Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

State of Origin, la guerra che ferma l’Australia

State of Origin, la “guerra” che ferma l’Australia

Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Australia sarebbe partito quello che può essere definito l’evento sportivo dell’anno. Una “guerra” che ferma una Nazione. Vi raccontiamo lo State of Origin. 

C’è un momento in cui l’Australia si tinge di maroon e di blue, nel quale tutto il Paese vive e respira solo questi due colori, fino a fermarsi totalmente. L’ora dello State of Origin sarebbe scoccata oggi, ma il covid19 ha rimandato tutto a novembre.

Lo State of Origin è la competizione di rugby league (rugby a 13) più attesa dell’anno ed è, probabilmente, l’evento più importante al mondo di questo sport. Una serie al meglio di tre partite tra la rappresentativa dello Stato del Queensland (i Maroons) e quella del Nuovo Galles del Sud (i Blues), con giocatori selezionati dalle 16 squadre della National Rugby League (NRL). I colori sono quelli delle rispettive uniformi di gioco, le jerseys. Colori della vecchia maglia della nazionale australiana di rugby prima dell’adozione dell’attuale verde-oro.

È la più grande rivalità sportiva d’Australia. Stadi esauriti in ogni ordine di posto e milioni di persone incollate ai teleschermi di case e pub. Gli incontri sono duri, spettacolari, esaltanti. Gli sponsor pubblicizzano ogni spazio disponibile.

Una rivalità con radici lontane, che nasce dai sentimenti dell’epoca coloniale, tra il Nuovo Galles del Sud, la Mother Colony, e il Queensland, il cugino povero. Rivalità acuita dall’emigrazione di lunga data dei Queenslanders verso il ricco Stato confinante, in particolare, da parte dei giocatori di rugby league (sport principe per entrambi) che hanno lasciato la propria terra per militare nei ben più prestigiosi club di Sydney.

stateoforigin1980-600x473

Dal 1908, data di istituzione del primo torneo di rugby league in Australia, il Queensland e il Nuovo Galles del Sud hanno organizzato partite interstatali con giocatori selezionati in base alla squadra di appartenenza al momento della chiamata, sancendo così di fatto una netta supremazia del Nuovo Galles del Sud. Queste sfide costituiscono l’antenato dello State of Origin, che iniziato nel 1980 come match singolo di prova, adotta nuovi criteri di convocazione: rappresentative degli Stati con giocatori scelti sulla base della squadra dove hanno debuttato a livello senior o dove sono stati registrati per la prima volta.

Lo State of Origin, contraddistinto da un forte richiamo alle origini dei giocatori, riceve un immediato apprezzamento da parte del pubblico. Gli incontri diventano meno scontati e incredibilmente più sentiti. La supremazia di Sydney viene messa in discussione.

Da allora i criteri di selezione sono stati fonte di diverse controversie e ulteriori aggiunte, come quelle concordate nel 2012 dalle commissioni organizzatrici NSWRL, CRL, QRL e ARLC che hanno compreso anche altri fattori, come il luogo di nascita del giocatore o dei suoi genitori.

State-of-origin-shield

Delle 36 serie giocate dal 1982 in avanti, Queensland ne ha vinte 21 e il Nuovo Galles del Sud 15, con 2 serie finite in pareggio (1999 e 2002), nelle quali il Queensland ha mantenuto l’Origin Shield poiché vincitore degli anni precedenti. Sostanziale alternanza di vittorie fino alla metà degli anni ’90. Poi, parziale dominio del Nuovo Galles del Sud durato fino alla metà degli anni 2000, in cui è iniziata la dinastia del Queensland con 11 vittorie su 12, dal 2006 al 2017.

Negli ultimi due decenni la popolarità della serie è cresciuta in maniera esponenziale. Nel 2013 in Australia ha fatto registrare un pubblico televisivo più alto di qualsiasi altra manifestazione sportiva. Inoltre, largo seguito è stato guadagnato anche al di fuori di Queensland e Nuovo Galles del Sud, con partite giocate a Melbourne, nel Victoria, terra tradizionalmente dedita all’AFL (Australian Football League). Erano oltre 90000 i tifosi presenti al MCG nel 2015. A livello internazionale, l’evento è trasmesso in televisione in 91 paesi ed è una vera e propria ossessione nazionale in Papua Nuova Guinea, dove è causa occasionale di scontri. Popolarità in netto aumento anche in Nuova Zelanda. Le ultime due edizione sono state di nuovo vinte dal Nuovo Galles del Sud.

L’appuntamento per il 2020, che segnerà la 40esima edizione (considerando anche le tre prima del 1982) è posticipato a novembre, il Game I sarà all’Adelaide Oval. Game II all’ANZ Stadium di Sydney e Game III al Suncorp Stadium di Brisbane, per il gran finale.

Radici e onore. Nothing hits you like Origin

State_Of_Origin-2015

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 44 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma che, dopo aver lasciato...

Calcio

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A Oggi pomeriggio si giocherà al San Paolo Napoli – Genoa, valevole...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro