Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A: 20 squadre, tanta noia e una riforma necessaria

Un tema che ciclicamente torna d’attualità per ciò che riguarda il calcio italiano è la riforma dei campionati. La formula della Serie A a venti squadre adottata dalla stagione 2004-05 è stata più volta messa in discussione ma senza mai venir veramente presa in considerazione. E’ sembrata sempre un cavallo di battaglia elettorale come la disoccupazione, la sanità e la sicurezza nella politica: un argomento buono per tutte le stagioni che poi non viene mai realmente preso in esame.

CLASSIFICA ATTUALE- La graduatoria attuale della Serie A è lì quasi a dimostrare il fallimento della riforma a venti squadre. Un campionato praticamente già deciso a Natale con una squadra nettamente più forte delle altre (manco a dirlo la Juventus), una mischia per accaparrarsi disperatamente i posti Champions (riservata a 4-5 squadre che se non riescono a prendere il treno Champions fanno fatica a fare mercato) e poi il nulla più totale fino ad arrivare alla zona retrocessione con tre squadre già ampiamente staccate che sembrano ormai condannate a scendere nella serie cadetta. Certo in mezzo non possiamo dimenticare la bella favola dell’Atalanta che però con tutti gli sforzi è al sesto posto in classifica e non può di certo ambire a nessun grande traguardo. Se togliamo la giovane e talentuosa squadra neroazzurra di Gasperini, il resto delle squadre che è a metà classifica già non ha più nulla da chiedere al campionato: pensiamo alle due genovesi che sono proprio nel mezzo della graduatoria, lontane 10 punti dall’ultimo posto utile per l’Euoropa League occupato dal Milan (con una gara in meno), e totalmente al sicuro da ogni pericolo retrocessione avendo già 13 lunghezze di vantaggio sul Palermo terz’ultimo. Pensiamo a squadre come Bologna e Cagliari che ad inizio stagione pensavano ad un campionato di sofferenza che hanno già accumulato rispettivamente ben 10 e 13 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, nonostante non abbiamo fatto un campionato straordinario. Squadre che magari già a gennaio potrebbero pensare di fare cassa vendendo i loro giocatori migliori ai top club pensando già a programmare la prossima annata. Il risultato sarebbe ancora una volta un campionato letteralmente spezzato in due tronconi, con una differenza che ogni anno che passa si fa più profonda.

SPETTACOLO- Tutto questo ovviamente va a discapito dello spettacolo e della competitività del campionato. Ogni anno che passa la sensazione che si ha è che la Serie A perda sempre più appeal e che le uniche emozioni siano relative alla lotta per i piazzamenti in Champions oltre che qualche partita di cartello sperando che non arrivi quando la Juve abbia già chiuso i giochi scudetto. In tutto questo non consideriamo come l’Europa League venga vista da alcune società come una scocciatura più che un traguardo da raggiungere e quindi anche in questo caso gli stimoli e lo spettacolo sono solo una mera chimera. Ecco che allora da gennaio in poi si rischiano di vedere partite prive di significato e dalla scarsa spettacolarità. Un rischio grosso che in qualche modo dovrà essere scongiurato. A dare una mano al calcio italiano ci ha pensato la Uefa con la nuova formula della Champions che permetterà all’Italia di avere sicuramente 4 squadre dalla stagione 2018-19: Questo vorrà dire che già dal prossimo campionato il quarto posto potrà valere oro. Una buona notizia anche a livello economico perché la sicurezza di avere 4 compagini nella massima competizione europea permetterà anche di poter far girare nuovamente il mercato italiano a livello di compravendita di calciatori. Ovviamente questo potrebbe anche aiutare la competitività perché alcune realtà di media grandezza come LazioTorino, Fiorentina o Sassuolo potrebbero veramente ambire al quarto posto ed entrare nel calcio dei grandissimi. La Uefa ha dato quindi una mano al calcio italiano ma adesso è il momento che il calcio italiano si dia una mano da solo e apporti finalmente queste riforme, riportando magari il campionato a 18 squadre come quando la Serie A era il campionato più bello del mondo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Calcio

“E’ stato un colpo maligno della sorte”. Così Mario Cecchi Gori, padre di Vittorio, commenta a caldo la debacle della retrocessione in Serie B...

Calcio

Famosa per le ceramiche e la cucina, Sassuolo negli ultimi mesi si sta facendo un nome anche come terra di portieri. Il 1°dicembre 2019,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro