Connect with us

Cerca articoli

Basket

Se fai figli non giochi: l’assurda clausola del basket spagnolo

Fa ancora molto discutere la scoperta fatta dalla rivista Marca.

Secondo il quotidiano spagnolo infatti esisterebbero contratti che prevedono esplicitamente l’allontanamento dalla squadra senza alcun indennizzo in caso di gravidanza di una giocatrice.

 Ad ammetterlo anche Leopoldo Ibañez, presidente dell’Universitario Ferrol, una delle maggiori squadre di pallacanestro femminile spagnole.

“Esiste in molti contratti che ho visto, soprattutto con giocatrici straniere. Sono firmati sia dal club sia dalle giocatrici sia dai loro agenti”.

“Deficiente conducta personal” è il motivo di rescissione nel quale viene inclusa la clausola anti gravidanza nei contratti.

Contratti che vengono analizzati ed approvati sia dalla FIBA sia dalla FEB.

Una gravidanza paragonata a gravi carenze comportamentali.

 E se è vero che al momento non si conoscono casi in cui una giocatrice sia stata allontanata proprio a causa di questa clausola, è altrettanto vero che tale regola non ha alcun senso all’interno dell’ordinamento giuridico spagnolo.

 A portare a galla per prima la questione l’avvocatessa Maria Josè Lopez Gonzalez che, analizzando contratti di giocatrici spagnole di pallacanestro, si è accorta della presenza di tali clausole.

Sono clausole del tutto nulle ma che esistono a causa di un mancanza regolamentare. Le giocatrici, in base alla Legge sullo Sport, non sono considerate lavoratrici professioniste”.

 Si è subito espresso, una volta allertato, anche il Consiglio Superiore dello Sport (CSD) per bocca dall’allora presidentessa Ana Muñoz: “è una vergogna, un’illegalità e una grande ingiustizia”.

Lo scandalo si è allargato ad altri sport, calcio e pallamano su tutti.

Ho firmato contratti con questa clausola per club spagnoli. La gravidanza era tra i motivi di possibile rescissione accanto alla pratica di sport estremi e alle mancanze comportamentali” ha raccontato Mariajo Pons, portiere di vari club femminili spagnoli, oggi in forza al Saragozza.

“Credo che oggi sia meno diffuso ma non siamo comunque tutelate dall’AFE che pensa soprattutto al calcio maschile” ha poi concluso la calciatrice.

Ancora più dura la posizione di Begoña Fernandez, giocatrice di pallamano: “penso di aver firmato contratti con questa clausola in tutti i club spagnoli dove sono stata. Lo fai perché vuoi giocare ad ogni costo. Col senno di poi me ne sarei dovuta andare in Danimarca, dove mi offrivano un contratto con inclusa la possibilità di essere madre”.

È intervenuto infine il ministro dello sport spagnolo, Iñigo Mendez de Vigo, chiedendo a tutte le sportive a conoscenza di questa clausola sul proprio contratto di segnarlo.

Questa clausola non è contemplata in nessuno degli ordinamenti spagnoli e per questa ragione chiunque l’abbia sul proprio contratto conti sul nostro appoggio perché è una situazione completamente intollerabile”.

Una questione spinosa che fa riemergere in maniera marcata le differenze fra lo sport maschile e femminile, anche a livello di tutela da parte delle federazioni.

Il problema non è chi firma queste clausole ma la tutela che l’amministrazione dovrebbe fornire e che invece non dà”. Questa l’opinione conclusiva dell’avvocatessa Lopez Gonzalez.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Calcio

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi Il 2 ottobre si celebra nel mondo la Giornata Mondiale della Non-violenza nel giorno della nascita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro