Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (sedicesima giornata)

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (sedicesima giornata)

A guardare oggi la classifica sembra che la Lega di serie A sia diventata una proiezione della storica Lega Lombarda che si studia sui banchi della scuola, col Milan tornato in testa tallonato a un punto dall’Inter e l’Atalanta distante appena quattro punti. Nel mezzo il Napoli a rappresentare un resto d’Italia ormai definitivamente allontanato, destinato a vivere un torneo parallelo costruito su ambizioni minori. A San Siro la capolista non ha problemi a portare avanti un monologo che dopo 17 minuti ha già espresso una sentenza inappellabile contro una Salernitana sempre più affossata all’ultimo posto. I rossoneri, in vista del big match col Liverpool di martedì, si permettono un turn over che non inficia la qualità della prestazione. In una stagione lunga e faticosa chiamare a sostegno anche gli uomini meno utilizzati è determinante per elevare senso di appartenenza e motivazione che diventano determinanti nei momenti di difficoltà che anche gli infortuni (Kjaer docet) possono indurre.

Ma è dall’Olimpico che arriva il primo segnale forte della giornata. L’Inter strapazza i resti della Roma senza se e senza ma, confermando l’impressione ormai ben viva dal derby scorso per cui i nerazzurri sono pienamente in corsa per il titolo dopo aver assorbito il periodo di assestamento dovuto alla partenza di due elementi determinanti la scorsa stagione come Hakimi e Lukaku. Padroni di se stessi, prima ancora che degli avversari: un passaggio sufficiente a primeggiare avendo la disponibilità di una rosa profonda e di qualità elevata e le doti di un tecnico come Inzaghi, capace in poche settimane di ripulire i dubbi (ove ce ne fossero stati) relativi alla sua capacità di gestire un top team. La Roma, pur dovendo fronteggiare la gara senza poter contare su molti titolari (a proposito: quanto ha pesato, nell’assetto tattico della squadra, la stupida ammonizione presa da Karsdorp tre giorni prima?), non riesce nemmeno a recitare la parte di un decente sparring partner. Il divario di prestazione è così ampio da far sembrare la partita un’amichevole estiva tra due compagini di categorie differenti. Sorprendente l’involuzione non solo di gioco ma anche di mentalità che ha colpito i giallorossi nelle ultime partite, sabato sera in balia degli avversari e completamente incapaci di abbozzare la pur minima reazione, quand’anche solo di nervi, nonostante il costante supporto del pubblico. Al netto dell’inadeguatezza complessiva della rosa per competere ad alti livelli, più volte rimarcata da Mourinho (cui prodest?), è dallo stesso tecnico che ci si aspetterebbe un apporto più significativo al rendimento di una squadra che contro l’Inter è scesa in campo rinunciataria nell’atteggiamento e probabilmente sbagliata nel modulo di gioco e nelle scelte di abbinamento tra giocatori disponibili e ruoli.

L’altro segnale forte della giornata arriva da Napoli, dove gli azzurri, come la Roma, si sono trovati a dover gestire un’eccessiva carenza di titolari che ha reso improbo il compito di arginare un’Atalanta in forma straordinaria. A differenza dei giallorossi, però, gli uomini di Spalletti hanno dato alla loro prestazione un contenuto ben più che dignitoso. Lo stato psicofisico di Zapata & C., però, ha reso vano ogni sforzo di resistenza. Mai come quest’anno la Dea era stata a ridosso del primato in classifica a questo punto della stagione: i progressi d’identità e di consapevolezza delle proprie caratteristiche sono evidenti e spingono l’Atalanta a essere tra le protagoniste che ambiscono a giocarsi il titolo. Una bella conferma del valore dei bergamaschi è attesa anche nella partita contro il Villarreal di mercoledì.

Il resto sono note d’accompagnamento. La Fiorentina va a vincere il derby dell’Appennino e sale al quinto posto: Italiano continua il processo di restauro del rapporto di fiducia tra squadra e pubblico. Il derby veneto, apparentemente chiuso nel primo tempo, si infiamma nella ripresa e assume contorni stupefacenti col ritorno al gol di Caprari e Simeone mentre una Lazio spigliata gigioneggia in trasferta contro la Sampdoria. E la Juventus svolge il suo compito grazie a un gol parabolico di Cuadrado (traiettoria da videogioco il suo calcio d’angolo) e a una stilettata di Dybala.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventunesima giornata) Covid ancora protagonista in campionato. Dopo le decisioni asimmetriche delle ASL è...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventesima giornata) Anno nuovo ma, nella calza della Befana, il campionato ritrova un carbone...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (diciannovesima giornata) Il Covid torna a lambire le rive del campionato. Protocolli della FIGC...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (diciottesima giornata) L’Inter è campione d’inverno: per quanto non sia un titulo...

Calcio

Hugo Enyinnaya: che fine ha fatto il carneade di Bari-Inter? 18 dicembre 1999, ore 20.30, Bari-Inter. Al San Nicola, i tifosi biancorossi stanno per...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Si ricordava ieri la nascita, avvenuta il 13 dicembre 1946, di Pierino Prati, l’attaccante del Milan e...

Calcio

Fosco Becattini, la storica “Palla di gomma” del Genoa Il 14 dicembre 2016 moriva Fosco Becattini, leggenda del Genoa, scomparso all’età di 91 anni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro