Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Save Guerrero: fronte compatto per El Barbaro al Mondiale

In ogni storia pensiamo di trovare una morale, il bianco o il nero pece del male. Nel nostro vagare alla ricerca di assolutismo, vogliamo il mostro ben identificabile e lo vogliamo lontano da noi, oppure vogliamo emoticare le storie belle, quando le apprendiamo sui social. L’empatia a basso costo è ormai sdoganata.

La storia in questione, contiene così tante variabili, che alla fine si rischia di ritrovarsi al punto di partenza senza nemmeno sapere da che parte stare. Il giocatore che vedete si chiama Paolo Guerrero. Ha 34 anni e adesso gioca nel Flamengo, in Brasile. Un discreto passato anche in Europa con le maglie di Bayern Monaco, dove pareva un fulmine di guerra e Amburgo, dove non brillava manco il lampo.

Qualche mese fa, ottobre 2017, prima di una partita col Perù, Paolo è stato trovato positivo alla cocaina. Pertanto, gli sono stati comminati sei mesi di squalifica, che sarebbero passati senza intaccare o quasi la carriera del giocatore. A prescindere dal moralismo o dai giudizi facili, Guerrero avrebbe pagato il suo debito. E qui, oltre al caso personale del giocatore, scoperto, viene in ballo la parte comica. Infatti già le prime giustificazioni che non gli evitano la squalifica sono “ha bevuto un tè dove dentro c’era cocaina ma lui non lo sapeva”. Poco credibile, usando un eufemismo.

I legali del Flamengo e del giocatore, infatti, invece che accettare una squalifica già scontata di un terzo in appello, decidono di ricorrere al Tas, il tribunale arbitrale sportivo svizzero che decide sui casi controversi avendo potere sulle singole nazioni. Per avere del tutto l’annullamento della squalifica, decidono di affidarsi alla teoria della cocaina nelle mummie. Spieghiamo meglio. In pratica, gli avvocati sostengono che Guerrero non ha assunto cocaina prima della partita e quindi per alterare il risultato, ma l’ha presa addirittura settimane prima. E per dimostrarlo, portano in aula il caso di tre mummie Inca, di giovani sacrificati 700 anni fa, nelle quali gli studiosi hanno trovato dopo secoli, tracce di cocaina, o meglio, del suo principio attivo. La comicità potrebbe fermarsi qui, ma invece, non è la prima volta che si giustificano casi di doping in maniera surreale di fronte al tribunale. Un ciclista italiano disse che la nonna gli aveva dato le caramelle colombiane, oppure si disse che una sostanza di un atleta fu passata da un bacio. C’è di che ridere, anche per degli austeri giudici svizzeri. Ma stavolta, la teoria della mummia inca, fa inca…zzare i giudici, che da 6 mesi, aumentano la squalifica a 14. Con Guerrero cornuto e mazziato.

Il problema è che adesso, il buon Paolo, rischia di saltare il mondiale. Il Perù si è qualificato dopo ben trentasei anni, ovvero da quando vincemmo il mondiale con il nostro Paolo. Rossi.

Sarebbe l’apice della carriera di Guerrero, che peraltro è disposto a pagare il suo debito. E qui arriva la parte umana della vicenda. Infatti i capitani delle squadre che ai mondiali affronteranno il Perù, non sono rimasti a guardare. Mile Jedinak, Hugo Lloris e Simon Kjaer, rispettivamente capitani di Australia, Francia e Danimarca, hanno scritto una petizione pubblica, chiedendo alla Fifa quantomeno di sospendere la squalifica per il periodo dei mondiali. “Sarebbe il culmine della carriera di Paolo e noi, da avversari, vogliamo vederlo in campo”. Non un gesto da poco, se si considera che Guerrero non è proprio una scartina e averlo in campo non è una passeggiata di salute per chi lo affronta.

Anche Maradona, incappato nello stesso problema, ha chiesto a gran voce che si perdoni il giocatore. Intanto c’è da scriverne quantomeno una commedia surreale, tra tè alla cocaina, mummie strafatte da secoli e un giocatore, che speriamo non abbia bisogno di altre sostanze se non la fiducia in se stesso, se andrà ai mondiali. Anzi sì, avrà bisogno di un cuore, per dire grazie a tre capitani avversari, che ne hanno chiesto il perdono.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Doping

La Caffeina è Doping? La caffeina migliora sensibilmente le prestazioni atletiche e il suo consumo è stato sottoposto a continui controlli per gli atleti...

Integratori

Caffeina e Sport La caffeina è una sostanza che può migliorare le prestazioni fisiche e mentali. Una singola dose può migliorare in modo significativo...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Francia 1998, la testa di Zidane e il Mistero Ronaldo Il 12 luglio 1998 allo Stade de France la Francia batte il Brasile campione...

Calcio

Andrea Carnevale racconta Italia 1990 Il 7 Luglio 1990 con la vittoria per 2 a 1 sull’Inghilterra, l’Italia di Vicini conquista il terzo posto...

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 28 giugno di ogni anno si celebra il Gay Pride, la giornata...

Calcio

Stefano Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 moriva Stefano Borgonovo,. La causa della morte:...

Calcio

Italia 1934, la vittoria azzurra all’ombra del Fascio Il 10 giugno 1934 terminavano i Mondiali di calcio di Italia 1934 con la prima vittoria...

Calcio

30 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 30 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 64 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro