Connect with us

Cerca articoli

Doping

Sbatti la paralimpica in prima pagina: il Doping e il caso Lysova

Lo sport regala sempre storie incredibili sia nel bene che nel male. Oggi purtroppo tocca al lato negativo. La storia è quella di Mikhalina Lysova atleta e campionessa paralimpica russa che nella sua carriera ha vinto 16 medaglie tra cui 6 d’oro nel biathlon e nello sci.  Mikhalina è cieca dalla nascita ma nonostante questo un famosissimo giornale tedesco, la Bild, accusò la campionessa di essere dopata prima delle  Olimpiadi invernali di PyeongChang.

Il quotidiano tedesco titolò: “La russa che prende il doping” alla vigilia dei giochi invernali sud-coreani. Nel corpo dell’articolo il giornale accusò direttamente e pesantemente l’atleta russa di aver abusato di sostanze atte a migliorare la prestazione fisica e atletica.

La Lysova inizialmente non venne ammessa nella lista degli atleti che avrebbero potuto gareggiare sotto bandiera neutra ai giochi invernali. Pochi giorni prima dell’inizio della kermesse sportiva arrivò l’approvazione ed il lascia passare da parte del comitato internazionale paralimpico.

La conferma della sua partecipazione fece cavalcare di nuovo il caso alla Bild che si domandò ironicamente sulla giustizia della sua inclusione citando il famoso rapporto McLaren contenente la lista di tutti gli atleti russi dopati, in cui c’è anche il nome della Lysova,  che portò alla sentenza di doping di stato.

La para-atleta russa, mai coinvolta prima d’ora in scandali di doping, chiese al giornale di rimuovere l’articolo che a suo dire conteneva insulti e diffamazione. La sua richiesta non venne accolta dal quotidiano ed un procedimento legale venne aperto nella corte del distretto di Amburgo, sede della Bild.

La corte diede ragione alla Lysova indicando che le parole della Bild: “la russa che prende il doping” non erano ammissibili e violavano i diritti della paratleta. Non solo, il giornale fu costretto a cancellare dal proprio sito web l’articolo.

Bisognerebbe un attimo fermarci a chiederci se questo è giornalismo e soprattutto un tipo di giornalismo vincente. Diffamare qualcuno, a maggior ragione un’atleta paralimpica, giusto per fare il titolone o per acchiappare like e visite nel lungo termine non risulta mai una strategia vincente. Se a questo ci aggiungiamo anche la piaga delle fake-news la credibilità dei giornali, dei media ma soprattutto di chi tutti i giorni lavora per informare arriva a toccare i minimi storici.

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Il 22 Febbraio 1980 durante le Olimpiadi Invernali di Lake Placid la...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Altri Sport

Giornata Mondiale della Disabilità: ecco i Paralimpici più forti dei normodotati Per la Giornata Mondiale delle persone con disabilità, vi raccontiamo le imprese di...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 19777 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Alimentazione

L’overdose di caffeina La caffeina è uno stimolante presente in vari alimenti, bevande e altri prodotti. È comunemente usato per tenerti sveglio e vigile....

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 21 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro