Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (tredicesima giornata)

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (tredicesima giornata)

La ripresa del campionato non rimuove i pensieri legati alle ultime partite della nazionale. L’Olimpico, che vedrà nuovamente gli azzurri impegnati a marzo nella prima delle partite dei play off per andare in Qatar, è ancora impregnato dell’odore acre del pareggio con la Svizzera e del tiro maldestro col quale Jorginho ha polverizzato la grande chance di volare direttamente ai mondiali senza attraversare nuovamente le ansie delle partite di qualificazione. E così la cronaca di Lazio-Juventus sembra densa di considerazioni che vanno oltre il valore che la gara ha rappresentato. Già, perché vedere Bonucci segnare implacabilmente due rigori proprio in quello stadio, non può non aver acceso nella mente di tutti l’idea che ad andare sul dischetto per scavalcare il muro che ancor oggi ci separa dal Qatar avrebbe potuto essere lui. Così come non può non far pensare alla nazionale il peso ridotto dei gol made in Italy sul numero complessivo delle marcature della serie A, altra immagine riflessa delle difficoltà che hanno impacciato le prestazioni più recenti dei ragazzi di Mancini.

Ma, focalizzandosi sul campionato, desta una relativa sorpresa la prima caduta di Milan e Napoli, che per la legge dei grandi numeri prima o poi sarebbe dovuta arrivare. Un risultato, quello dei rossoneri, molto costruito sull’episodio negativo del primo gol segnato da Duncan, attento ad approfittare di un’uscita distratta di Tatarusanu e della reattività lenta dei difensori avversari. La Fiorentina, come accennato anche in passato, è l’alternativa più credibile al monopolio delle nuove sette sorelle, capace di esprimere un bel calcio che il fenomeno Vlahovic, da ieri capocannoniere, sa finalizzare al meglio.

Partita emozionante anche a San Siro, dove l’Inter riesce a ribaltare il risultato inizialmente avverso grazie a una prova corale che conferma la profondità della rosa dei campioni d’Italia che, nei confronti diretti con Napoli e Milan, hanno dimostrato di essere allo stesso livello delle attuali capoclassifica. La perla del gol di Mertens è importante per Spalletti perché gli consente di guardare alle prossime assenze di Osimhen (che tra l’intervento al volto che dovrà sostenere e la coppa d’Africa, nei prossimi due mesi sarà tra i meno utilizzabili da parte del tecnico toscano) con la possibilità di attingere a diverse varianti tattiche per sostenere la fase offensiva della squadra.

Il gol del belga rimanda per assonanza a quello realizzato dal giovane Afena-Gyan che chiude il risultato del match di Marassi, dove la Roma si aggrappa alla doppietta di questo diciottenne ghanese che sorprende per la incredibile maturità con cui si sta affacciando in serie A. La sua rivelazione è, ad oggi, la parte forse migliore del lavoro di Mourinho, che adesso dovrà proteggere la crescita del ragazzo dalle insidie della celebrità. La prima panchina di Shevchenko, alla fine, non può essere considerata troppo amara, vista la discreta prestazione di un Genoa troppo asciugato dalle assenze.

Nel 5-2 che fa volare l’Atalanta fa piacere trovare l’impronta sempre più marcata di Davide Zappacosta, limitato negli ultimi anni da una serie di brutti infortuni che ne hanno interrotto la crescita. Il volo dei bergamaschi, almeno sulla fascia destra, ha le sembianze delle sue ampie falcate.

Fallisce il salto verso l’alto il Bologna, sorpreso in casa dalla seconda vittoria consecutiva del Venezia. Verona-Empoli e Torino-Udinese daranno questa sera la definizione di una classifica nella quale la difficoltà a vincere di Cagliari e Salernitana si specchia nell’arranco degli ultimi due posti.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

La vittoria del Napoli nell’ultimo match della domenica racconta tante storie. Quella di Mertens, tanto per cominciare: rientrato a tempo pieno in squadra dopo...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Lo scorso 25 novembre ha compiuto 77 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 60 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 22 novembre 1907 nasceva Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso. Per...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 1997 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Si rallenta in vetta: Napoli e Milan ottengono solo un punto dalla dodicesima giornata di campionato dopo due partite ricche di intensità. Si è...

Calcio

Minuto 72, una barriera troppo vicina Il 3 novembre 1972 al San Paolo di Napoli Diego Armando Maradona realizza un goal entrato nella storia....

Calcio

Marco Van Basten: l’eterno volo del Cigno Ha compiuto ieri 57 anni Marco van Basten, il fenomenale quanto sfortunato giocatore olandese che abbiamo avuto...

Calcio

1913-14: quando la Juventus divenne “lombarda” ed evitò la retrocessione Il primo novembre 1897 un gruppo di studenti del liceo classico Massimo D’Azeglio di...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (undicesima giornata) Spettacolo e intensità non hanno fatto difetto a questa undicesima giornata già...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Domani sera all’Olimpico si sfideranno due squadre che rappresentano due città così distanti e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro