Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998

L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune circostanze, inciampa clamorosamente nel 1998. Il Tour de France di quell’anno, vinto a mani basse da Pantani, viene rievocato ancor oggi per lo scandalo Festina. Un cocktail a base di doping senza precedenti si abbatte sullo squadrone transalpino, proprio all’alba della Grande Boucle.

Un film, drammaticamente reale, che coinvolge alcuni attori da ricordare. Il primo risponde al nome di Willy Voet. Il suo passaggio alla frontiera con il Belgio risulterà deleterio per lo sviluppo della vicenda.  Il massaggiatore, alla guida dell’ammiraglia messa a disposizione dall’organizzazione della kermesse, viene bloccato dalla polizia francese per una perquisizione. Dal controllo gli agenti scoprono tutta la polvere che si nasconde sotto il tappeto. L’esito desta scandalo e scalpore: 400 flaconcini di anabolizzanti, 250 dosi di Epo e tanto altro. Il malcapitato Voet viene fermato, arrestato e spedito dalla gendarmeria presso il carcere di Lilla.

La bomba scoppia fragorosamente nel teatro della corsa. A Dublino, location della partenza dell’11 luglio, il clima è a dir poco nervoso. La bufera coinvolge i vertici del Tour, con a capo Leblanc, oltre allo staff tecnico e societario della stessa Festina. Sul banco degli imputati balzano il direttore sportivo Bruno Roussel ed il medico sociale Eric Ryckaert. I due provano a mascherare l’imbarazzo, per poi crollare qualche giorno più tardi confessando l’abitudine all’utilizzo di sostanze dopanti tra i corridori. Il fiume è ormai in piena. I sigilli scattano anche presso la sede amministrativa della squadra incriminata.

Il tutto, sommato alla positività agli anabolizzanti, riscontrata qualche settimana prima, di Cristophe Moreau. Insomma, una storiaccia. Il patron del Tour Jean-Marie Leblanc prima tentenna, poi alza bandiera bianca e decide di dare il ben servito al team francese nell’occhio del ciclone. Vanno in soffitta, in un colpo solo, campioni di spicco come il leader Virenque, il neo acquisto Alex Zülle, Armin Meier, Laurent Brochard, Pascal Hervé e Didier Rous.

 

Il resto della carovana, provata da veleni e sospetti ricorrenti, perde la pazienza nel corso della tappa numero 17 (Albertville – Aix-les-Bains). Il 29 luglio si materializza uno sciopero aperto con i ciclisti seduti lungo il percorso con le braccia incrociate. Un’immagine emblematica che, di fatto, cambierà i connotati dello sport più faticoso del mondo. In questo caos annunciano l’addio alla competizione altre compagini: Kelme-Costa Blanca, TVM-Farm Frites, Banesto, Riso Scotti-MG Maglifico e la Deutsche Bank.

Ci pensano Pantani e Cipollini a far sorridere l’Italia. Il campione romagnolo trionfa nella generale ipotecando così la leggendaria accoppiata Giro d’Italia-Tour de France in quella stagione. Il secondo, velocista della Saeco, sbaraglia la concorrenza in due tappe consecutive (la 5° da Cholet a Chateauroux e la 6° da La Chaitre a Brive-la-Gaillarde).

Acuti densi di palpitazioni che, però, non occultano la macchia indelebile dell’affaire Festina. Un tunnel oscuro tra farmaci ed omertà. Il ciclismo, da quel 1998, non sarà più lo stesso.

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Altri Sport

Le Origini della Parigi-Roubaix: Théodore Vienne e “quel progetto diabolico” Ieri si sarebbe dovuta disputare l’edizione 2021 della Parigi – Roubaix, una delle cinque...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro