Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Russia 2018: nessuno vuole i diritti tv e spunta la possibilità della versione free

Un mondiale che non interessa a nessuno “rischia”, dopo 12 anni, di tornare totalmente in chiaro in tv. Mondiali free? Tutte le partite? Probabilmente sì. L’ultima edizione senza pay tv risale a Corea-Giappone 2002. E la sensazione è che Russa 2018 sarà per tutti, trasmessa da Mediaset. Tutto molto semplice: Mediaset Espana ha acquisito ufficialmente i diritti per la trasmissione in chiaro delle 64 partite del Mondiale. A questo punto il passaggio dalla Spagna all’Italia è molto rapido. Nonché agevolato dalla mancanza di concorrenza. Sky, vorrebbe, ma in realtà ha già dato: si è assicurata il prossimo triennio di Champions League. Mediaset si sta leccando le ferite dopo la Champions, un investimento che non ha reso quanto sperato.

Russia 2018, la fetta meno appetibile della torta dei diritti tv

Russia 2018, secondo gli esperti di mercato, prevede un crollo dell’almeno 30% di ascolti rispetto al passato. Ergo, diviene molto più complicato vendere gli spazi pubblicitari. Quindi, nessuna delle ammiraglie ha intenzione di sobbarcarsi il rischio a meno che non sia a costi davvero contenuti. E in quel “davvero” si racchiude una cifra che non supererà i 100 milioni. Russia 2018 è il prodotto meno appetibile su cui si scatenerà una sorta di tressette a perdere. Scadono altri diritti, su altri mondiali, ben più seguiti e remunerativi. La Formula1 e la Moto GP. E poi i diritti per la trasmissione del prossimo triennio di campionato. Quanto basta per condizionare i conti: chi sbaglia, paga. In tutti i sensi. Intanto il mercato piazza la cifra: Russia 2018 costerà fra i 70 e gli 80 miliardi.


 

La situazione

La Rai ha sempre trasmesso i Mondiali. É anche vero però che c’era sempre l’Italia. A questo punto, invece, non è più un servizio pubblico, ma commerciale. Ed è per questo che Mediaset può calare l’asso nella manica. Però ci sta pensando su. Perché? Molto semplice: trasmettere un Mondiale è sempre prestigioso, ma è altrettanto innegabile che, consumato lo sgarbo a Viale Mazzini, in Rai non si strapperebbero i capelli, perché avrebbero i fondi necessari per puntare ai diritti in chiaro della prossima Champions. E il Biscione? Beh, è di fronte al classico bivio: entrare nella storia della TV privata italiana trasmettendo Russia 2018 o passare la mano e tenersi la Champions? E Sky? Beh, ha già la Champions ed è un bel vantaggio. Si terrà con ogni probabilità anche i motori. E i Mondiali? Un mese di mondiali non cambia la vita ma neanche la peggiora. E permette di coprire un mese di palinsesto, che non è mai una cattiva notizia. E allora? Parteciperà ma senza svenarsi. Anche perché il prossimo triennio della Serie A, in termini di ritorni economici vale molto di più.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il futuro del calcio: i digital fans Il calcio in questo momento è in uno spartiacque internazionale tra un sempre più faticoso romanticismo e...

Calcio

Maxim Tsigalko: il più grande talento della storia che nessuno ha mai visto Mancano pochi giorni alla chiusura del mercato invernale e i club...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Lo Sport spesso è stato strumento di resistenza alle ingiustizie e atrocità. Anche...

Motori

Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 51 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro tributo allo...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il 25 gennaio 1924 a Chamonix, in Francia iniziavano le Olimpiadi invernali, la prima edizione della storia dei...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro