Connect with us

Cerca articoli

Basket

Se fai figli non giochi: l’assurda clausola del basket spagnolo

Fa ancora molto discutere la scoperta fatta dalla rivista Marca.

Secondo il quotidiano spagnolo infatti esisterebbero contratti che prevedono esplicitamente l’allontanamento dalla squadra senza alcun indennizzo in caso di gravidanza di una giocatrice.

 Ad ammetterlo anche Leopoldo Ibañez, presidente dell’Universitario Ferrol, una delle maggiori squadre di pallacanestro femminile spagnole.

“Esiste in molti contratti che ho visto, soprattutto con giocatrici straniere. Sono firmati sia dal club sia dalle giocatrici sia dai loro agenti”.

“Deficiente conducta personal” è il motivo di rescissione nel quale viene inclusa la clausola anti gravidanza nei contratti.

Contratti che vengono analizzati ed approvati sia dalla FIBA sia dalla FEB.

Una gravidanza paragonata a gravi carenze comportamentali.

 E se è vero che al momento non si conoscono casi in cui una giocatrice sia stata allontanata proprio a causa di questa clausola, è altrettanto vero che tale regola non ha alcun senso all’interno dell’ordinamento giuridico spagnolo.

 A portare a galla per prima la questione l’avvocatessa Maria Josè Lopez Gonzalez che, analizzando contratti di giocatrici spagnole di pallacanestro, si è accorta della presenza di tali clausole.

Sono clausole del tutto nulle ma che esistono a causa di un mancanza regolamentare. Le giocatrici, in base alla Legge sullo Sport, non sono considerate lavoratrici professioniste”.

 Si è subito espresso, una volta allertato, anche il Consiglio Superiore dello Sport (CSD) per bocca dall’allora presidentessa Ana Muñoz: “è una vergogna, un’illegalità e una grande ingiustizia”.

Lo scandalo si è allargato ad altri sport, calcio e pallamano su tutti.

Ho firmato contratti con questa clausola per club spagnoli. La gravidanza era tra i motivi di possibile rescissione accanto alla pratica di sport estremi e alle mancanze comportamentali” ha raccontato Mariajo Pons, portiere di vari club femminili spagnoli, oggi in forza al Saragozza.

“Credo che oggi sia meno diffuso ma non siamo comunque tutelate dall’AFE che pensa soprattutto al calcio maschile” ha poi concluso la calciatrice.

Ancora più dura la posizione di Begoña Fernandez, giocatrice di pallamano: “penso di aver firmato contratti con questa clausola in tutti i club spagnoli dove sono stata. Lo fai perché vuoi giocare ad ogni costo. Col senno di poi me ne sarei dovuta andare in Danimarca, dove mi offrivano un contratto con inclusa la possibilità di essere madre”.

È intervenuto infine il ministro dello sport spagnolo, Iñigo Mendez de Vigo, chiedendo a tutte le sportive a conoscenza di questa clausola sul proprio contratto di segnarlo.

Questa clausola non è contemplata in nessuno degli ordinamenti spagnoli e per questa ragione chiunque l’abbia sul proprio contratto conti sul nostro appoggio perché è una situazione completamente intollerabile”.

Una questione spinosa che fa riemergere in maniera marcata le differenze fra lo sport maschile e femminile, anche a livello di tutela da parte delle federazioni.

Il problema non è chi firma queste clausole ma la tutela che l’amministrazione dovrebbe fornire e che invece non dà”. Questa l’opinione conclusiva dell’avvocatessa Lopez Gonzalez.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro