Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Saranno Nazionali? Se i giovani sono il futuro, facciamoli giocare

Nella mattinata di venerdì il Corriere dello Sport apriva una mini discussione in un ambito decisamente ampio che porta al mondiale in Russia della prossima estate. L’Italia, la Nazionale e i 25 uomini convocabili da Giampiero Ventura qualora si raggiungesse il traguardo della qualificazione: i calciatori italiani vanno impiegati con un occhio di riguardo nell’anno che porta al mondiale?

“Salviamo i giovani italiani” titola il quotidiano sportivo nazionale, che pone l’accento su quanto Ventura abbia bisogno di certezze ora più che mai: “Bernardeschi e Rugani faticano ad andare in campo, Pellegrini trova poco spazio, Gagliardini a sprazzi” si legge. Detto fatto, nella giornata che si è appena conclusa gli addetti ai lavori, i tifosi e proprio mister Ventura hanno potuto osservare da vicino quasi tutti gli uomini chiamati in causa. Qualcuno per tutta la partita come Rugani, altri per pochi minuti come Bernardeschi, chi autore di una prestazione sopra le righe e chi invece meno incisivo.

Se Bernardeschi è riuscito a ricevere un cartellino giallo a meno di un minuto dal suo ingresso in campo, Pellegrini non ha fatto sentire la mancanza di Kevin Strootman a centrocampo regalando una prestazione di altissimo livello nella bagnata vittoria contro il Verona; bravo ad attaccare la profondità, a smarcarsi alle spalle dei centrocampisti, ad allungare la squadra facendolo sempre con i tempi giusti.

PROBLEMI DA FANTACALCIO – Non è costretto a soffrire solamente Giampiero Ventura per la folta concorrenza a cui devono fare fronte i gioielli azzurri nelle squadre di appartenenza, a farne le spese sono anche i giocatori di fantacalcio. Vecino ‘farà le scarpe’ a Gagliardini? Questo è stato il dilemma per molti aspiranti allenatori. un dubbio avvalorato dai fatti e dalle scelte di Spalletti, che nelle ultime due partite ha dato spazio all’ex centrocampista dell’Atalanta. 5,5 il voto ricevuto proprio da Gagliardini contro il Crotone, troppo poco per un giocatore che aspira al mondiale.

E Federico Chiesa? Figlio d’arte ma corridore d’altri tempi, nella nuova versione di ‘trascinatore’ potrebbe rivelarsi una certezza per l’Italia che verrà. Proprio come ai tempi di Candreva e Giaccherini. Fermo per infortunio Andrea Conti, sarà probabilmente Davide Calabria l’esterno da osservare attentamente, non potendo fare lo stesso con l’altrettanto giovane Locatelli, chiuso a centrocampo dal nuovo ciclo rossonero.

PREDICATORI NEL DESERTO – Se non posso trovare spazio a casa, vado a crearmelo altrove. Tradotto: Danilo Cataldi. Si tratta di un fenomeno piuttosto diffuso e apprezzato da molti allenatori, che vedono nel cambio di squadra – da una grande a una di livello inferiore – un desiderio di rinascita con la certezza di trovare spazio e continuità. Cataldi e D’Alessandro a Benevento, Bertolacci e Lapadula dal Milan in casa rossoblù o l’ultima zampata di Borriello e la nuova avventura sarda per Pavoletti.

E poi ci sono i nuovi nostri, che potrebbero prendersi la scena sfruttando le occasioni concesse a intermittenza ai rivali più grandi e già affermati: Murgia, Sensi, Barella e Scuffet, giusto per citarne alcuni nella lista interminabile di candidati per un posto nella nazionale del futuro. Un futuro che presto diventerà presente, sempre senza perdere di vista una qualificazione non ancora raggiunta. Detto questo, è giusto pensare avanti, guardare oltre, per non farsi trovare impreparati. Anche se i posti sono pochi e molti già assegnati da tempo, anche se i momenti per vederli in campo non saranno molti. Pochi ma buoni, un po’ come i Gagliardini e i Bernardeschi del nostro campionato. Poi se in casa Genoa Pietro Pellegri, classe 2001, continua a fare quello che sta facendo allora, come ha detto Seedorf, “l’Italia avrà un’altra speranza per il futuro”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro