Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (seconda giornata)

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (seconda giornata)

Diversi, come sempre, i temi della giornata. Ma quello che, inevitabilmente, svetta su tutti, è l’addio di Cristiano Ronaldo alla Juventus e al calcio italiano, preannunciato da voci di corridoio inizialmente smentite con forza dalla società. Chissà con quanta convinzione e con quale stato d’animo: se la speranza di poter portare davvero a fine contratto l’asso portoghese o quella più pragmatica di alleggerire il fardello di un conto economico appesantito dagli effetti della pandemia e ricominciare a programmare una squadra costruita più su se stessa che sulle gesta epiche di un uomo solo.

Già, perché questo è Cristiano Ronaldo: un uomo, un giocatore solo, condannato da se stesso e dalla sua ambizione a inseguire record che lui stesso frantuma in successione. Una macchina perfetta che solo il tempo, alla lunga, riuscirà a fermare. L’egolatria lo ha reso qualcosa di diverso rispetto alla squadra in cui ha giocato. Un’azienda nell’azienda, come hanno detto in molti, che nel momento in cui ha capito che c’erano migliori opportunità di business (prospettive di risultati sportivi, contratto più lungo) ha preferito cambiare. Un buon affare per tutti: innanzitutto per il calciatore, tornato, a trentasei anni, a giocare nel campionato più bello del mondo in una squadra in lotta per vincere in tutte le competizioni; per la Juventus, che non riusciva a tener testa a un suo dipendente che, oltretutto, pesava troppo sul bilancio; per il Manchester United, che può mettere la ciliegina su una torta già molto appetitosa. Un buon affare e, allo stesso tempo, un fallimento: per Ronaldo e la Juventus, che si erano scelti per vincere la Champions e non ci sono riusciti; e per il campionato italiano, il cui livello qualitativo si è ulteriormente assottigliato dopo le partenze di Donnarumma e Lukaku.

CR7 mancherà davvero alla serie A? Probabilmente non più di tanto, almeno se la valutazione viene spostata dal campo del mero spettacolo a quello delle emozioni, il motore principale che alimenta il gioco del calcio. Ronaldo è mancato di empatia, non ha saputo emozionare: ha suscitato il brivido della vittoria, o della sua promessa, ma non ha spinto l’animo del tifoso alla commozione. “Io so’ io e voi non siete niente” sembra dire quando scende in campo in una versione aggiornata e corretta del Marchese del Grillo di sordiana memoria. Il campionato saprà trovare altri eroi, anche se tecnicamente inferiori a lui. E la Juventus, nelle mani di un allenatore intelligente e pragmatico come Allegri, saprà ricostruirsi su basi diverse. Anche se le prime due partite della stagione hanno fatto intendere che la strada sarà in salita.

Delle sette sorelle del nostro campionato, l’unica ad aver fatto un passo falso, oltre alla Juve, è stata l’Atalanta. Lo scialbo pareggio interno ottenuto col Bologna conferma le difficoltà di gioco già incontrate col Torino una settimana fa. Del resto le partenze sprint non sono mai state una specialità delle squadre allenate da Gasperini.

Volano, invece, le romane e le milanesi, aggrappate alle prodezze dei loro giocatori di punta: da Immobile a Pellegrini, da Correa a Giroud è tutta un’esplosione di marcature multiple che spingono sulle ali dell’entusiasmo estivo le rispettive ambizioni di vertice. Sarà un campionato avvincente, nel quale reciterà il suo ruolo importante anche il Napoli di Spalletti, non deflagrante ma arrivato comunque a punteggio pieno alla prima sosta della stagione con vista sulla Nazionale che, dopo il trionfo europeo, ha già due obiettivi molto nitidi da raggiungere: il pass per i mondiali 2022 e la Nations League. Se Mancini continuerà a lavorare seguendo i valori che l’hanno portato a vincere Euro 2020, ci divertiremo ancora.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (quarta giornata) La domenica della Serie A si conclude con l’1-1 tra Juventus e...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Una squadra che da più di un anno deve porre rimedio all’addio al...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro