Connect with us

Cerca articoli

Varie

ROMA-REAL: in fila come bestie, ma per il Prefetto non c’è pericolo

Per chi è cresciuto con la le “crociate” del Bologna di Mazzone in Intertoto, le partite giocate dal Parma in Polonia in pieno pomeriggio, le battaglie (durate poco) della Roma di Carlos Bianchi sui campi dell’Est Europa e quelle della Lazio nella mitica Coppa Coppe del 1999, resta difficile somatizzare la trasformazione astrusa e asettica del pallone formato continentale. Quelle immagini traboccavano di tifosi festanti ed eccitati, inviperiti a ogni decisione arbitrale e parte integrante dello spettacolo. Quanto ci mancano, quanto li rivorremmo. Quanto sarebbe bello accendere la televisione e goderci un sedicesimo di Coppa della Coppe qualsiasi. Grande competizione. Grande calcio. Grande atmosfera.

Ma il tifoso, hanno deciso i padroni del vapore, non deve più avere quel ruolo centrale. Va estirpato nella sua accezione folkloristica. Se possibile eliminato. O quanto meno vessato. Prendiamo un Roma-Real Madrid qualsiasi. Allo stadio Olimpico, in un contesto di città militarizzata e, de facto, gestita da un governo para militaresco. Un tempo, per la città di Roma, ospitare un club così prestigioso e titolato sarebbe stato sinonimo di festa e calore a prescindere. Con biglietti accessibili a tutti e uno stadio trasformato in catino, con la Curva Sud a orchestrare il tifo dei suoi proseliti. Posti anche nei settori attigui.

Non va più così, da tempo. E oltre alle politiche repressive, i divisori istallati e le sanzioni pecuniarie emanate nei confronti di chi ha “osato” cambiare posto, ieri è andata in scena l’ennesima pantomima della derelitta gestione dell’ordine pubblico attorno all’impianto di Viale dei Gladiatori.

“Meno polizia, controlli più soft e procedure più snelle per l’accesso dei tifosi” avevano garantito dall’intelligencia istituzionale ai margini di quella famosa riunione di martedì scorso. E’ bastato transitare per qualche minuto nei pressi dei prefiltraggi per capire che le cose non sarebbero andate esattamente così.

Migliaia di persone ammassate come bestie nella stalla. Anziani e bambini costretti a retrocedere per non soffocare. Situazioni, nel resto d’Europa (dove hanno da tragedie come quelle di Hillsborough hanno appreso a agito di conseguenza) vecchie e irripetibili da decenni. Avvenimenti prontamente difesi, in mattinata, dal capo gabinetto della Questura di Roma, Roberto Massucci, in onda su Rete Sport. “I tifosi sono stati ammassati per ragioni di sicurezza, non vi era alcun pericolo”. Una contraddizione in termini. Con la quale difficilmente ci può esser contraddittorio. Sempre sulla scorta di quella famosa arroganza, che tutto permette e tutto giustifica.

E’ stato sufficiente vendere un numero di biglietti superiore agli ormai canonici diecimila per andare in tilt e creare il solito teatrino capitolino, con code chilometriche e tifosi entrati in netto ritardo. Dalle curve alle tribune, con particolare criticità in Tevere, dove gli accessi avvenivano con il contagocce. Nonostante la gente avesse sborsato dai 40 ai 90 Euro. Prezzi che già di loro lasciano basiti. Ma che rispettano il listino a stelle e strisce, che da ormai tre anni costringe i volenterosi tifosi a fare i salti mortali per assistere a una partita, il cui livello, generalmente, è pari a un terzo del valore del tagliando.

Un “caos calmo” che riflette tutta l’incapacità (o la non volontà?) di operare in maniera seria e lungimirante in tali occasioni. In pieno giorno lavorativo è facilmente preventivabile l’arrivo della stragrande maggioranza dei tifosi a ridosso del fischio d’inizio. O si vive un’esistenza parallela, in cui non si calcola che i cittadini, nella loro vita, lavorino, anche in tempi di preoccupante disoccupazione come questa, oppure si agisce con una sufficienza disarmante. Non tenendo conto dei disagi clamorosi creati a quei “clienti” (come li vuole il calcio d’oggi) a cui oltre il danno spetta pure la beffa di perdere minuti di gara. Altro che task-force e famiglie allo stadio.

Le grottesche code di ieri, che di certo non sono una novità all’Olimpico, mettono ancor più nero su bianco i fallimenti delle operazioni che avrebbero dovuto rappresentare l’anno zero per il tifo romano. Si è gioito e riportato a dieci colonne il dato di 55.000 biglietti venduti. Notizia gonfiata come se si fosse registrato sold out per la prima volta a Roma. Forse fa parte di quella campagna che vorrebbe portare alla “normalizzazione” tanti auspicata dal duo Gabrielli-D’Angelo. Una cosa è certa: non occorre avere una memoria storica così profonda per asserire che in tempi non sospetti il tifo romanista ha fatto registrare numeri ben più alti per partite certamente meno importanti.

Quello che è stato profondamente modificato è il modus vivendi dello stadio Olimpico. La fruibilità è peggiorata in maniera drastica. Se nel 2003 (per non andare troppo lontani nel tempo) per un Roma-Atalanta si registravano 60.000 spettatori, non c’era certamente bisogno di attendere anni luce prima di vedere il manto verde su cui le squadre si fronteggiavano. Saranno “altri tempi”, come piace definirli a quelli che vogliono a tutti i costi una vivibilità urbana fatta di barriere, controlli serrati e legalità garantita anche attraverso pratiche invasive e al limite del consentito, ma è un qualcosa da tenere in considerazione. Perché massimo indicatore di come il nostro calcio sia regredito anni luce sotto tantissimi aspetti. Affossato, colpito e affondati da divieti, regolamenti illogici e giochi di potere volti a garantire carriere politiche e non solo.

“Le barriere vanno tolte, ma nel rispetto della legalità, ha tuonato ieri Franco Gabrielli a margine di una conferenza sulla candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024. Affermazioni che cozzano atrocemente con il trend portante di qualche mese fa. Se non conoscessimo questo Paese e i suoi movimenti irrazionalmente ponderati, soprattutto nel campo socio-politico, penseremmo che l’ex capo della Protezione Civile, assieme a chi ha foraggiato e spinto simili decisioni, siano sull’orlo di una crisi di nervi. Ma così non è. E’ lapalissiano che qualcosa sia loro sfuggito di mano. Ma nella stanza dei bottoni sono troppo tronfi e presuntuosi per ammetterlo. Speriamo solo che per riparare alla buca creata non minino la sede stradale con la scusa del rifacimento, provocando un totale crollo dell’asfalto.

Sta di fatto che una città vogliosa di ospitare la rassegna olimpionica non può permettersi di lasciare migliaia di tifosi in coda per le sue negligenze gestionali e i capricci di chi con il discorso della sicurezza ha distrutto la passione popolare per lo sport e sta devastando l’anima più ludica e profonda della Città Eterna. Qualcuno lo faccia presente. O da qui a poco sarà troppo tardi anche per abbattere le barriere. Quelle mentali innalzate nella testa delle persone. Che vedranno tutto ciò come normale routine. O forse è quello l’obiettivo?

FOTO: www.forzaroma.info

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    karm

    Febbraio 18, 2016 at 3:31 pm

    ieri io c’ero!
    dicono che lo fanno per ordine pubblico, sono solamente degli incapaci che per evitare prevengono vietando.
    L’odio che creano nella gente nei confronti di polizia e steward è spropositato…io, per esempio, ogni volta che entro inveisco in faccia a poliziotti, finanzieri e steward imprecando e maledicendo loro ed i loro capi…l’effetto, nessuno se non che mi fanno passare ed abbassano la testa.
    Lo sanno che ci stanno trattando come degli animali ed allora io, come gli animali, salto la fila, faccio il furbo e insulto tutto l’insultabile….per inciso, SONO COMPORTAMENTI CHE MAI ADOTTO NELLA VITA COMUNE DI TUTTI I GIORNI.
    La bestialità dell’uomo viene scatenata dal sopruso, dalle inefficienze, dal trattamento barbaro subito…concludo augurando vagoni di medicine aio responsabili.

  2. Avatar

    walter

    Febbraio 18, 2016 at 4:27 pm

    classiche file italiane,ma niente di nuovo o di cui meravigliarsi.l’articolo mi sembra eccessivamente contro(non so chi).c’ero con mio figlio e non mi sono sentito una bestia. Forza Roma a 5 STELLE.
    salute.

    • Avatar

      EnricoQ

      Febbraio 18, 2016 at 5:40 pm

      Beato lei che la vede così normale la situazione, io allo stadio ci vado poco ultimamente, non sono un ultrà ma considero le misure di sicurezza adottate negli ultimi tempi eccessive se non addirittura illogiche. Per quale motivo tenere aperti solo la metà dei cancelli anche al termine della partita quando ci sono file chilometriche per uscire? Poi se fino a qualche anno fa c’erano 40000 tifosi anche nelle partite meno importanti e oggi si fa fatica a raggiungere i 25000 un motivo ci sarà… inoltre se mi fai pagare un biglietto 90-100 euro per una tribuna mi aspetto anche un servizio di un certo livello

  3. Pingback: ILFATTOQUOTIDIANO.IT Roma-Real: in fila come le bestie, ma per il Prefetto non c'è pericolo | gazzettagiallorossa.it

  4. Avatar

    walter

    Febbraio 18, 2016 at 8:26 pm

    …. e meno male che i terroristi non si accorgono di file come queste: sarebbe facile replicare il Bataclan… incapacità totale alla gestione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Il 10 Aprile 2018 allo Stadio Olimpico la Roma compie una delle più grandi imprese della sua storia battendo il Barcellona per 3 a...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Altri Sport

Fosse Ardeatine: Anticoli e Gelsomini, storie di sportivi uccisi dai nazisti Il 24 marzo 1944 si consumò uno degli eventi più tragici del periodo...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Domani sera si giocherà all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita il “Derby...

Calcio

Edin Dzeko, il Diamante di Sarajevo Compie oggi 35 anni Edin Dzeko, centravanti bosniaco della Roma che dopo aver vissuto in prima persona i...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa La storia di John “Jock” Stein inizia nel lontano 1922 a Burnbank, nel...

Calcio

Bruno Conti, il MaraZico che giocava a Baseball Compie oggi 66 anni Bruno Conti, formidabile ala dell’Italia Campione del Mondo 1982 e del secondo...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Via del Campo: Nemmeno Roy Keane ha fermato gli Haaland Haaland, Haaland, Haaland. Negli ultimi giorni, il web si è riempito del...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro