Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe

Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati dal club ferrarese. Senza però ricordare il polivalente Saul Malatrasi, un campionato in maglia estense (1958-’59) prima del quadriennio in maglia viola. Nella Fiorentina solo nelle ultime due stagioni divenne titolare, festeggiando dunque da comprimario la Coppa delle Coppe e la coccarda tricolore del 1961.

Nel 1964, nell’unica annata nella Capitale, la Roma arrivò alla finale della coppa nazionale, disputata però a novembre. Quando il giocatore si era trasferito all’Inter: deludente in avvio sia da mediano che da terzino destro, si rivelò poi un’ottima alternativa al capitano nerazzurro Armando Picchi nel ruolo di libero. Disputò da titolare la finale di ritorno della Coppa Intercontinentale e la ‘bella’ della stessa competizione, giocata a Madrid e decisa da Mario Corso. Sette gare nella stagione 1965-’66, prima del trasferimento al Lecco, il quale terminò il campionato all’ultimo posto.

Una bocciatura per Saul? No, perché arrivava la chiamata di Nereo Rocco, tornato al Milan, e il giocatore si rigenerò: uno scudetto, una Coppa delle Coppe, una Coppa dei Campioni. Senza dimenticare la Coppa Intercontinentale del 1969, che ha fatto di lui l’unico calciatore italiano ad averla conquistata con due club diversi (Trapattoni con la Juventus l’ha vinta da allenatore). Chiuse la carriera da giocatore nella Spal. Picchi, Capello: gli estensi hanno lanciato anche Saul Malatrasi.

 

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Altri Sport

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia Inizia domani in Australia  quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro