Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Sharapova: Masha, questo non è un Cartoon..

Maria Sharapova dopata? O ingenua. O entrambe? La conferenza stampa della tennista siberiana scuote le fondamenta del tennis, già provate dagli scandali sulle partite truccate.

La notizia è nota: Maria Sharapova, 5 titoli Slam, 35 tornei vinti in totale, tennista più bella e pagata al mondo, non ha superato un controllo anti-doping a Melbourne. Il farmaco che la inchioda è il Meldonium. La ragazza ammette di assumerlo regolarmente da 10 anni, su prescrizione medica, per la cura contro il diabete. E poi si scusa per un errore imperdonabile.  Le è sfuggita una mail: una comunicazione della WADA che ha inserito il Meldonium fra i medicinali vietati. Perché dopanti. Un dettaglio che può infangare una carriera costellata di vittorie e successi. Su cui, adesso, pende la spada di Damocle del dubbio. Masha, in conferenza stampa urbi et orbi, si dichiara reo confessa, e cerca di salvare il salvabile.

Il suo messaggio: sono stata ingenua. Il dubbio dell’opinione pubblica: ha giocato pulito?

Meglio un po’ di chiarezza. In primis: cosa è il Meldonium? Trattasi di mildonatro. Farmaco anti – ischemia prodotto e commercializzato dalla Grindeks, società farmaceutica che ha sede in Lettonia. Informazioni basilari. Da approfondire. Come? Attingendo a “Pubmed” database di letteratura scientifica biomedica dal 1949 ad oggi. Non è difficile: basta un pizzico di pazienza, un buon vocabolario d’inglese.

Dalla ricerca emerge che il Meldonium è un farmaco con funzione cardioprotettiva. Si utilizza per i trattamenti di scompensi cardiaci, infarto del miocardio, aritmia, ateroscelorosi e diabete. A livello sportivo, il Mildronato garantisce aumento delle prestazioni, resistenza una migliore riabilitazione dopo l’esercizio fisico, la protezione contro lo stress. E il diabete? Nelle indicazioni fornite da pubmed, il Meldonium cura anche questa patologia. É anche vero, però, che solo una fase molto avanzata del diabete provoca scompensi cardiaci e deficit circolatori. Chi è in queste condizioni, non supererebbe la prova di idoneità sportiva. E non sembra, questo, il caso di Maria Sharapova.

Premesso ciò: che senso ha l’assunzione di un farmaco che, di base, aiuta il cuore, se non si hanno problemi cardiaci?

É possibile che Maria Sharapova sia totalmente autonoma nelle proprie scelte riguardo l’assunzione di farmaci?

É mai possibile che a nessuno del suo staff medico (la Sharapova avrà almeno qualche dottore che la segue e sia aggiornato sulle novità provenienti dalla Wada?) abbia letto quella mail “casualmente” sfuggita alla Sharapova?

La sensazione è che la Sharapova sia nei guai e voglia raccontarci una favola nascondendosi dietro un sorriso d’angelo e la maschera di bronzo. Come il suo alter-ego Masha, la ragazzina russa che combina guai e poi chiede scusa. Questo, però, non è un cartoon. E l’orso del sospetto è particolarmente suscettibile e poco incline al perdono. Non si scioglierà certo di fronte a qualche lacrima. Nel dubbio, alcuni dei suoi più illustri sponsor la hanno già scaricata. Masha piange, chiede scusa. Quel viso pulito ha giocato pulito in questi anni? Lei, faccia d’angelo, giura di sì. Credergli è difficile. Decideranno, comunque, i giudici.

FOTO: www.bgr.com

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Ieri si ricordava la morte, datata 1982, di Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Nel 1992 il tennista afroamericano Arthur Ashe dichiarava al mondo intero la sua sieropositività a causa di...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire La riapertura dell’indagine da parte del procuratore capo di Rimini, Elisabetta Melotti, sulla morte...

Interviste

A tu per tu con Corrado Barazzutti, il “Soldatino” del Tennis italiano In questa magica estate in cui è lo sport italiano si è...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 1997 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 20 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 69 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro