Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Napoli-Roma, Gallo: “Morte di Ciro Esposito una ferita per la città, per alcuni non rimarginabile”

Una volta era il ‘Derby del Sud’, con i tifosi gemellati e lo scambio delle bandiere in mezzo al campo, adesso è forse la rivalità più sentita e potenzialmente violenta del calcio italiano. Domenica pomeriggio, allo stadio San Paolo, il Napoli affronterà la Roma: anche se ai sostenitori giallorossi è stata vietata la trasferta, l’attenzione di tutti è però focalizzata sulla situazione dell’ordine pubblico a un anno e mezzo dall’uccisione di Ciro Esposito. Per sondare gli umori dei tifosi partenopei, abbiamo sentito il parere di Massimiliano Gallo, direttore de ‘ilnapolista.it’, sito cult per gli appassionati azzurri.

Inevitabile partire dai postumi della serata della finale di Coppa Italia del 2014: “Napoli vive male la ferita della morte di Ciro Esposito – spiega Gallo -. Per certi versi non si rimargina, anche se la famiglia ha svolto un ruolo molto importante sin dal primo giorno. La madre e lo zio, che è un ex sindacalista della CIGL, sono stati bravi a non proferire mai nemmeno una parola di vendetta. E’ una ferita comunque per la città. Poi c’è la parte della tifoseria cosiddetta ‘organizzata’ che la considera una ferita non rimarginabile, anche perché non c’è stato mai dai tifosi della Roma un gesto volto a tentare una ricomposizione”.

Come sono stati considerate a Napoli le prese di posizione della Curva Sud della Roma a favore di De Santis e contro la madre di Ciro Esposito? “Ci sono stati vari episodi che hanno visto coinvolti gli ultrà della Roma. Ultimamente ha girato molto a Napoli un video dei tifosi giallorossi che auguravano il colera e l’eruzione del Vesuvio. E’ una inimicizia che già esisteva e che l’omicidio di Ciro Esposito acuiva. A Napoli è stata vissuta molto male l’onda mediatica successiva: si è parlato molto più di ‘Genny ‘La Carogna’ che di De Santis che ha ucciso Ciro. C’è stata grande rabbia perché sembrava che l’attentatore fosse Genny La Carogna. Si era vittime due volte. Si sa pochissimo sugli ambienti dell’estrema destra romana. E’ cambiato ben poco dai fatti della finale di Coppa Italia, direi niente”.

Crede possibile un ritorno delle trasferte dei tifosi romanisti e napoletani in occasione delle sfide tra le due squadre? “Non credo proprio, non ci sono le condizioni per una ricomposizione, per una riappacificazione. Io sono cresciuto con Napoli-Roma ai tempi in cui le tifoserie erano gemellate. Poi ci sono stati vari episodi, come le scene di violenza a Napoli l’anno dello scudetto della Roma. La situazione si è via via incancrenita fino all’omicidio di Ciro, a margine di una partita che non vedeva nemmeno coinvolta la Roma”.

Qual è la situazione attuale all’interno del San Paolo anche alla luce del rapporto tra De Laurentiis e il Comune? “A Napoli c’è sempre una contestazione nei confronti di De Laurentiis, che a volte è più intensa e a volte meno. Non ci sono stati episodi di violenza all’interno dello stadio. Si fanno dei cori per tradizione, all’inizio e alla fine delle partite. Ci sono stati vari striscioni: agli ultrà e ai tifosi non piace la concezione che De Laurentiis ha del Napoli, ovvero che sia nato con lui. Ma questo malumore non riguarda la dialettica tra il presidente e il Comune di Napoli”.

Quanto conta la camorra nel rapporto tra gli ultras napoletani e le altre tifoserie? “Non credo che la camorra abbia una valenza in tal senso. Si parla molto dei legami tra i gruppi di tifosi organizzati e la camorra: ma lo stadio come zona di spaccio è un qualcosa che si verifica a Napoli come in altre città: a Torino per un regolamento di conti tra ultrà della Juve un paio di anni fa uno di loro fu ridotto in fin di vita a sprangate”.

Come è possibile che si sia arrivati ad un odio del genere tra due tifoserie che una volta erano molto amiche? “Credo sia avvenuta una metamorfosi negli stadi italiani. La cosiddetta tifoseria organizzata ha seguito una strada tutta sua e ha condizionato i rapporti, almeno a livello di ordine pubblico. Stavano cambiando i rapporti nelle curve: anche a Roma il CUCS stava perdendo potere. I vecchi capi ultrà sono stati spodestati dalle curve. Il pretesto fu quel gesto dell’ombrello di Bagni in un Roma-Napoli che terminò 1-1. Era una rivalità che riguardava solo i gruppi di ultrà, fino all’omicidio di Ciro Esposito che probabilmente ha cambiato qualcosa anche nella tifoseria comune, tra i tifosi ‘normali’. Ma la maggior parte dei sostenitori di Roma e Napoli continuano a guardare all’altra squadra come una compagine ‘cugina’”.

FOTO: www.forzaroma.info

social banner

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio Si è giocato ieri alle ore 17 una delle partite più calde del panorama...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Tutto ha inizio a Turi, 30 Km da Bari, Oronzo nasce...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Calcio

Dmitrij Šostakovič, il musicista ultras Il 9 Agosto 1975 moriva a Mosca il musicista e compositore russo Dmitrij Šostakovič. Nella sua vita, oltre alla...

Calcio

Peter Fischer, storia di un Presidente Ultras Dino Viola, Franco Sensi, Massimo Moratti, Silvio Berlusconi: sono questi i primi nomi che mi vengono in...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

Mexico ’86, 22 Giugno: Maradona racconta la “Mano de Dios” Il 22 Giugno 1986 durante in Mondiali in Messico Diego Armando Maradona segna il...

Pugilato

Il 23 maggio 1915 nasceva Leone Efrati, il pugile italiano deportato dai nazisti e costretto a combattere dentro al campo di concentramento di Auschwitz,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro