Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Senza di me che gioco è?

Quando ti invitano alla consegna di un Premio ci vai spesso se in quel momento della giornata non hai particolari impegni e se la persona che ti ha invitato è una persona che ritieni “speciale” alla quale non puoi dire no. Io al “Premio Sport e Legalità 2018” , che quest’anno è stato consegnato alla Feralpisalò (club che partecipa al campionato di serie C) e al suo presidente Giuseppe Pasini ci sono andato inizialmente per entrambi i motivi.

Ascoltando le motivazioni sembravano le solite belle favole che possono nascere solo nell’Italia ricca, dove qualche  industrialotto locale, per sentirsi importante e considerato dai concittadini si mette a fare il Presidente della squadra di calcio promettendo a tutti grandi risultati e almeno la Champions League, però più passavano i minuti, più mi impregnavo del livello di emozione che si respirava nell’Aula della Giunta del Coni dove si consegnava il Premio.

Tutto quello che immaginavo all’inizio, con infinita gioia, è stato smentito.

Non mi metto a dire del fenomeno sportivo Feralpisalò, di quello parlano gli specialisti della Serie C, un bacino d’utenza di 100.000 persone, una squadra che esce ai play off con il Catania, a Catania, oltre 500 tesserati e uno scudetto vinto qualche giorno fa dalla Berretti. 

No, questi sono numeri da specialisti che indicano dei risultati sportivi che con la programmazione scientifica, con appropriati mezzi tutti posso raggiungere.

Io sono rimasto “emotivamente colpito” dal progetto “senza di me che gioco è?“.

Si chiama Senza di me che gioco è? il progetto della Feralpisalò dedicato a bambini e ragazzi con disabilità.

La nuova scuola calcio è una delle più importanti iniziative pensate per la scorsa stagione 2016-17 e la Feralpisalò è stata la prima società professionistica ad adottare questo modello all’interno del proprio settore giovanile.
Dall’attenzione da sempre riservata ai giovani è nato il desiderio di utilizzare le proprie risorse per dare la possibilità a tutti di partecipare all’attività calcistica. Un’idea sentita e fortemente condivisa, alla quale ci si è approcciati con slancio ma con la cognizione del fatto che fosse necessaria una competenza specifica per dare delle basi solide ad una iniziativa che non voleva essere fine a sé stessa ma che potesse crescere e strutturarsi nel tempo.

L’IDEA – La Convenzione ONU definisce la disabilità come la risultante complessa della relazione tra la persona, nella sua condizione personale, e gli ambienti di vita. Partendo da tale assioma è chiaro che la variabile su cui è necessario lavorare per diminuire il livello di disabilità è l’ambiente. Dal desiderio della società e da questa riflessione è nato il desiderio di creare un’iniziativa concreta ed efficace che veda come protagonisti i bambini e il loro contesto di vita.

IL PROGETTO – è stato sviluppato un progetto articolato che prevede lo sviluppo di due aree di attività: l’inclusione sociale, attraverso la pianificazione e l’organizzazione di incontri formativi per insegnanti, operatori di gruppi sportivi e genitori, e il benessere emozionale, attivando uno spazio ludico con personale adeguatamente formato che permetta ai ragazzi di svolgere attività sportiva.

A CHI SI RIVOLGE – “Senza di me che gioco è?” è un progetto che è rivolto a bambini e ragazzi diversamente abili. Essi sono seguiti da educatori e tecnici sportivi. L’attività sportiva si svolge con allenamenti settimanali il mercoledì con divisione per fasce di età (8-13 e 14+).

QUARTA CATEGORIA – La Feralpisalò ha composto una squadra di Over 14 nel corso della stagione 2016-17, partecipando al campionato di Quarta Categoria #iovogliogiocareacalcio…in Lega Pro. Questo è stato il primo torneo ufficiale al quale hanno partecipato i Leoni del Garda. Un primo grande traguardo che ha permesso ad essi di vivere a pieno la realtà sportiva, caratterizzata non solo da singole sessioni di allenamento ma anche da quel pizzico di sano e divertente agonismo dato dal confronto con altri amici sul campo.

Durante la premiazione è stato presentato un video che è stato “partecipato” molto intensamente a livello emotivo. Per un attimo tutti i partecipanti (c’era gente navigata nel calcio come Gravina, Abete, Ghirelli) sono rimasti magnetizzati dalle immagini che vedevano ragazzi dai 14 ai 33 anni “giocare” felici una partita vera. Ho visto la gioia di fare un gol, la gioia di fare una parata, la meraviglia nell’essere riuscito a fare un passaggio a un amico con la maglia dello stesso colore “personalizzata”. Uno stadio attento che seguiva e che applaudiva, una forte sensazione che il nostro “pallone” basta che rotoli nel mondo sa regalare. Tutto questo in un silenzio “emozionato”.

Lo so è stato solo una piccola parte di una delle tante giornate calde di giugno senza la nostra Italia al mondiale.

Ma se la nostra Italia tornasse ad essere più tollerante verso chi vive tutti giorni enormi difficoltà, se si aprisse di più a questo mondo ormai solo pieno di cose e ambizioni sfrenate, torneremmo sicuramente a vincere il Mondiale della solidarietà e del rispetto verso tutti. Questo è un campionato che non boccia nessuno e che promuove tutti.

Grazie Presidente Pasini per quello che fa con il cuore per questa parte del nostro Paese troppo spesso abbandonata a se stessa. Sono felice che in Italia esistano ancora delle persone che nella professione hanno raggiunto importanti gratificazioni morali e materiali e che sanno mettere contemporaneamente a disposizione le loro energie e passioni per rendere la vita della comunità migliore. Bisogna sperare, e lei ci ha regalato un po’ di speranza, che ciascuno di noi riconosca nel vicino un amico e che la cooperazione e solidarietà restituiscano al nostro Paese la giusta serenità e normalità, che in questo momento purtroppo manca.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: La “Sindrome di Ronaldo” Il 20 Novembre si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia...

Calcio

Predrag Pasic: una scuola calcio per resistere alla Guerra Compie oggi 62 anni Predrag Pasic, l’ex calciatore dell’ex Jugoslavia, che è voluto tornare in...

Altri Sport

Quattro anni fa ho conosciuto la storia di Nicoletta Tinti, avendo modo anche di parlare con lei. Nicoletta è una ballerina di ginnastica ritmica,...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Fu dopo la perdita di mio padre. Ero seduto sui gradini della camera mortuaria. Un amico...

Altri Sport

Lo Skate Football è lo Sport più bello per l’Africa Che il calcio sia lo sport più amato al mondo, si sa. Che esistono...

Sport & Diritti

Smart Games: lo Sport a casa di Special Olympics per contrastare il Coronavirus “Everywhere We Play”, il Claim che accompagna questo evento la dice...

Altri Sport

La risposta di Special Olympics alla quarantena: “Insieme siamo più forti” L’isolamento che insegna il valore dell’inclusione Nello stare lontani si può comunque essere...

Non solo sport

Ciao, sono Maria. Ma a noi chi ci pensa? Mi chiamo Maria, ho nove anni e sono autistica. Mio padre ha il vizio di...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Bebe Vio, la Regina della Resilienza Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Si voleva suicidare. Così dissero i genitori. Quando apprese dell’amputazione degli arti...

Altri Sport

Roberto La Barbera, come diventare SuperUomini Diventare campioni è qualcosa che il destino riserva a pochi uomini. Diventare SuperUomini è una questione di mentalità,...

Calcio

Parafrasando Totò, “la palla ‘o ssaje ched’e?  Una livella”. Non esiste gioco più “comunista” del calcio, nel suo unire, nel suo tirar fuori da...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Progetto Safe, un ambiente più sicuro per i nostri giovani La corretta crescita di un giovane è inevitabilmente connessa all’ambiente che lo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro