Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Doping

Se una bistecca ti salva la carriera: il Clenbuterolo e il nuovo modo di fregare l’Antidoping

Dopati per colpa di una bistecca? La scusa dei positivi al Clenbuterolo manda in confusione l’anti-doping.

L’ Agenzia mondiale Anti-doping (WADA) ha ammesso di non essere in grado di stabilire se il mancato superamento dei test anti-doping a causa della presenza di Clenbuterolo sia da attribuire ad un abuso volontario di farmaci o all’aver ingerito involontariamente della carne contaminata.

L’agenzia ha voluto però specificare che il fallimento dei test in quei paesi considerati ad alto rischio contaminazione della carne, come Cina e Messico, non è un lascia passare all’abuso della sostanza. Il direttore esecutivo della massima agenzia mondiale in tema di anti-doping, Oliver Rabin, ha dichiarato che un’indagine individuale andrà eseguita per ogni singolo caso.

In questo senso un aiuto per capire meglio l’origine della positività al Clenbuterolo può darla l’analisi del cuoio capelluto che, anche se non è una prova assoluta, indica con più accuratezza l’esposizione alla sostanza. Sempre secondo Rabin, la ricerca scientifica potrà dare in futuro lo strumento per poter distinguere con certezza l’origine della presenza di questa sostanza proibita.

Uno degli ultimi casi è stato quello del Boxer Canelo Alvarez che ha fallito due test antidoping per colpa del Clenbuterolo mentre stava svolgendo un training camp a Guadalajara ed ha dato la colpa alla carne contaminata. La WADA non ha fermato l’atleta perché in questo caso, secondo i ricercatori, la presenza del Clenbuterolo combaciava con il range di quantità a seguito dell’assunzione di carne contaminata.

Altro esempio eclatante di positività al Clenbuterolo fu quello del ciclista Alberto Contador a cui vennero tolti il Tour de France 2010 ed il Giro d’Italia del 2011. In seguito la Corte d’Arbitraggio Sportiva sentenziò che anche in questo caso la colpa era da attribuire ad un’ingestione accidentale di carne contaminata.

Sempre nel 2011 più di 100 calciatori che parteciparono al mondiale U-17 in Messico vennero trovati positivi al clenbuterolo. Stesso discorso per alcuni sprinters Giamaicani durante le Olimpiadi del 2008 a Pechino. In quest’ultimo caso il comitato Olimpico internazionale si espresse asserendo che il livello di positività non era così elevato da far prendere provvedimenti.

Sempre Rabin, che non vuole parlare di singoli casi ha espresso le difficoltà particolari legale al Clenbuterolo ed ai provvedimenti da prendere: “Il Clenbuterolo essendo, a differenza di altre sostanze, non metabolizzato direttamente dal corpo umano è difficile da analizzare perché non ci sono linee guida e parametri “normali” di presenza dello stesso nel sangue.”

E’ vero che in alcuni Stati come Messico e Cina c’è un altissimo rischio di carne contaminata ad altissima concentrazione di Clenbuterolo però, come abbiamo parlato in un altro articolo su questa sostanza, gli incredibili effetti di questa sostanza per la preservazione della massa magra e l’aiuto a perdere quella grassa è sotto gli occhi di tutti e l’attenuante della carne, spesso sembra molto più solo una scusa una volta che si viene beccati.

Che cos’è il Clenbuterolo? Leggi il nostro approfondimento.

foto: www.int.laborundmore.com

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba  L’11 giugno 2012 moriva a Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita non...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Altri Sport

A tu per tu con Daniele Masala, il Professore del Pentathlon italiano A poco più di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo dà...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Altri Sport

Festa della Mamma: Alysia Montano, la donna incinta che corse gli 800 metri Si celebra oggi la Festa della Mamma 2021. Per celebrare le...

Altri Sport

A tu per tu con Pino Maddaloni, l’oro di Scampia Archiviati gli europei di Judo a Lisbona con tre medaglie raggiunte dagli azzurri, ottimo...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri In questo difficile e complesso momento che stiamo vivendo il...

Altri Sport

A tu per tu con Carmen Rocchino, il presente e il futuro del nuoto sincronizzato Abbiamo avuto il piacere di intervistare Carmen Rocchino, astro...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro