Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (undicesima giornata)

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (undicesima giornata)

Spettacolo e intensità non hanno fatto difetto a questa undicesima giornata già a partire da Atalanta-Lazio, rappresentazione godibilissima sin dai primi minuti della partita. Per l’Atalanta solo conferme: atteggiamento agonisticamente superlativo, uno Zapata in forma smagliante e il ricorso a giovani di prospettiva (in campo c’erano Lovato, Scalvini e Piccoli, tutti nati dopo il 2000). La Lazio, oltre alla solita capacità di dimostrarsi letale con le ripartenze, comincia a esporre un modo di coprire il campo più vicino all’idea di calcio cara a Sarri. La squadra è apparsa più compatta, armonica nei movimenti in fase di non possesso palla. Il gioco offensivo non è ancora quello che più piace al tecnico toscano ma il tempo gli darà una mano a far recepire ai giocatori il messaggio. Due le segnalazioni importanti in casa biancoceleste: l’aggancio al primo posto della classifica dei marcatori all time di Ciro Immobile a Silvio Piola; e il gesto di fair play di Pepe Reina, colpito da una monetina in testa e mai sfiorato dal dubbio di accasciarsi al suolo per trarne beneficio. Lodevole, seppur poco evidenziato, il suo gesto: ricordando anche il soldo che colpì Alemao nel 1990 viene da pensare che a Bergamo ci sia un gran surplus di denaro. E che gli spettatori locali dispongano di un’ottima mira.

La Juventus, a Verona, prende lezioni di italiano. Inteso nel senso di modo di giocare, legato alle marcature strette a tutto campo che la squadra di Tudor mostra di saper applicare al meglio come già faceva lo scorso anno seguendo le direttive di Juric. Certo, non stiamo parlando del catenaccio old style ma di una modalità rivista e aggiornata del “primo non prenderle” che non vuol dire rinunciare allo spettacolo bensì togliere spazi, idee e capacità di ragionare all’avversario per poi andarlo a colpire appena indotto in errore. E’ questo il copione al quale si sono attenuti i gialloblù avvalendosi dello stato di forma straordinario di Caprari e Simeone che, da qualche settimana a questa parte, stanno facendo impazzire le difese avversarie.

A proposito dell’ex tecnico scaligero Juric, è giusto menzionare anche il suo Torino, distanziato di un solo punto dal Verona e in grado di sviluppare quel gioco fatto di pressing alto e marcature a uomo che sta dando le sue soddisfazioni anche al pubblico granata. E al Gallo Belotti, arrivato sabato sera al centesimo gol in serie A.  

Il clou della giornata, però, è arrivato nella serata di domenica, quando a pochi minuti di distanza sono scese in campo le capolista. Che tali sono rimaste al termine dei rispettivi incontri: più faticosa, per paradosso valutato sulla qualità dell’avversario, la vittoria del Napoli, anche se la rinuncia contemporanea a Osimhen e Insigne non ha reso semplice la gestione della fase offensiva. Gli azzurri tengono botta rischiando anche di essere agguantati dalla Salernitana. Ma alla fine si accomodano sul divano nella speranza che la Roma di Mourinho riesca ad arginare, almeno in parte, la marcia del Milan. Speranza mal riposta, perché nella notte dell’Olimpico, che, ove ce ne fosse bisogno, dimostra nuovamente quanto ci sia voglia di vedere calcio negli stadi, i giallorossi non ripetono la prestazione fornita sette giorni prima contro il Napoli e si fanno da parte già alla metà del primo tempo senza trovare il modo di riprendere l’inerzia di una gara che solo dopo l’espulsione di Theo Hernandez ritrova un po’ di equilibrio.

Anche se, va detto, l’episodio decisivo del match, il rigore assegnato per intervento di Ibanez su Ibrahimovic, rimane incagliato nei meandri dell’interpretazione (VAR contro arbitro) di un regolamento che, piuttosto che assegnare certezze allo svolgimento del gioco, lo rende sempre più opinabile nonostante il salvifico utilizzo della tecnologia. Emblematiche, a tal proposito, le dichiarazioni di Mancini dopo il fischio finale:”Noi difensori non possiamo intervenire, non possiamo fare contrasti. Ci dicono di stare attenti con i falli di mano, noi difensori sembriamo pinguini. Questo non è calcio”. Da impacchettare e spedire a chi, appesantito dal troppo tempo trascorso dietro a una scrivania e ai tavoli dei ristoranti, si è dimenticato (o non ha mai saputo) cosa significhi giocare a calcio.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

La vittoria del Napoli nell’ultimo match della domenica racconta tante storie. Quella di Mertens, tanto per cominciare: rientrato a tempo pieno in squadra dopo...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Lo scorso 25 novembre ha compiuto 77 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 60 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 22 novembre 1907 nasceva Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso. Per...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (tredicesima giornata) La ripresa del campionato non rimuove i pensieri legati alle ultime partite...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 1997 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Si rallenta in vetta: Napoli e Milan ottengono solo un punto dalla dodicesima giornata di campionato dopo due partite ricche di intensità. Si è...

Calcio

Minuto 72, una barriera troppo vicina Il 3 novembre 1972 al San Paolo di Napoli Diego Armando Maradona realizza un goal entrato nella storia....

Calcio

Marco Van Basten: l’eterno volo del Cigno Ha compiuto ieri 57 anni Marco van Basten, il fenomenale quanto sfortunato giocatore olandese che abbiamo avuto...

Calcio

1913-14: quando la Juventus divenne “lombarda” ed evitò la retrocessione Il primo novembre 1897 un gruppo di studenti del liceo classico Massimo D’Azeglio di...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Domani sera all’Olimpico si sfideranno due squadre che rappresentano due città così distanti e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro