Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Salirò, mio grande Capitano, una volta ancora quei gradini

Dal Fatto Quotidiano del 4 Maggio 2017

“Su Totti già sapevo che c’era questo accordo con la società,che questo sarebbe stato l’ultimo anno di contratto da calciatore e poi partiva quello da dirigente”. Il nuovo direttore sportivo giallorosso,Monchi, ha confermato che il capitano Francesco Totti non giocherà con il club giallorosso nella prossima stagione.La sua ultima partita sarà il 28 maggio, all’Olimpico,contro il Genoa.

Non so se il 28 maggio sarò lì allo stadio Olimpico perché è difficile assistere all’ultima partita di un sentimento perché Per Noi oggi Francesco Totti è un colpo al cuore. E se dico Per Noi non parlo di Luciano Spalletti che avrà avuto le sue ragioni quando diceva che per vincere aveva bisogno di giocatori al massimo dell’efficienza e non di monumenti del pallone. E non parlo neppure del Capitano, un modello di comportamento quando stiamo pareggiando con l’Atalanta o buscandole dai laziali e l’altro lo fa entrare a cinque o a venti minuti dalla fine. E lui entra senza dire nulla mentre potrebbe anche dire che cavolo potrò mai fare se mi fai entrare a cinque minuti dalla fine o a venti quando ormai tutto è già finito ma lui è il Capitano e non dirà una sillaba e le telecamere lo scrutino pure che non troveranno neppure un muscolo del viso fuori posto per ricamarci sopra infatti il problema siamo Noi allo stadio il problema è quel momento che non doveva arrivare mai e sapevamo che sarebbe arrivato e alla fine è arrivato ed è qualcosa che non puoi capire se non ci sei dentro perché anche quei cinque minuti e fossero anche tre o uno soltanto vanno bene lo stesso e va bene anche lui che si riscalda per un tempo a bordo campo ma anche se fosse rimasto in panchina fa lo stesso perché basta che lui sia lì a dare pace al nostro sentimento lungo venticinqueanni e centinaia di giorni e di sere quel sentimento che ti culla una settimana e che cammina con te mentre ti avvicini allo stadio e quando sali le scale e ti affacci sul prato luccicante sempre come la prima volta come il ragazzo che non smetterai mai di essere così come non smetterà mai l’emozione di essere lì insieme a centomila o a mille ma sempre meravigliosamente solo con te stesso e questo sentimento non si può spiegare se non lo conosci e infatti a darci il colpo al cuore perché nessun altro aveva il coraggio è stato un signore venuto dalla Spagna che ha detto quello che ha detto e forse pensava lo fanno fare a me perché non ne so nulla ma a questo punto basta resta solo una frase di una poetessa americana che mi ero appuntato tempo fa e che rispunta fuori adesso e che dice ho imparato che le persone possono dimenticare ciò che hai detto e ciò che hai fatto ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire ed è per questo mio Capitano che il 28 maggio salirò quei gradini per l’ultima partita del ragazzo che eri che ero.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Interviste

A tu per tu con Manuel Poggiali, il “Titano” del motociclismo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Manuel Poggiali, campione del mondo di motociclismo....

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Calcio

Jack Grealish: l’Orfeo di Birmingham Scorrendo le classifiche dei top campionati in giro per l’Europa non si può che restare ammaliati dal richiamo della...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Fulvio Bernardini: il maestro di sport troppo forte per tutti Il 28 Dicembre 1905 nasceva Fulvio Bernardini, una Leggenda del calcio italiano. Uomo poliedrico...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Avrebbe compiuto oggi 74 anni Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con la...

Calcio

Arrivederci Roma: la deludente parentesi di Carlos Bianchi nella capitale Bianchi capitale. Triste cronaca della fugace pagina del trainer argentino nel mondo Roma. La...

Storie di Sport

Napoli – Roma: una storia di calcio, cinema, musica e passione Questa sera giocherà Napoli – Roma, una partita che un tempo era definita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro