Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ryan Anderson: le braccia al cielo per non dimenticare

Ryan Anderson è un giocatore degli Houston Rockets, al nono anno nella Lega. Ala grande di 2.08 metri, è il classico lungo tanto richiesto al giorno d’oggi in NBA: malgrado il suo ruolo e i centimetri, è un ottimo tiratore da tre – soprattutto in situazione di catch and shoot –, e riesce così ad aprire perfettamente il campo e a costringere il lungo avversario ad allontanarsi dal canestro, allargando  le maglie della difesa e facilitando le penetrazioni al ferro. Una manna dal cielo per le spaziature offensive.

Quest’anno ai Rockets è diventato una pedina chiave, trovandosi a meraviglia sia con il sistema di gioco di coach Mike D’Antoni, sia con il novello playmaker della squadra, il Barba, James Harden. Le cifre parlando chiaro: 14 punti e 5.2 rimbalzi a partita, il tutto con oltre il 40% dal campo da 3.

Eppure, malgrado il suo status e la sua importanza negli schemi, Ryan sembra tutto tranne che una star NBA. Taciturno, sempre composto, mai sopra le righe. Difficilmente fa parlare di sé, difficilmente in campo si fa notare per qualche atteggiamento particolare. Un giocatore quasi invisibile, se non fosse per la sua esultanza. Quelle braccia al cielo, le dita che indicano un punto imprecisato lassù. Perché un’esultanza simile?

Quelle braccia al cielo sono un omaggio, in ricordo di una persona a lui cara che non c’è più. Gia Allemand, la sua ragazza, che nell’agosto 2013 si è suicidata, impiccandosi nella loro casa.

Gia, modella, attrice e ballerina professionista, aveva 29 anni quando si è tolta la vita. Da tempo combatteva contro la depressione. Quella sera dell’11 agosto fu Ryan stesso a trovarla in casa, a terra, priva di sensi. La corsa all’University Hospital di New Orleans fu immediata, ma inutile: i danni cerebrali erano troppo estesi, la situazione era ormai irreversibile.

 Anni dopo, è stato Ryan stesso a raccontare quegli istanti  così toccanti. In totale stato di shock, Ryan decise di chiamare una persona su cui poter contare, di cui si fidava ciecamente: il suo coach ai Pelicans, Monty Williams. Fu proprio lui a sostenerlo in quei momenti così strazianti, accompagnandolo nel percorso da casa all’ospedale, la sua spalla a sorreggere la testa di Anderson, in lacrime.

A 4 anni di distanza Ryan non sa ancora spiegarsi il perché del gesto di Gia. E’ riuscito però a trovare una tranquillità interiore che per molto tempo aveva smarrito. Una tranquillità raggiunta dopo un lungo e complesso percorso, in cui per fortuna l’hanno supportato in molti, dai suoi compagni di squadra ai terapisti. Una tranquillità per mesi messa a repentaglio dai sensi di colpa, dai dubbi, dalle domande prive di risposta. Il tutto contornato dal soffocante interesse dei mass media, il cui modo di tratteggiare la vita di Gia è stato, a detta di Ryan stesso, oltremodo disgustoso. Una mera ricerca dello scoop, priva di uno straccio di sensibilità.

Oggi Ryan sembra una persona nuova, diversa. Il suicidio di Gia lo ha toccato profondamente, ma ha saputo rialzarsi. E lui stesso ha deciso di combattere il dolore a modo suo. Come? Fondando, insieme alla famiglia di Gia, la Gia Allemand Foundation, un’associazione no profit il cui scopo consiste nel supportare giovani donne in balia della depressione, di disturbi psicologici e di problemi comportamentali.

Al di là delle triple messe a segno sul parquet, Ryan ha dimostrato di essere molto più di un semplice cestista professionista. Perché come lui stesso ha ripetuto più volte nelle sue interviste, per le persone comuni diventare un giocatore NBA significa tutto, è l’apice della propria esistenza; ma in realtà, ci sono aspetti nella propria vita ben più rilevanti, a cui è necessario dedicarsi completamente. Ed in questo modo, con la fondazione che porta il nome di Gia, Ryan ha deciso di dedicarsi alle problematiche altrui, quelle stesse problematiche che lo avevano riguardato così da vicino.  Ed è forse proprio questo a renderlo migliore di una semplice star.

Lorenzo Martini
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Storie di Sport

Storia di Jimmy Butler, quando il Basket ti toglie da sotto un ponte Ha compiuto ieri 31 anni Jimmy Butler, il giocatore NBA la...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Basket

Alphonso Ford: l’ultimo palleggio del Puma Il 4 Settembre 2004 moriva Alphonso Ford, uno dei più forti cestisti che abbiamo potuto ammirare nel basket...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro