Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A, “premio” paracadute: quando retrocedere conviene

[themoneytizer id=”27127-1″]

Serie A, “premio” paracadute: quando retrocedere conviene

La stagione di Serie A che sta per concludersi ha ancora qualcosa da dire in merito agli ultimi due posti Champions, a quelli dell’Europa League, e all’ultima squadra che retrocederà.

Proprio quest’ultimo verdetto è sotto alcuni punti di vista il più interessante da seguire, vista la riforma voluta dalla gestione Tavecchio che ha introdotto il bonus paracadute per i club che arretrano in cadetteria.

Nel caso specifico, Genoa, Fiorentina ed Empoli (le tre squadre a rischio), potrebbero godere di importanti vantaggi economici qualora dovessero affrontare il campionato di B nella prossima stagione, partendo comunque dal presupposto che una retrocessione nuocerebbe gravemente all’umore delle tifoserie e all’immagine delle piazze coinvolte, Firenze su tutte.

La riforma introdotta dalla Lega nella stagione 2015/2016 infatti vuole l’esistenza di un risarcimento per le ultime tre classificate del campionato, che varia a seconda dei risultati dei club nelle ultime stagioni. Questi vengono perciò classificati in tre diverse fasce, in base al numero di campionati di A disputati nella storia recente:

  • Nella fascia A sono inserite le neopromosse che retrocedono dopo aver disputato una sola stagione nella prima serie;
  • Nella fascia B sono presenti le squadre che retrocedono dopo aver militato nel campionato maggiore per due volte negli ultimi tre anni, anche non consecutivamente;
  • Nella fascia C infine sono inclusi tutti quei club che arretrano in cadetteria e che hanno partecipato alla Serie A per almeno tre volte negli ultimi quattro anni, anche non consecutivamente.

Perciò, vengono attribuiti 10 milioni di euro alle società di fascia A, 15 alla fascia B e addirittura 25 alle società di fascia C.

Il Chievo, già retrocesso, ha perciò beneficiato del rimborso più ampio, mentre al Frosinone è toccato “accontentarsi” di quello più economico. Qualora dovesse retrocedere, l’Empoli entrerebbe nella fascia intermedia e riceverebbe di conseguenza 15 milioni, mentre 25 spetterebbero eventualmente sia al Genoa che alla Fiorentina.

Sicuramente, l’idea alla base del bonus paracadute è anche quella di evitare ingenti perdite alle squadre che si ritrovano ad affrontare il campionato di B, subendo i conseguenti danni d’immagini e senza poter contare sugli importanti ricavi dei diritti televisivi, presenti invece nel campionato maggiore.

Il rimborso però appare molto funzionale anche per tutti quei club la cui ultima stagione è stata fallimentare e perciò costretti a non potersi avvalere di grandi plusvalenze per sanare il bilancio, dovendo al contrario rifondare interamente la rosa (con l’aggiunta nella maggior parte dei casi di un nuovo allenatore ed un nuovo d.s.) e costruire un nuovo ciclo.

E’ il caso del Chievo Verona che, retrocesso con ampio anticipo rispetto alla fine del campionato grazie anche alla penalizzazione per falso in bilancio, ha sicuramente avuto tempo e modo di organizzare la prossima annata di cadetteria con il grande contributo del paracadute, che lo proietta quindi tra le favoritissime a tornare a calcare i campi della Serie A.

Non ci sarebbe perciò da stupirsi troppo se al termine di questa stagione, o di quelle future, le squadre in lotta per la salvezza decidessero di “accontentarsi” di trascorrere un anno di rodaggio in Serie B, edificando solide fondamenta per le annate che verranno, a base di plusvalenze e successi sportivi.

Altro elemento molto paradossale della riforma è che tra i suoi principali sostenitori ci fosse il “solito” Zamparini, all’epoca dei fatti presidente del Palermo e coinvolto in molti provvedimenti più ambigui del calcio italiano, tanto da essere costantemente sotto i riflettori della giustizia penale.

Probabilmente quindi, il paracadute è una delle trasformazioni più pericolose della storia recente della Serie A, in quanto esso snatura profondamente il significato delle vittorie e quello delle sconfitte, rendendo quasi insignificante l’assunto che vincere sia meglio che perdere.

Perché in fin dei conti, di quello che diceva De Coubertin non è mai importato a nessuno.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro