Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A: 20 squadre, tanta noia e una riforma necessaria

Un tema che ciclicamente torna d’attualità per ciò che riguarda il calcio italiano è la riforma dei campionati. La formula della Serie A a venti squadre adottata dalla stagione 2004-05 è stata più volta messa in discussione ma senza mai venir veramente presa in considerazione. E’ sembrata sempre un cavallo di battaglia elettorale come la disoccupazione, la sanità e la sicurezza nella politica: un argomento buono per tutte le stagioni che poi non viene mai realmente preso in esame.

CLASSIFICA ATTUALE- La graduatoria attuale della Serie A è lì quasi a dimostrare il fallimento della riforma a venti squadre. Un campionato praticamente già deciso a Natale con una squadra nettamente più forte delle altre (manco a dirlo la Juventus), una mischia per accaparrarsi disperatamente i posti Champions (riservata a 4-5 squadre che se non riescono a prendere il treno Champions fanno fatica a fare mercato) e poi il nulla più totale fino ad arrivare alla zona retrocessione con tre squadre già ampiamente staccate che sembrano ormai condannate a scendere nella serie cadetta. Certo in mezzo non possiamo dimenticare la bella favola dell’Atalanta che però con tutti gli sforzi è al sesto posto in classifica e non può di certo ambire a nessun grande traguardo. Se togliamo la giovane e talentuosa squadra neroazzurra di Gasperini, il resto delle squadre che è a metà classifica già non ha più nulla da chiedere al campionato: pensiamo alle due genovesi che sono proprio nel mezzo della graduatoria, lontane 10 punti dall’ultimo posto utile per l’Euoropa League occupato dal Milan (con una gara in meno), e totalmente al sicuro da ogni pericolo retrocessione avendo già 13 lunghezze di vantaggio sul Palermo terz’ultimo. Pensiamo a squadre come Bologna e Cagliari che ad inizio stagione pensavano ad un campionato di sofferenza che hanno già accumulato rispettivamente ben 10 e 13 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, nonostante non abbiamo fatto un campionato straordinario. Squadre che magari già a gennaio potrebbero pensare di fare cassa vendendo i loro giocatori migliori ai top club pensando già a programmare la prossima annata. Il risultato sarebbe ancora una volta un campionato letteralmente spezzato in due tronconi, con una differenza che ogni anno che passa si fa più profonda.

SPETTACOLO- Tutto questo ovviamente va a discapito dello spettacolo e della competitività del campionato. Ogni anno che passa la sensazione che si ha è che la Serie A perda sempre più appeal e che le uniche emozioni siano relative alla lotta per i piazzamenti in Champions oltre che qualche partita di cartello sperando che non arrivi quando la Juve abbia già chiuso i giochi scudetto. In tutto questo non consideriamo come l’Europa League venga vista da alcune società come una scocciatura più che un traguardo da raggiungere e quindi anche in questo caso gli stimoli e lo spettacolo sono solo una mera chimera. Ecco che allora da gennaio in poi si rischiano di vedere partite prive di significato e dalla scarsa spettacolarità. Un rischio grosso che in qualche modo dovrà essere scongiurato. A dare una mano al calcio italiano ci ha pensato la Uefa con la nuova formula della Champions che permetterà all’Italia di avere sicuramente 4 squadre dalla stagione 2018-19: Questo vorrà dire che già dal prossimo campionato il quarto posto potrà valere oro. Una buona notizia anche a livello economico perché la sicurezza di avere 4 compagini nella massima competizione europea permetterà anche di poter far girare nuovamente il mercato italiano a livello di compravendita di calciatori. Ovviamente questo potrebbe anche aiutare la competitività perché alcune realtà di media grandezza come LazioTorino, Fiorentina o Sassuolo potrebbero veramente ambire al quarto posto ed entrare nel calcio dei grandissimi. La Uefa ha dato quindi una mano al calcio italiano ma adesso è il momento che il calcio italiano si dia una mano da solo e apporti finalmente queste riforme, riportando magari il campionato a 18 squadre come quando la Serie A era il campionato più bello del mondo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League Ha compiuto ieri 47 anni Gaizka Mendieta, il centrocampista basco che dopo...

Calcio

Cesare Prandelli: il coraggio di fermarsi e il tempo che non torna più “No, il tempo non torna più. E ieri non eri tu,...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro