Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (terza giornata)

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano

Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene sconfitta in casa da una baldanzosa Fiorentina; e quello, che fa più rumore, della Juventus, che passa nel giro di poche settimane da essere la favorita per la vittoria finale a squadra in piena crisi che annaspa a fondo classifica alla ricerca amletica di un’identità smarrita ormai da due stagioni. Non che la sconfitta del San Paolo, contro un Napoli che veleggia al primo posto, fosse un risultato impensabile, soprattutto considerando le numerose assenze che hanno afflitto le scelte di Allegri. Ma le modalità con cui si è concretizzata, quelle sì, hanno evidenziato la struttura di questa prematura crisi che avanza ombre lunghe sui tempi di cui avrà bisogno il tecnico per ricucire una squadra che oggi appare leggera, frastornata nelle sicurezze perdute da Szczesny, nelle mancanze agonistiche del centrocampo e nei vagiti vieppiù sopiti degli attaccanti.

Nell’altro big match di giornata il Milan regola senza sforzi eccessivi una Lazio che ha ancora bisogno del rodaggio necessario per avere le sembianze che Sarri desidera, lontane anni luce dall’atteggiamento passivo mostrato dai biancocelesti a San Siro. La squadra di Pioli, maturata enormemente nell’anno e mezzo di pandemia, vince senza discussioni nonostante Kessie si permetta di sbagliare un rigore. Mentre Ibrahimovic, finalmente al rientro, pesca dal suo repertorio segnando a scarpa slacciata e mostrando, a fine partita, la parte dapprima indisponente e poi ecumenica del personaggio che ha costruito. Milan in vetta con la ferma intenzione, e le possibilità, di rimanerci.  

Completa il trio di testa la Roma di Mourinho, vincente all’ultimo secondo tra mille sospiri e battiti accelerati di una partita che poteva avere mille risultati. La mano del tecnico portoghese è evidente su calciatori che fino a pochi mesi fa galleggiavano nell’insipienza mentre oggi giocano senza fronzoli cercando solo la vittoria fino alla disperazione. Il gol di El Sharaawy fa scoppiare l’Olimpico e trascina tutta la panchina sotto la curva a suggellare l’unità di intenti costruita dal tecnico portoghese in poche settimane. E’ il motivo per cui lo chiamano lo Special One.

Ma alla fine, a conti fatti, è stata una giornata di campionato a cui la Toscana ha messo il suo marchio, esaltata sul campo dalla Viola e alimentata nella sua immagine dalla dialettica infuocata dello scontro verbale tra Allegri e Spalletti al termine di Napoli-Juventus. Della Fiorentina si era già ipotizzato il ruolo di possibile sorpresa della stagione. Italiano, dopo le belle cose mostrate l’anno scorso, sta plasmando la squadra secondo i suoi dettami di bel gioco ed efficacia. Se Vlahovic si conferma al livello del talento che possiede, a Firenze, dopo tanto tempo, i tifosi torneranno a sorridere. Quanto ad Allegri e Spalletti, qualcuno dovrebbe darsi la briga di chiedere le immagini, ove ci siano, di quello che si sono detti dopo il novantesimo. La curiosità è montante dopo aver assistito alla conferenza stampa del mister di Certaldo, arrabbiato, come ormai gli capita sempre più spesso, questa volta nei confronti del collega labronico. Non interessa aver conto dei torti e delle ragioni: ma sentire esplodere i due, con l’enfasi dell’adrenalina del match ancora nelle vene, uno contro l’altro, costituirebbe un episodio spontaneo di commedia all’italiana di monicelliana memoria che, in questo tempo nel quale il calcio sciupa la sua epica nella spettralità dei bilanci da multinazionali, restituirebbe ai tifosi l’autenticità di un gioco che, per vivere, ha bisogno di passione… maremma impestata!      

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Avrebbe compiuto ieri 73 anni Luciano Re Cecconi, iconico calciatore della...

Calcio

E’ un mercoledì oltremodo denso quello che vede accorciarsi le distanze in vetta alla classifica: cinque punti contengono il viaggio delle prime quattro, sempre...

Calcio

Chi vinceva il Pallone d’Oro al posto di Maradona? Quest’anno torna il Pallone d’Oro, dopo l’anno di pausa a causa della pandemia di Covid19....

Calcio

La vittoria del Napoli nell’ultimo match della domenica racconta tante storie. Quella di Mertens, tanto per cominciare: rientrato a tempo pieno in squadra dopo...

Calcio

Chapecoense 5 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Lo scorso 25 novembre ha compiuto 77 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 60 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 22 novembre 1907 nasceva Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso. Per...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (tredicesima giornata) La ripresa del campionato non rimuove i pensieri legati alle ultime partite...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro