance. Una partenza aggressiva, anche troppo. Nel momento in cui ti giochi il mondiale, nella consapevolezza in cui si parte male, è il caso di fermarsi, in tutti i sensi, a pensare. Meglio lasciarsi sfilare e giocarsela, piuttosto che andare all’ok corral con un toro indemoniato, ma anche e sopratutto Hamilton. Sarebbe stato più logico contestualizzare il momento. E lasciar correre, in tutti i sensi. Vettel si è mosso secondo regolamento, ma gli è mancato il sangue freddo. Se avesse lasciato sfilare i due probabilmente ci avrebbe pensato il…muretto pronto ad abbracciare l’ennesima manovra spericolata dell’olandese.

Vertsappen, questa volta può far poco

Premesso che Verstappen deve comunque imparare le buone maniere, in pista e fuori, questa volta la sensazione è che sia meno colpevole del solito. Chiedergli di frenare, considerando il soggetto e con l’“aggravante” che  intravede la possibilità di ritrovarsi in testa dopo la curva 1, è un esercizio di ottimismo esagerato. Certo, avesse avuto maggior senso di responsabilità, avrebbe continuato la propria gara e centrare un podio che comunque gli sarebbe servito. Il ragazzo ha più ritiri che piazzamenti ma si è comunque ritrovato in mezzo fra chi è partito male come lui e lo ha stretto e chi è partito meglio di lui. Verstappen può anche accampare qualche ragione, ma il silenzio è comunque d’oro: non è la prima volta che la sua gara si interrompe dopo qualche centinaio di metri. Premesso ciò, la fama di “cattivo” che lo precede e il tifo Ferrari possono condizionarne il giudizio. Le immagini parlano chiaro. É messo in mezzo a un sandwich rosso, creato dalla scelta di Vettel. Legittimata dal regolamento, ma evidentemente avventata.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Motori

Jochen Rindt: Campione oltre il destino Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Motori

In Belgio un destino lontano 28 anni regalò Schumacher alla storia della Formula 1 Il 30 Agosto 1992 al Gp di Spa, in Belgio,...

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione Compie oggi 44 anni Iban Mayo, l’ex ciclista spagnolo che con la sua...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua morte, datata 14 agosto 1988. “Perché a vent’ anni...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Motori

Alpine e Ocon: una prima vittoria nel segno dello spirito di squadra L’immagine di Esteban Ocon sollevato in trionfo dal compagno di squadra Fernando...

Motori

Ungheria ’86: “IL” Sorpasso Come quando correva Nelson Piquet, che solo a pronunciarne il nome sentivi che nessun’altra parola potesse avere una sequenza di...

Motori

Domenica 12 agosto 1990. Cinque settimane dopo la fine delle ‘Notti magiche’ si disputava il Gran Premio d’Ungheria, con gli occhi del mondo puntati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro