Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Scusate il ritardo”: Lapadula, in paradiso con il Diavolo

“Scusate il ritardo”. E’ il post-it di una vita, affisso sulla carriera di Gianluca Lapadula. 26 anni, fisico da cavallino rampante, sorriso sbarazzino alla James Dean, e un’esistenza a tratti “spericolata”, che l’ha condotto fino al Diavolo. Quello che conta però nel dio pallone, il Milan che anche grazie ai suoi centri è tornato a vedere la vetta vicina come raramente era accaduto nell’ultimo quinquennio. La scorsa settimana a Empoli Gianluca ha dimostrato che il colpo di tacco che aveva deciso tre settimane prima la trasferta di Palermo non era stato certo un caso: come non sarà solo ironia della sorte se questo attaccante dalle radici peruviane e dal bagaglio calcistico azzurro si esalta su campi non certo di primo pelo. Al “Castellani” Lapa-gol ha dato mostra del suo repertorio: rapace a centro area quando serve, abile a svariare e colpire con il mancino quando gli spazi si aprono. Tutti felici, poker calato e tanti saluti a Bacca, che intanto tribolava sugli spalti di Siviglia.

E pensare che l’impatto con la realtà rossonera non era stato affatto semplice: dopo l’infortunio estivo, con annessa trasferta statunitense saltata e un inizio di campionato fatto più che altro di spezzoni, Gianluca rischiava di diventare un “oggetto misterioso”. Sensazione quasi confermata il 16 settembre, quando Vincenzo Montella lo ha lanciato titolare contro la Sampdoria più che altro per mandare un messaggio a Bacca. 0-0, sostituzione e ingresso del colombiano a decidere la partita. Seguono altre tre partite, in cui Lapadula si vede  sopravanzato anche da Luiz Adriano. “Non è adatto alla serie A”, “forse ha fatto il salto più lungo della gamba”, “Vedrete, a gennaio tornerà a Pescara”, dove con 27 reti si era meritato il paradiso rossonero.  Lui lavorava in silenzio, con l’agente Gianluca Libertazzi sempre al suo fianco: è abituato a lottare, il “Lapa”. Gli era successo due stagioni fa, quando i suoi 21 centri trascinarono il Teramo ad una grande promozione in Serie B, prima che la Giustizia Sportiva cancellasse il risultato maturato sul campo. Cadetteria comunque conquistata, con la chiamata del Pescara: 10 sulle spalle e…andiamo a comandare. E a conquistare la serie A. In estate sembrava dovesse andare al Sassuolo, oppure Napoli o Juventus. Addirittura al Leicester di Ranieri. Invece ha sposato la causa del Milan tutto italiano. Forse una piccola rivincita anche nei confronti della Vecchia Signora, che l’aveva allontanato dalle giovanili (“Hanno fatto bene” ammise lui) perché non rendeva a scuola.

Sua mamma è nata a Lima, alture peruviane: sarà per questo che a Lapadula sembra non mancare mai l’ossigeno. Polmoni inesauribili, che sopperiscono a una tecnica non sopraffina, gli hanno permesso di scalare posizioni agli occhi di Montella. Dove, nonostante si trovi in una società dalla storia gloriosa, non è certo un baby. Scorriamo l’organico: nella squadra-tipo 8/11 sono italiani, di cui ben cinque Under 23 (Gianluigi Donnarumma, Alessio Romagnoli, Manuel Locatelli, M’Baye Niang e Suso). Montella ha amalgamato in pochissimo tempo un gruppo di calciatori che solo l’emergenza societaria e un mercato di austerità ha potuto far incontrare a Milanello. D’altronde, in  una visita al Portello dell’estate 2014, Silvio Berlusconi lo aveva chiesto: “Un Milan forte, giovane e italiano”. Detto, fatto, in attesa del closing per il passaggio societario. Il risultato che si gode è un Milan secondo in classifica dopo tre anni di anonimato.

Passaggio, ma di consegne, che Lapadula invece sogna: accantonare Bacca non è certo semplice, ma dalla sua ha la fame, il pubblico di San Siro che gli riserva ovazioni ogni volta che mette piede in campo e una media-goal invidiabile: una rete ogni 83 minuti. A Milanello, inoltre, lo adorano tutti. I compagni di squadra raccontano di un professionista esemplare e di un ragazzo che si fa ben volere da tutti: le foto che Lapa posta su Instagram lo confermano. Abbracciato a Kucka in occasione di un incontro con i tifosi, di corsa con il gruppo sotto la Curva per festeggiare una vittoria. Umile, semplice, e soprattutto generoso.  In campo e fuori. Si gode il momento, ma guardia già alla prossima tappa: Crotone. Profumo di provincia, quello che sin qui gli ha tirato fuori il killer instinct. E sulle critiche? Nicchia: “Un mese fa quasi tutta Italia mi considerava un flop di mercato– raccontava – In quel momento, però, ho acquisito ancora più voglia di dimostrare quanto valgo. Ringrazio i miei compagni e il mister perché non mi hanno mai fatto mancare nulla e mi hanno dato modo di esprimermi. Adesso mi sto togliendo delle soddisfazioni. Posso fare ancora di più”.

Infatti, ancora di più: perché quella maglia numero 9, dopo Pippo Inzaghi, non ha ancora trovato un legittimo erede fino a diventare un tabù da sfatare. E, forse, il prescelto non poteva che essere Gianluca Lapadula, arrivato in Serie A a 26 anni, dopo una carriera in cui nessuno gli ha regalato nulla, e abituato alle rincorse.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro