Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998

L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune circostanze, inciampa clamorosamente nel 1998. Il Tour de France di quell’anno, vinto a mani basse da Pantani, viene rievocato ancor oggi per lo scandalo Festina. Un cocktail a base di doping senza precedenti si abbatte sullo squadrone transalpino, proprio all’alba della Grande Boucle.

Un film, drammaticamente reale, che coinvolge alcuni attori da ricordare. Il primo risponde al nome di Willy Voet. Il suo passaggio alla frontiera con il Belgio risulterà deleterio per lo sviluppo della vicenda.  Il massaggiatore, alla guida dell’ammiraglia messa a disposizione dall’organizzazione della kermesse, viene bloccato dalla polizia francese per una perquisizione. Dal controllo gli agenti scoprono tutta la polvere che si nasconde sotto il tappeto. L’esito desta scandalo e scalpore: 400 flaconcini di anabolizzanti, 250 dosi di Epo e tanto altro. Il malcapitato Voet viene fermato, arrestato e spedito dalla gendarmeria presso il carcere di Lilla.

La bomba scoppia fragorosamente nel teatro della corsa. A Dublino, location della partenza dell’11 luglio, il clima è a dir poco nervoso. La bufera coinvolge i vertici del Tour, con a capo Leblanc, oltre allo staff tecnico e societario della stessa Festina. Sul banco degli imputati balzano il direttore sportivo Bruno Roussel ed il medico sociale Eric Ryckaert. I due provano a mascherare l’imbarazzo, per poi crollare qualche giorno più tardi confessando l’abitudine all’utilizzo di sostanze dopanti tra i corridori. Il fiume è ormai in piena. I sigilli scattano anche presso la sede amministrativa della squadra incriminata.

Il tutto, sommato alla positività agli anabolizzanti, riscontrata qualche settimana prima, di Cristophe Moreau. Insomma, una storiaccia. Il patron del Tour Jean-Marie Leblanc prima tentenna, poi alza bandiera bianca e decide di dare il ben servito al team francese nell’occhio del ciclone. Vanno in soffitta, in un colpo solo, campioni di spicco come il leader Virenque, il neo acquisto Alex Zülle, Armin Meier, Laurent Brochard, Pascal Hervé e Didier Rous.

 

Il resto della carovana, provata da veleni e sospetti ricorrenti, perde la pazienza nel corso della tappa numero 17 (Albertville – Aix-les-Bains). Il 29 luglio si materializza uno sciopero aperto con i ciclisti seduti lungo il percorso con le braccia incrociate. Un’immagine emblematica che, di fatto, cambierà i connotati dello sport più faticoso del mondo. In questo caos annunciano l’addio alla competizione altre compagini: Kelme-Costa Blanca, TVM-Farm Frites, Banesto, Riso Scotti-MG Maglifico e la Deutsche Bank.

Ci pensano Pantani e Cipollini a far sorridere l’Italia. Il campione romagnolo trionfa nella generale ipotecando così la leggendaria accoppiata Giro d’Italia-Tour de France in quella stagione. Il secondo, velocista della Saeco, sbaraglia la concorrenza in due tappe consecutive (la 5° da Cholet a Chateauroux e la 6° da La Chaitre a Brive-la-Gaillarde).

Acuti densi di palpitazioni che, però, non occultano la macchia indelebile dell’affaire Festina. Un tunnel oscuro tra farmaci ed omertà. Il ciclismo, da quel 1998, non sarà più lo stesso.

Da non perdere

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Basket

Conrad McRae, “Icaro Mangiafuoco” della palla a spicchi Avrebbe compiuto oggi 51 anni Conrad McRae, lo sfortunato cestista che nel Basket Europeo ha lasciato...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 77 anni. L’eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100 milioni...

Calcio

La storia della Coppa d’Africa in cinque edizioni memorabili Inizia oggi alle 17 l’edizione numero 33 della Coppa d’Africa con sede in Camerun. Per...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La Leggenda Eusebio: quando la Pantera Nera sbranò la Corea del Nord Il 5 Gennaio 2014 moriva Eusebio, fenomenale giocatore portoghese Pallone d’Oro nel...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro