Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Scommesse illegali? Il Vietnam sceglie il male “minore”

A partire dalla fine del prossimo marzo, anche i cittadini vietnamiti potranno scommettere sulle corse dei cavalli e sulle partite di calcio (seppur, per quest’ultimo caso, su un numero di gare ristretto).

Dopo anni di discussioni e controversie, alla fine il Vietnam ha preso una decisione storica: legalizzare le scommesse sportive. Un nuovo decreto, pubblicato sul sito ufficiale del governo pochi giorni fa, permetterà ai cittadini di scommettere su molte partite internazionali di calcio, oltre che su corse di cavalli e di levrieri a partire dal 31 marzo.

Al momento, comunque, resta escluso il circuito delle scommesse online.

Chi potrà scommettere, dunque, nel paese asiatico? Unicamente coloro che siano al di sopra dei 21 anni di età saranno autorizzati a giocare; è stato, poi, regolamentato che le sedi dei bookmakers dovranno essere lontane da scuole e locali pubblici per i bambini di almeno 500 metri.

Sono stati posti anche altri paletti: il valore minimo per una singola scommessa sarà pari a 1,000 dong vietnamiti (circa 4 centesimi di euro) mentre il limite massimo giornaliero che ogni privato cittadino potrà scommettere sarà di 1 milione di dong (poco più di 41 euro). Il decreto, inoltre, consente solo le scommesse sulle partite di calcio internazionali riconosciute dalla FIFA e approvate dal Ministero dello Sport del Vietnam.

In aggiunta, gli operatori dovranno soddisfare rigorosi requisiti a livello di capitale: 1000 miliardi di dong (circa 41 milioni di euro) per le scommesse su corse di cavalli e partite di calcio e 300 milioni di dong (circa 12 milioni di euro) per quelle sulle corse dei levrieri. Per selezionare un provider di scommesse sul calcio, infine, si terrà una procedura di gara per una fase sperimentale pari ad un periodo di cinque anni.

I funzionari vietnamiti hanno iniziato a lavorare sulle regole delle scommesse nel mondo dello sport nel 1999, ma, dopo molti e, talvolta, aspri dibattiti, si è poi sempre ritardata la loro legalizzazione.

In merito allo stesso argomento, il mese scorso, il governo del Vietnam ha anche affermato che, a partire da metà marzo, permetterà ai cittadini con più di 21 anni e con un reddito mensile di almeno 10 milioni di dong di effettuare le scommesse nei casinò locali; si tratta di una decisione presa nell’ambito di un programma pilota di tre anni che conduce, così, alla fine del divieto (lungo un anno) sul gioco d’azzardo tra i cittadini vietnamiti.

Tutte queste recenti mosse mostrano chiaramente il cambio di rotta del governo della nazione asiatica in materia di gioco d’azzardo; una volta, esso era considerato un vero e proprio “male sociale” ma dopo che molti abitanti sono stati colti ‘con le mani nel sacco’ mentre rompevano il divieto di scommettere e/o giocare e che ci si è trovati di fronte alla creazione di un settore illegale per le scommesse on-line (con molti arresti negli ultimi anni), i piani alti della politica vietnamita hanno deciso di rivedere le proprie posizioni.

Meglio o peggio? Solo il tempo potrà dirlo.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    ghislaine PAQUET

    Febbraio 14, 2017 at 6:03 pm

    Meglio! Meglio permettere il brutto vizio del gioco, così come sono permessi l’alcol, il fumo, il ricorso alla prostituzione. Senza dimenticare di tassare al massimo locali e macchinari e far pulizia della mafia che regna sovrana in quel settore. Una parte di queste tasse servirebbe ad aiutare le famiglie vittime di questo brutto vizio. Ben inteso, divieto assoluto di proselitismo e pubblicità in istrada e sui media. .

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Sport & Diritti

Pubblicata online la brochure del progetto SAFE! La brochure deI progetto SAFE, realizzato da LAZIOCREA S.p.A. di concerto con la Regione Lazio – Direzione Cultura...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

La partita di Natale: quando il calcio sconfisse la Grande Guerra Il freddo di dicembre mi riporta in mente uno degli episodi che descrivono...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro