Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Serie A: il calcio italiano continua a perdere soldi

La crisi del calcio italiano non accenna a fermarsi. Anzi. Come rivela uno studio condotto dalla Gazzetta dello Sport, se da una parte sono aumentati i ricavi del 2.2% (da 1800 milioni a 1840), restano forti le perdite che si assestano su un passivo di 365 milioni annui, vale a dire un milione al giorno nella stagione 2014-2015.

Numeri impietosi che lo diventano maggiormente se al dato aggregato aggiungiamo anche l’esposizione del Parma che, a causa del fallimento, non ha presentato il bilancio. Allarmante anche la comparazione con l’esercizio del campionato 2012-2013 dove il debito era di 151 milioni: in poche parole, in soli due anni il passivo è più che raddoppiato, passando per la stagione scorsa con -220 milioni. Se da una parte i ricavi crescono, anche se di poco, grazie principalmente ai diritti tv che rappresentano il 60% delle entrate, dall’altra sono aumentati i costi di gestione in particolare quelli relativi agli stipendi ( la metà dei costi complessivi di 2.4 miliardi) e la riduzione delle plusvalenze per 100 milioni circa.

Per quanto riguarda le società di calcio, l’esposizione debitoria è aumentata soprattutto nei confronti di banche ed istituti di credito (1,1 miliardi su 1,7 totali, 11% di incremento) e una parte verso i fornitori (6%).

Al termine della stagione scorsa, su 19 squadre iscritte alla Serie A, 12 hanno presentato un bilancio in rosso, escludendo sempre il Parma per i motivi che tutti sappiamo. Sul podio delle indebitate troviamo Inter, seguita da Milan e Roma, seguite da Fiorentina e Genoa. Per le squadre di Thohir e Pallotta è già in atto, da più di un anno, anche a seguito delle ispezioni dell’UEFA, una ristrutturazione del debito. Il lato positivo della medaglia è rappresentato da Juventus con un attivo di 2.3 milioni, grazie a stadio di proprietà e marketing, seguita da Torino, Lazio, Chievo ed Empoli. Quindi, sebbene la situazione degli introiti sia positiva, come aveva rivelato uno studio della britannica Deloitte, la fettuccia attivo/passivo si sta allargando sempre più e necessita di una strategia convincente per ridurre i costi e gestire le singole situazioni in maniera virtuosa. Altrimenti la fine è più vicina di quello che si può pensare.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 44 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma che, dopo aver lasciato...

Calcio

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A Oggi pomeriggio si giocherà al San Paolo Napoli – Genoa, valevole...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 se ne andava all’età...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro