Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti

Col posticipo serale Sampdoria-Milan di lunedì, la prima giornata della Serie A 2021-22 è andata in archivio. Il calcio “vero”, quello dei tre punti e dell’attenzione alla classifica, è tornato anche se è ancora estate, l’aria appiccica di umido e salsedine e molti appassionati sono ancora in vacanza. Ma tant’è.

La partenza non ha dato luogo a particolari sorprese: al netto della scivolone della Juventus a Udine, per via più della deficitaria prestazione di Szczesny che per il richiamo alle amnesie della passata stagione, che pure ci sono state, milanesi, romane, Atalanta e Napoli hanno portato a casa la vittoria. Si è già detto molto sul campionato che sarà: equilibrio allargato, importanza degli allenatori, necessità di dare valore alle nuove idee in mancanza di troppi soldi da spendere. Nell’entropia di questo episodio primordiale, una verità sembra conclamata: le prime sette posizioni, con ordine da definire, saranno nelle mani di queste squadre. Chiamiamole le nuove sette sorelle, giusto per riportare in auge la nomenclatura del calcio italiano di vent’anni fa, quando a contendersi scudetto e piazzamenti per le competizioni europee erano le compagini di oggi con le sole variazioni di Fiorentina (comunque tra le possibili sorprese di quest’anno) e Parma, che hanno lasciato il testimone a Napoli e Atalanta.

Le considerazioni che arrivano dai campi, per quanto soggette alla controprova del tempo, spingono a dire che la Juventus probabilmente dovrà faticare ancora un po’ per trovare l’assetto migliore: rinunciando inizialmente a Ronaldo per poi chiamarlo in causa nel corso del match, ha dimostrato di essere ancora nel mezzo della transizione che ritorna al futuro di Allegri dopo la perlustrazione dei sentieri alternativi e insoddisfacenti seguiti con Sarri e Pirlo.

LInter campione d’Italia alza subito la voce: lo scudetto è mio – sembra dichiarare più ai suoi timori che agli avversari – e sarà dura venirlo a riprendere. Inzaghi, chiamato per gestire al meglio l’arrocco, è in grado di svolgere il compito al meglio. Il Milan tiene fede al suo proposito di mandare la gioventù al potere con una consapevolezza che le due ultime stagioni pandemiche hanno rafforzato. In più il mercato non è ancora finito e Ibra deve tornare. Roma e Lazio stanno assumendo le sembianze dei loro allenatori: per i giallorossi si è anche aggiunto il valore Abraham. Il Napoli vince in dieci, l’Atalanta lo fa all’ultimo minuto con un gol di Piccoli, attaccante classe 2001 che affianca il suo nome nella classifica dei marcatori a quelli degli azzurri Immobile, Belotti e Raspadori. Nella stagione che precede i mondiali, per Roberto Mancini è un bel segnale.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (quarta giornata) La domenica della Serie A si conclude con l’1-1 tra Juventus e...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (seconda giornata) Diversi, come sempre, i temi della giornata. Ma quello che, inevitabilmente, svetta...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro