//

Serie A: ufficiali le 5 sostituzioni, si va verso il no all’algoritmo

Inizia la lettura

Via libera alle cinque sostituzioni anche in Italia. La Figc ha ufficializzato la modifica temporanea promossa dalla Fifa e approvata dall’Ifab per fronteggiare l’enormità di partite ravvicinate delle squadre che riprenderanno i campionati. Il Consiglio federale ha dato il via libera per un numero massimo di cinque sostituzioni a ciascuna squadra nelle gare delle competizioni programmate fino al termine della stagione 2019/2020. Ogni squadra potrà effettuare le sostituzioni utilizzando al massimo tre interruzioni della gara, oltre all’intervallo previsto tra i due tempi.

In caso di tempi supplementari ci sarà la possibilità di effettuare una quarta interruzione tra il primo e il secondo tempo supplementare, oltre a quelle previste tra la fine dei tempi regolamentari e l’inizio del primo tempo supplementare, ovviamente solo nel caso in cui al termine dei tempi regolamentari siano stati sostituiti meno di cinque calciatori o calciatrici. L’altra novità riguarda la bocciatura, da parte dell’Assemblea di Lega, dell’ormai famigerato algoritmo.

In caso di nuovo stop la classifica finale sarà formulata con la media punti (in casa e in trasferta) moltiplicata per le rispettive partite mancanti e servirà per ufficializzare solo le posizioni utili per la qualificazione alle due coppe europee. Per l’assegnazione dello scudetto e per definire le squadre retrocesse sarà invece necessaria la certezza aritmetica al momento dello stop. L’8 giugno il Consiglio Federale potrebbe ratificare questa proposta. 

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Articoli recenti a cura di

Tutti a Tir…ah, no

Tutti a Tir…ah, no Visto dall’alto, sembra uno di quei plastici della Lego esposti nei negozi