Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore

Ricordati di lasciare sempre buon odore. Mio padre me lo diceva spesso. Mi esortava ad avere onestà intellettuale e correttezza. Spero di non averlo deluso, di sicuro ho persone che ogni giorno quando mi sveglio hanno la mia vita in mano e non ho la minima paura di cosa ne faranno. Qualcosa vorrà significare.

Il buon ricordo che lasci a volte torna come onda di mare che ama perdutamente la riva. Come è successo a questo signore qui. Si chiama Shaun Barker. Nel marzo del 2012, Shaun sta giocando col Derby County una partita. Ne è il capitano. Un fortuito scontro di gioco e Shaun si maciulla letteralmente un ginocchio.

Niente più legamenti o ossa che abbiano collocazione naturale. La gamba piegata ad L. Un miracolo se tornerà a camminare, dicono i medici. Shaun inizia una riabilitazione paziente e dolorosa. Nel frattempo il calcio si scorda di lui, di uno che ha sempre avuto una dedizione particolare per il suo ruolo, giocando con un agonismo che non gli ha mai lasciato la maglia intonsa.

Shaun ormai si sta rassegnando alla carriera di ex calciatore. Anche perchè gli hanno detto che una partita intera non potrebbe più farla. Un giorno di 4 anni dopo, gli telefona Nigel Clough. Suo ex allenatore, che adesso allena il Burton Albion (tra l’altro figlio di Brian, se non sapete chi era il padre leggetevi “il maledetto United”). Nigel si è ricordato di lui. Shaun quasi commosso, dice che però non sa se può essere utile. Clough gli risponde: “a me serve uno come te, sai che facciamo? Tu entri nelle partite difficili, quelle dove dobbiamo lottare e per dieci minuti, mi spazzi l’area da qualsiasi palla pericolosa, te la senti?”.

La risposta? In questa foto. 26 agosto 2016, Shaun è in campo a poco dalla fine. Il Burton sta vincendo 1-0 e serve lui. Ah, sapete con chi è rientrato vincendo e spazzando 4 anni dopo? Proprio contro il Derby. La sua ex squadra. Alle volte la vita cosa riserva a chi lascia buon odore.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Enzo Francescoli, il Principe che giocava da Re “In Sardegna, tra gente rimasta appartata e quasi isolata dal resto del mondo, si prolunga, più...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della...

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro