Connect with us

Cerca articoli

Varie

Siamo sicuri che si giochi ancora?

Vorrei sognare, ma non posso. Mi piacerebbe chiudere gli occhi ed iniziare a volare, portando nel cuore immagini di quando ero bimbo. Forse, nel mio “tempo che fu”, le figurine Panini avevano ancora un sapore di magnifica innocenza, d’ingenuità. Oggi non è così, non più. E, forse, non lo era neppure prima (vedi lo scandalo del calcio scommesse negli anni 80), chissà.
Ma la differenza, fra passato e presente, sta sempre nell’età: ieri ero piccolo e capivo poco, mentre adesso sono più grande e qualcosina capisco. Il mondo è questo – purtroppo o per fortuna – e con le sue dinamiche, spesso strampalate, bisogna, prima o poi, fare i conti. Lo ammetto, certi risultati – oggi – a me sembrano veramente strani. Ed è normale che il pensiero sbatta, ogni volta, contro le tonnellate di pubblicità – riguardanti le scommesse – ben visibili in ogni stadio (e non solo). Cartelloni lunghissimi decine di metri, letteralmente inondati da sigle che azzardano (anzi, sarebbe meglio dire che invitano ad azzardare..) in ogni dove, a pochissimi passi dal terreno di gioco e dai calciatori. Dagli occhi dei più piccini.
Pubblicità, troppa, ad indurre, subdolamente, ogni persona a “giocare”, a tentare la fortuna anche a discapito della propria squadra del cuore. L’importante è vincere soldi, punto. Se, poi, si è scommesso contro la sciarpa che si ama, poco importa. Anzi, chi se ne importa!
Credo che, mai come oggi, una riflessione profonda e seria bisognerebbe farla; gli addetti ai lavori, tutti, dovrebbero farla. Soprattutto a tutela dei più piccoli, a cui molti sogni, noi grandi, stiamo togliendo.
Una considerazione che tenga presente, anche, delle altissime probabilità (mai sostantivo fu più azzeccato..), indubbiamente concrete, di cadere in tentazione – da parte di calciatori e dirigenti – all’interno di sistemi e meccanismi antisportivi che, ahimè, abbiamo visto essere già ben consolidati.
Ci sono – ogni week end – gol segnati negli ultimissimi secondi, primi tempi a vantaggio di una squadra e poi ribaltati dall’altra, “over” insensati ed “under” anormali, piccole squadre a vincere le grandi e vagonate di reti in pochissimi minuti. E, ancora, papere imbarazzanti dei portieri, passaggi senza senso – troppo centrali o lentamente indietro.. – che aprono praterie a devastanti e fulminei contropiedi. Marcature “ad uomo” assai leggere: “la prendo io, la prendi tu” e l’altro segna….. Errori a livello tattico che non si vedono nemmeno nella categoria Pulcini.
Cosa accade? Siamo sicuri che si giochi ancora? 
Il bello di quando sei bambino è che tutte queste domande non te le poni mai; tu ami il calcio e sogni d’incontrare, un giorno, il tuo idolo. Di diventare come lui: famoso e simpatico. Tifi per la tua squadra del cuore, collezioni le figurine, hai la sciarpa sotto il cuscino e il poster nella cameretta da letto. Non hai tempo né voglia di pensare ad altro. Un bambino questo fa: sogna. E lo fa senza inganni o tradimenti, perché è la sua purezza che glielo impone. Egli non ha, ancora, la percezione del “peso del denaro” che, per lui, nulla o pochissimo conta.
Non sa di guerre economiche ad uccidere altri bimbi e vite innocenti. Lui, il bimbo, non sa. Lui sogna, sorride e vede tutto pulito. Punto e basta.
Non può capire, quindi, i cartelloni pubblicitari né può minimamente pensare che un suo beniamino lo possa, un giorno, tradire e ferire per intascare qualche inutile pezzo di carta.
Il piccolo vede e vive il calcio come puro divertimento. Il bimbo guarda ad un pallone come la Luna guarda alla Terra. Non pensa, lui, corre e ride. Si innamora dell’amore che l’amore di una palla gli trasmette.
Non deve il bambino meditare, ma siamo noi – nel rispetto infinito che gli dobbiamo – a doverlo fare. Siamo sicuri che si giochi ancora?  
Crescendo, poi, anche lui avrà il tempo di capire, confrontarsi con la realtà e fare delle scelte che – ai suoi occhi e nella testa –  lo faranno (forse) stare bene.
Ecco, io, in questo, vorrei non essere mai cresciuto…..
FOTO: www.latestanelpallone.com
social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro