Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Si scrive Atalanta, si legge Autostima

Non so se vi è mai capitato. Ma sì, che domanda stupida, capita a tutti. Si vive un momento meraviglioso in cui tutto va bene e si raggiungono obiettivi oltre le proprie capacità oggettive. Tutto a meraviglia. Poi di colpo avviene una sorta di tsunami emotivo, sembra che ci sia un complotto per non farti godere quello che hai, o più semplicemente, prima o poi la sorte cambia. A quel punto hai due strade, cominciare a piangerti addosso e stare seduto sul marciapiede in posizione fetale, oppure reagire e fare le nozze con i fichi secchi, ovvero tirare fuori il meglio da quello che hai.

La favola dell’Atalanta, è più o meno così. L’anno scorso hanno fatto un campionato onorevole e oltre le più rosee aspettative. Il loro allenatore è una persona per bene che crede nel lavoro, Gian Piero Gasperini. Umile ma determinato, che per primo non si è abbattuto dopo aver perso un autobus importante come allenatore dell’Inter. Ha fatto giocare una manica di ragazzini, contornati da giocatori non di primo pelo e con alle spalle campionati per nulla da ricordare. Ha creato un’orchestra che sembrava unica e irripetibile. Raggiungendo direttamente la qualificazione in Europa League, si pensava che tutto finisse lì. Anche perchè i pezzi pregiati dell’orchestra, hanno tutti o quasi fatto fagotto. Preferendo ovviamente squadre più blasonate. Il Gasp, come chiamano l’allenatore, non ha fatto un plissè. Ha chiesto ed ottenuto un giocatore che se è in giornata apriti cielo, ma se non lo è passeggia in maniera irritante, Ilicic. E ha scommesso su un ragazzo abbastanza anonimo dopo una fiammata di celebrità, essendo passato tempo fa dal Milan al Benfica, Cristante. Insomma quest’anno ci si è ricominciati a divertire, anche con le pause fisiologiche che il doppio impegno campionato-coppa comporta. Ma qui viene il bello.



In coppa, l’Atalanta è stata messa nel girone con due squadre non da poco. Everton e Lione. Alla partita con l’Everton già si pensava che forse c’era un errore, la squadra di Rooney è stata letteralmente sezionata e fatta a tocchettini da una squadra grandiosa, con il risultato finale di 3-0. Ma il bello è che quando i bergamaschi dovevano andare a Lione, i giocatori francesi hanno fatto gli spocchiosetti, facendo finta di non sapere nemmeno chi fossero gli avversari. Bene, hanno tremato di fronte a una squadra che li ha fatti sudare non poco, pareggiando. Un modo molto signorile per rinfrescare la memoria. La perla di ieri poi, è meravigliosa, l’Everton ospita l’Atalanta per il ritorno, risultato: 5-1 per i nerazzurri, che passano il turno di coppa oltre ogni previsione. Citazione a parte per un giocatore. Andrea Masiello. Tempo fa era finito nel vortice del calcioscommesse, ammettendo le sue colpe. L’Atalanta non lo ha abbandonato e gli ha dato un’altra possibilità, il ragazzo è andato a segno per primo contro l’Everton all’andata e sta facendo prestazioni da cardine difensivo indiscutibile. Perchè in ogni letteratura sportiva, in fondo c’è chi si sporca le mani, ma stavolta è stato atteso e ripreso dal gruppo. Perchè si scrive Atalanta, ma si legge autostima.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio Nel giorno della Festa dell’Indipendenza greca, riviviamo l’incredibile favola della nazionale ellenica campione d’Europa...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998 La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese....

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

Montserrat: tra San Patrizio e pallone, l’Irlanda dei Caraibi Il 17 marzo si festeggia San Patrizio, il santo protettore dell’Irlanda. Oggi tutto si tinge...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro