Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Sam Sargeant, il giocatore più scarso di Fifa17

Per molti ragazzi già arrivare a giocare a calcio ai massimi livelli rappresenta un traguardo incredibile, un sogno che si realizza. Quando si esordisce tra i professionisti si ricordano  tutti i sacrifici fatti per arrivare fino a quel momento e si pensa soprattutto a quello che sarà il futuro, sperando di poter alzare qualche coppa e poter giocare con i più grandi campioni. Con l’avvento dei videogames poi la curiosità dei giovani calciatori è diventata anche quella di vedere come vengono rappresentati nella realtà virtuale delle console più diffuse al mondo.

Il più scarso- Tutti sognano di essere rappresentanti come ottimi giocatori, capaci magari di poter migliorare nel corso del gioco e magari anche di potersi misurare con i calciatori più forti come Messi, Ronaldo e chi più ne ha più ne metta. Quando sei un giovane portiere di una piccola squadra di League Two il desiderio di vederti, anche se pur virtualmente, giocare a San Siro oppure al Bernabeu è enorme.  Delle volte però l’immaginazione si scontra con la realtà e l’incontro tra le due può non essere lusinghiero. E’ il caso di Sam Sargeant diciannovenne portiere del Leyton Orient, squadra di League Two inglese, che con il suo 45 totale è il giocatore con la valutazione più bassa di FIFA 17. Per chi mastica un po’ di questo gioco, di certo non sarà un giocatore che tutti cercheranno per il loro Team ideale e neanche per rinforzare la propria Rosa durante il mercato di riparazione nel bel mezzo della carriera da allenatore. Di certo, però, per lui è già un successo essere rappresentato su un gioco così importante e famoso.

Stile- Il giovane portiere però non si è lasciato impressionare ed ha incassato con stile il colpo: “ Sono cresciuto con questo gioco e ho sempre sognato un giorno di poterci essere anche io. Anche se la mia valutazione è veramente terribile per me essere dentro a questo gioco equivale ad aver vinto un trofeo. Certo guardando le valutazioni sulle mie abilità devo dire che sono stati un po’ duri con me. Ho l’impressione che non mi comprerà nessuno nella propria squadra, tranne me stesso”.  Una ironia degna di un giovane ragazzo che vive la sua avventura nel calcio professionistico come gioia e spensieratezza, consapevole di non poter mai essere un fenomeno assoluto del mondo del pallone, ma che vorrà fare di tutto per migliorarsi e magari poter dire un giorno a tutti quelli che ora lo etichettano come il peggior giocatore in circolazione, che si sbagliavano di grosso. Una storia figlia del calcio moderno e dei nostri tempi dominati dai videogiochi e dalla realtà virtuale che delle volte sostituisce e impressiona più del mondo reale. Una storia di calcio, o giù di lì, che ci strappa un sorriso e ci riconcilia con la parte più sana e divertente di questo splendido sport.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente Compie oggi 37 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Avrebbe compiuto oggi 52 anni Gary Speed, capitano del Galles, la cui storia tragica può essere accomunata a...

Calcio

Gutendorf – Pfannenstiel: il giro del mondo in 80 squadre Quando Jules Verne pensò di raccontare l’impresa del gentiluomo inglese che voleva circumnavigare l’intero...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro