Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Sampaoli come Bielsa: aspettando Godot lungo la linea laterale

Una figuraccia epica, di proporzioni mondiali oserei dire, come tanti anni fa, nel 2002, successe a un vecchio ispiratore di Sampaoli, Bielsa. Stesso errore, stessa presunzione tattica, di un allenatore in balia delle onde e già dal pre partita, in confusione. Prima della partita mi chiedevo come facesse a non far giocare Fazio, in un 4 3 1 2 compatto e organizzato: la partita contro la Croazia ci ha dato la risposta. Squadra schierata senza senso con il 3 5 2 con giocatori non degni di indossare la gloriosa maglietta della selecciòn: Caballero, Tagliafico, Mercado, Salvio, Acuna, Perez e Meza, calciatori scarsi in rapporto al peso della camiceta, Mascherano sul viale del tramonto e l’intero reparto offensivo completamente lobotomizzato. Messi, Higuain, Dybala, Aguero non pervenuti. Squadra senza alcuna idea tattica, come sempre del resto. Croazia invece organizzata, compatta tutta dietro la linea del pallone con un 4 5 1 in cui Mandzukic agiva da punta e da grande aiuto per tutti i compagni che si inserivano, soprattutto facilmente nel secondo tempo. Il solito grande centrocampo con Brozovic, Rebic, Rakitic, Perisic e Modric a stradominare dal punto di vista fisico e tecnico.

LA SOLITUDINE DI SAMPAOLI  Jorge ha percorso km e km lungo la linea del fallo laterale, come quando Bielsa a Rifu, Giappone, nel lontano 12 giugno 2002, aspettava invano un goal di Crespo (poi arrivato ma non decisivo per la vittoria) o Batistuta, Ortega o Aimar contro la Svezia nella partita decisiva per la qualificazione agli ottavi di finale. Uguale l’atteggiamento e la sensazione di confusione e rassegnazione nelle due facce quasi al limite della disperazione. Accomunati entrambi da una sciagurata e sinistra assonanza nel cognome del portiere Cavallero per Bielsa e Caballero per Sampaoli, ma separati sicuramente dalla caratura dei calciatori in campo totalmente sbilanciata a favore di quelli del primo.

APPESO A UN FILO L’unica vera sostanziale differenza è il fatto che Bielsa dopo quella partita se ne dovette ritornare a casa dopo aver fatto trasparire la sensazione di nullità e pochezza nel gioco della sua nazionale che non aveva mai trovato il bandolo della matassa con troppi giocatori offensivi. Sampaoli ancora ha una speranza, minima, appesa a un filo, ma ce l’ha, e forse è proprio questa che lo continua a far andare su e giù per la linea laterale del campo togliendosi la giacca.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro