Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato?

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato?

Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire è già tutto pronto per il calcio di inizio del campionato di serie A 2021-2022, con la prima giornata in programma nel weekend tra il 21 e il 22 agosto. Ma che annata sarà? L’Inter riuscirà a confermare lo scudetto nonostante il cambio in panchina, con Inzaghi che ha preso il posto del cannibale Conte o dovrà cedere il passo alla Juve del rientrante Allegri? Il Milan di Pioli riuscirà a confermarsi ad alti livelli o sarà costretta a lasciare strada alla Roma dello special one Mourinho o alla ormai grande Atalanta di Gasperini? Il Napoli di Spalletti e la Lazio di Sarri riusciranno a essere le sorprese e a inserirsi nella lotta per la zona Champions? Quel che è certo è che sarà una stagione da non perdere, nella quale varrà la pena di seguire i risultati in tempo reale minuto per minuto, e nella quale le sorprese davvero non mancheranno.

Il valzer delle panchine

Di sicuro, mentre le rose delle squadre sono ancora in via di definizione e il futuro di molti super big è ancora incerto, le sette sorelle hanno tutte giocato d’anticipo nella scelta di chi dovrà guidare la corsa al Tricolore e non hanno badato a spese andando a caccia del meglio sul mercato.

A iniziare dalla Juventus che, archiviata l’esperienza Pirlo, ha puntato su un ritorno davvero eccellente, quel Max Allegri che a Torino ha vinto cinque scudetti consecutivi e conquistato due finali di Champions, che torna sotto la Mole dopo aver rifiutato il corteggiamento dei top club europei. Abbastanza per far diventare la Juventus favorita d’obbligo, nonostante il quarto posto 20-21 conquistato all’ultima giornata e un mercato ancora da decifrare, soprattutto per quanto riguarda il destino di Ronaldo e Dybala.

Dietro di un’incollatura l’Inter, che ha lo scudetto cucito sul petto ma non il condottiero che l’ha guidata alla storica conquista. Antonio Conte infatti ha deciso di prendersi un anno sabbatico, non convinto del progetto nerazzurro, e mister Zhang per sostituirlo ha ripiegato su Simone Inzaghi, in arrivo dalle buone annate alla Lazio ma già costretto ad assistere alla partenza di Hakimi e in trepidante attesa di fronte agli altri assalti di alcune big europee intorno ad altri due gioielli: Milan Skriniar e Lautaro Martinez.

Le conferme

Appaiate dietro il duo di testa le uniche big che hanno deciso di confermare i loro allenatori: l’Atalanta di Gasperini e il Milan di Pioli. Entrambe reduci da una stagione al di sopra delle aspettative, con un secondo e un terzo posto conquistato a fine stagione, e il vantaggio di partire da un progetto già rodato e in continua evoluzione. Con i nerazzurri che ormai sono una presenza stabile tra le prime forze del campionato, e della Champions, e si sentono pronti alla consacrazione definitiva, e il Diavolo che ritrova l’Europa che conta, con una bella iniezione di fiducia e di liquidità, e che vuole dimostrare di non soffrire di vertigini.

Lo Special One

Una corsa a quattro dunque? Non è detto. Anche le altre sorelle del calcio hanno fatto le cose in grande. A iniziare dalla Roma che nella capitale ha portato un mister che non ha bisogno di presentazioni: José Mourinho. Accolto come un profeta ha subito chiarito che tra tre anni si vede in strada a festeggiare, ma non è da escludere che lo Special One possa anticipare i tempi, trascinato da un ambiente difficile quanto esaltante come quello giallorosso. Il tutto sempre che siano d’accordo i cugini della Lazio, che hanno sostituito Inzaghi con un tecnico che dall’Italia è andato via con lo scudetto cucito in petto e che vuole dimostrare che la sua idea di calcio oltre che bella è anche vincente: Maurizio Sarri. Molto da dimostrare ha anche Luciano Spalletti chiamato a guidare un Napoli sempre a un passo dalla consacrazione, che arriva con ancora l’amaro in bocca per il mancato accesso alla Champions, nonostante un 20-21 a tratti esaltante.

Quello che si annuncia insomma è un campionato equilibrato, tutto da scoprire e chiaramente da seguire dal primo all’ultimo minuto.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro