Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Varie

Siamo sicuri che si giochi ancora?

Vorrei sognare, ma non posso. Mi piacerebbe chiudere gli occhi ed iniziare a volare, portando nel cuore immagini di quando ero bimbo. Forse, nel mio “tempo che fu”, le figurine Panini avevano ancora un sapore di magnifica innocenza, d’ingenuità. Oggi non è così, non più. E, forse, non lo era neppure prima (vedi lo scandalo del calcio scommesse negli anni 80), chissà.
Ma la differenza, fra passato e presente, sta sempre nell’età: ieri ero piccolo e capivo poco, mentre adesso sono più grande e qualcosina capisco. Il mondo è questo – purtroppo o per fortuna – e con le sue dinamiche, spesso strampalate, bisogna, prima o poi, fare i conti. Lo ammetto, certi risultati – oggi – a me sembrano veramente strani. Ed è normale che il pensiero sbatta, ogni volta, contro le tonnellate di pubblicità – riguardanti le scommesse – ben visibili in ogni stadio (e non solo). Cartelloni lunghissimi decine di metri, letteralmente inondati da sigle che azzardano (anzi, sarebbe meglio dire che invitano ad azzardare..) in ogni dove, a pochissimi passi dal terreno di gioco e dai calciatori. Dagli occhi dei più piccini.
Pubblicità, troppa, ad indurre, subdolamente, ogni persona a “giocare”, a tentare la fortuna anche a discapito della propria squadra del cuore. L’importante è vincere soldi, punto. Se, poi, si è scommesso contro la sciarpa che si ama, poco importa. Anzi, chi se ne importa!
Credo che, mai come oggi, una riflessione profonda e seria bisognerebbe farla; gli addetti ai lavori, tutti, dovrebbero farla. Soprattutto a tutela dei più piccoli, a cui molti sogni, noi grandi, stiamo togliendo.
Una considerazione che tenga presente, anche, delle altissime probabilità (mai sostantivo fu più azzeccato..), indubbiamente concrete, di cadere in tentazione – da parte di calciatori e dirigenti – all’interno di sistemi e meccanismi antisportivi che, ahimè, abbiamo visto essere già ben consolidati.
Ci sono – ogni week end – gol segnati negli ultimissimi secondi, primi tempi a vantaggio di una squadra e poi ribaltati dall’altra, “over” insensati ed “under” anormali, piccole squadre a vincere le grandi e vagonate di reti in pochissimi minuti. E, ancora, papere imbarazzanti dei portieri, passaggi senza senso – troppo centrali o lentamente indietro.. – che aprono praterie a devastanti e fulminei contropiedi. Marcature “ad uomo” assai leggere: “la prendo io, la prendi tu” e l’altro segna….. Errori a livello tattico che non si vedono nemmeno nella categoria Pulcini.
Cosa accade? Siamo sicuri che si giochi ancora? 
Il bello di quando sei bambino è che tutte queste domande non te le poni mai; tu ami il calcio e sogni d’incontrare, un giorno, il tuo idolo. Di diventare come lui: famoso e simpatico. Tifi per la tua squadra del cuore, collezioni le figurine, hai la sciarpa sotto il cuscino e il poster nella cameretta da letto. Non hai tempo né voglia di pensare ad altro. Un bambino questo fa: sogna. E lo fa senza inganni o tradimenti, perché è la sua purezza che glielo impone. Egli non ha, ancora, la percezione del “peso del denaro” che, per lui, nulla o pochissimo conta.
Non sa di guerre economiche ad uccidere altri bimbi e vite innocenti. Lui, il bimbo, non sa. Lui sogna, sorride e vede tutto pulito. Punto e basta.
Non può capire, quindi, i cartelloni pubblicitari né può minimamente pensare che un suo beniamino lo possa, un giorno, tradire e ferire per intascare qualche inutile pezzo di carta.
Il piccolo vede e vive il calcio come puro divertimento. Il bimbo guarda ad un pallone come la Luna guarda alla Terra. Non pensa, lui, corre e ride. Si innamora dell’amore che l’amore di una palla gli trasmette.
Non deve il bambino meditare, ma siamo noi – nel rispetto infinito che gli dobbiamo – a doverlo fare. Siamo sicuri che si giochi ancora?  
Crescendo, poi, anche lui avrà il tempo di capire, confrontarsi con la realtà e fare delle scelte che – ai suoi occhi e nella testa –  lo faranno (forse) stare bene.
Ecco, io, in questo, vorrei non essere mai cresciuto…..
FOTO: www.latestanelpallone.com
social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 74 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 4 squadre fondate da italiani in Argentina Il 3 Giugno si festeggia la Giornata Nazionale dell’Emigrante italiano in Argentina. Per l’occasione...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro