Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A Vendesi: tra le due litiganti la Spagna gode. E diventa “Monopolista”

E cosi la Spagna si è presa il calcio italiano? Calma, c’è tempo. Però l’asta dei diritti tv lascia in eredità uno scenario alquanto complesso. Da una parte, Mediapro. Dall’altra, le emittenti televisive digitali e satellitari costretti a rivedere l’asta.


 

Galeotta fu l’offerta

Mediapro ha fatto saltare il banco offrendo “appena” 1000 euro in più rispetto alla base d’asta. Per essere precisi, la società iberica ha messo sul piatto un miliardo e cinquanta milioni e mille euro. Quanto basta per mandare su tutte le furie Sky. L’emittente di Rogoredo è la vera sconfitta. Ha già inoltrato ricorso e diffidato l’azienda iberica. Adesso la palla passa all’Antitrust che ha quarantacinque giorni di tempo per ratificare la cessione. Un atto puramente formale.

Sky diffida ma la strada è in salita

Sky, attraverso i suoi legali, ha già diffidato la Lega dall’assegnare al colosso spagnolo i diritti audiovisivi poiché Mediapro avrebbe agito presentando un’offerta da operatore della comunicazione e non da intermediario indipendente.  La base dell’azione legale affonda le radici sul presunto comportamento di Mediapro. Gli spagnoli, nel corso della trattativa, hanno avviato una negoziazione con la Lega per realizzare anche un canale ufficiale, curandone palinsesti e veste editoriale. Secondo Sky quest’azione viola il paragrafo 5.3 del secondo Invito e l’assegnazione non è compatibile con le linee guida del “no single buyer rule”.  Ovvero, la preclusione di un operatore di aggiudicarsi i diritti in esclusiva.

E gli abbonati?

In tutto questo resta da capire chi e quando trasmetterà il calcio in tv. È tutto molto semplice: è sufficiente aspettare. Non vi sono, al momento, certezze, se non quella che le emittenti dovranno trattare con Mediapro l’acquisto dei diritti televisivi. In questo senso, la situazione è molto fluida. Il colosso iberico ha a disposizione i diritti audiovisivi del campionato di serie A e presto potrebbe aggiungervi la B. E destinarli al miglior offerente. Dunque Sky e Mediaset dovranno trattare con Mediapro per trasmettere il calcio. Cosi come non è per niente remota l’ipotesi di un canale ad hoc della Lega, da “piazzare” in un bouquet Mediaset o Sky (come Eurosport, per capirsi). Infine il nuovo “package” coinvolgerà anche i device di ultima generazione: quindi anche i colossi della telefonia e di internet potrebbero scendere in campo. In aggiunta ovviamente alle TV. Ricapitolando: Mediapro ha acquistato i diritti per rivenderli, non avendo una tv. Dunque le piattaforme digitali e satellitari devono trattare con Mediapro che, essendo un indipendente, può creare anche pacchetti per colossi telefonici e telematici. Occhio dunque anche a Netflix, Amazon e Facebook. Il territorio è vasto e c’è spazio per tutti…basta pagare.

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

TV

Sta per ripartire una nuova stagione calcistica, per certi versi la più strana e desueta dagli ultimi anni: la situazione legata al Covid è...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Ikurriña e rivoluzione: la partita di calcio che cambiò la Storia del popolo basco Una bandiera, nel panorama calcistico attuale, è una delle basi...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro