Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Si scrive Atalanta, si legge Autostima

Non so se vi è mai capitato. Ma sì, che domanda stupida, capita a tutti. Si vive un momento meraviglioso in cui tutto va bene e si raggiungono obiettivi oltre le proprie capacità oggettive. Tutto a meraviglia. Poi di colpo avviene una sorta di tsunami emotivo, sembra che ci sia un complotto per non farti godere quello che hai, o più semplicemente, prima o poi la sorte cambia. A quel punto hai due strade, cominciare a piangerti addosso e stare seduto sul marciapiede in posizione fetale, oppure reagire e fare le nozze con i fichi secchi, ovvero tirare fuori il meglio da quello che hai.

La favola dell’Atalanta, è più o meno così. L’anno scorso hanno fatto un campionato onorevole e oltre le più rosee aspettative. Il loro allenatore è una persona per bene che crede nel lavoro, Gian Piero Gasperini. Umile ma determinato, che per primo non si è abbattuto dopo aver perso un autobus importante come allenatore dell’Inter. Ha fatto giocare una manica di ragazzini, contornati da giocatori non di primo pelo e con alle spalle campionati per nulla da ricordare. Ha creato un’orchestra che sembrava unica e irripetibile. Raggiungendo direttamente la qualificazione in Europa League, si pensava che tutto finisse lì. Anche perchè i pezzi pregiati dell’orchestra, hanno tutti o quasi fatto fagotto. Preferendo ovviamente squadre più blasonate. Il Gasp, come chiamano l’allenatore, non ha fatto un plissè. Ha chiesto ed ottenuto un giocatore che se è in giornata apriti cielo, ma se non lo è passeggia in maniera irritante, Ilicic. E ha scommesso su un ragazzo abbastanza anonimo dopo una fiammata di celebrità, essendo passato tempo fa dal Milan al Benfica, Cristante. Insomma quest’anno ci si è ricominciati a divertire, anche con le pause fisiologiche che il doppio impegno campionato-coppa comporta. Ma qui viene il bello.



In coppa, l’Atalanta è stata messa nel girone con due squadre non da poco. Everton e Lione. Alla partita con l’Everton già si pensava che forse c’era un errore, la squadra di Rooney è stata letteralmente sezionata e fatta a tocchettini da una squadra grandiosa, con il risultato finale di 3-0. Ma il bello è che quando i bergamaschi dovevano andare a Lione, i giocatori francesi hanno fatto gli spocchiosetti, facendo finta di non sapere nemmeno chi fossero gli avversari. Bene, hanno tremato di fronte a una squadra che li ha fatti sudare non poco, pareggiando. Un modo molto signorile per rinfrescare la memoria. La perla di ieri poi, è meravigliosa, l’Everton ospita l’Atalanta per il ritorno, risultato: 5-1 per i nerazzurri, che passano il turno di coppa oltre ogni previsione. Citazione a parte per un giocatore. Andrea Masiello. Tempo fa era finito nel vortice del calcioscommesse, ammettendo le sue colpe. L’Atalanta non lo ha abbandonato e gli ha dato un’altra possibilità, il ragazzo è andato a segno per primo contro l’Everton all’andata e sta facendo prestazioni da cardine difensivo indiscutibile. Perchè in ogni letteratura sportiva, in fondo c’è chi si sporca le mani, ma stavolta è stato atteso e ripreso dal gruppo. Perchè si scrive Atalanta, ma si legge autostima.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Coppa Rimet è rimasta definitivamente tra le nuvole di Messico 70, vincolata in eterno al Brasile che per primo si è effigiato del...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio Nati per subire, cresciuti per vincere. Se si dovesse riassumere in poche parole il...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro