Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Roulette Russa: quanto ci costa non andare ai Mondiali?

Ok, ci siamo. E non scherziamo: tutti a tifare Italia. Chi con la mano sul cuore, chi sul portafoglio, chi sullo smartphone. Altro che gioco, questi playoff sono una vera e propria roulette…russa. Già, perché sbagliare il colpo equivale a suicidarsi. Sportivamente ed economicamente.

Mano sul cuore, tifosi e Federcalcio

I tifosi rappresentano la parte più pulita. Incarnano la passione. Trepideranno. E incroceranno le dita. La nazionale ha “bucato” solo il Mondiale del 1958. 60 anni dopo è vietatissimo concedere il bis. Anche perchè il nostro calcio non attraversa un grande momento. É senza padrone sia in serie A che in serie B. Tradotto: solo un terzo del panorama calcistico professionistico ha una dirigenza eletta. Il resto è commissariato. Quanto basta, e avanza, per alzare un polverone generato dal rotolare dello scaricabarile. Se siamo fuori dai mondiali è colpa tua, sua, loro. Ma chi se la prenderà le responsabilità? Tavecchio ha dichiarato che non partecipare ai mondiali sarebbe un’apocalisse. In caso contrario agirà “con tutti gli atti tutela degli interessi Federali?”. Ergo? Cosa significa? Dimissioni? Ribaltoni? Attenzione a Forsberg: rischia di far saltare coronarie e poltrone. Abete si dimise dopo l’eliminazione al primo turno in Brasile…


Una mano sul portafoglio: sponsor e diritti tv

L’Italia conta su un bacino d’utenza di 40 milioni di tifosi. Senza contare quanto possa essere generato da sponsor e merchandising, si parla di una cifra che, tradotta in soldoni vale 14,25 milioni di euro annui. La Nazionale incassa questi soldi, più il contratto con lo sponsor tecnico Puma (scadenza 2022) che genera 18,7 milioni a stagione. Anche Mamma Rai è particolarmente generosa con gli azzurri: versa nelle casse FIGC qualcosa come 24,7 milioni di euro annui per trasmettere in diretta ed esclusiva le immagini. Paga, dunque, circa 4 milioni a partita. Tutti soldi che rischiano di bruciarsi qualora Ventura&soci centrassero l’impresa di farsi eliminare dalla Svezia.  Anche perchè non c’è solo un divario tecnico importante. La differenza di share per la fra la qualificazione degli azzurri e una potenziale eliminazione si assesta su una forbice del 20/30%. Tantissimo in fase di contrattazione e sponsorizzazioni.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

Le partite degli altri: l’ultima volta della DDR Aggrappati a un gol, impensabile ancor più che imprevisto, di Jürgen Sparwasser, quando le spartane maglie...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998 La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese....

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Inchieste & Focus

Perché il Calcio non c’entra niente con lo Ius Soli Negli ultimi giorni è tornata in auge la questione Ius Soli, con le dichiarazioni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro