Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Serie A: 20 squadre, tanta noia e una riforma necessaria

Un tema che ciclicamente torna d’attualità per ciò che riguarda il calcio italiano è la riforma dei campionati. La formula della Serie A a venti squadre adottata dalla stagione 2004-05 è stata più volta messa in discussione ma senza mai venir veramente presa in considerazione. E’ sembrata sempre un cavallo di battaglia elettorale come la disoccupazione, la sanità e la sicurezza nella politica: un argomento buono per tutte le stagioni che poi non viene mai realmente preso in esame.

CLASSIFICA ATTUALE- La graduatoria attuale della Serie A è lì quasi a dimostrare il fallimento della riforma a venti squadre. Un campionato praticamente già deciso a Natale con una squadra nettamente più forte delle altre (manco a dirlo la Juventus), una mischia per accaparrarsi disperatamente i posti Champions (riservata a 4-5 squadre che se non riescono a prendere il treno Champions fanno fatica a fare mercato) e poi il nulla più totale fino ad arrivare alla zona retrocessione con tre squadre già ampiamente staccate che sembrano ormai condannate a scendere nella serie cadetta. Certo in mezzo non possiamo dimenticare la bella favola dell’Atalanta che però con tutti gli sforzi è al sesto posto in classifica e non può di certo ambire a nessun grande traguardo. Se togliamo la giovane e talentuosa squadra neroazzurra di Gasperini, il resto delle squadre che è a metà classifica già non ha più nulla da chiedere al campionato: pensiamo alle due genovesi che sono proprio nel mezzo della graduatoria, lontane 10 punti dall’ultimo posto utile per l’Euoropa League occupato dal Milan (con una gara in meno), e totalmente al sicuro da ogni pericolo retrocessione avendo già 13 lunghezze di vantaggio sul Palermo terz’ultimo. Pensiamo a squadre come Bologna e Cagliari che ad inizio stagione pensavano ad un campionato di sofferenza che hanno già accumulato rispettivamente ben 10 e 13 punti di vantaggio sulla zona retrocessione, nonostante non abbiamo fatto un campionato straordinario. Squadre che magari già a gennaio potrebbero pensare di fare cassa vendendo i loro giocatori migliori ai top club pensando già a programmare la prossima annata. Il risultato sarebbe ancora una volta un campionato letteralmente spezzato in due tronconi, con una differenza che ogni anno che passa si fa più profonda.

SPETTACOLO- Tutto questo ovviamente va a discapito dello spettacolo e della competitività del campionato. Ogni anno che passa la sensazione che si ha è che la Serie A perda sempre più appeal e che le uniche emozioni siano relative alla lotta per i piazzamenti in Champions oltre che qualche partita di cartello sperando che non arrivi quando la Juve abbia già chiuso i giochi scudetto. In tutto questo non consideriamo come l’Europa League venga vista da alcune società come una scocciatura più che un traguardo da raggiungere e quindi anche in questo caso gli stimoli e lo spettacolo sono solo una mera chimera. Ecco che allora da gennaio in poi si rischiano di vedere partite prive di significato e dalla scarsa spettacolarità. Un rischio grosso che in qualche modo dovrà essere scongiurato. A dare una mano al calcio italiano ci ha pensato la Uefa con la nuova formula della Champions che permetterà all’Italia di avere sicuramente 4 squadre dalla stagione 2018-19: Questo vorrà dire che già dal prossimo campionato il quarto posto potrà valere oro. Una buona notizia anche a livello economico perché la sicurezza di avere 4 compagini nella massima competizione europea permetterà anche di poter far girare nuovamente il mercato italiano a livello di compravendita di calciatori. Ovviamente questo potrebbe anche aiutare la competitività perché alcune realtà di media grandezza come LazioTorino, Fiorentina o Sassuolo potrebbero veramente ambire al quarto posto ed entrare nel calcio dei grandissimi. La Uefa ha dato quindi una mano al calcio italiano ma adesso è il momento che il calcio italiano si dia una mano da solo e apporti finalmente queste riforme, riportando magari il campionato a 18 squadre come quando la Serie A era il campionato più bello del mondo.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro