Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (settima giornata)

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (settima giornata)

La settima è stata una giornata di imprese corsare per le prime tre della classifica. Colpisce, soprattutto, la vittoria a Bergamo del Milan, che decreta definitivamente, a beneficio dei pochi scettici rimasti, il peso di una squadra sulla quale, nonostante Giroud e Ibrahimovic, soffia il vento della gioventù. Calabria, autore del primo gol della partita, ne riassume le caratteristiche: capitano con venticinque anni appena da compiere, ha superato il confine del dubbio tra il prospetto del buon giocatore e l’uomo capace di rispondere sempre presente alle martellanti richieste del professionismo di vertice. In lui si riflette la maturazione di una squadra che, poste le basi sul carisma di Ibra e le idee di Pioli (anche lui consolidatosi nel ruolo di tecnico intelligente e flessibile), offre un rendimento sempre più convincente per la qualità del gioco espresso dai suoi interpreti. Anche se ieri, nell’ennesima bella partita proposta da questo campionato, l’Atalanta castra le sue ambizioni con due errori grossolani (Musso e Freuler) che pesano come un macigno sul risultato finale.

Il Napoli, nell’insidioso match di Firenze, trova ancora una volta le risorse per affermare una supremazia che fino ad oggi non ha conosciuto avversari capaci di opporvisi. In una squadra che riesce a trovare con sempre maggior frequenza le soluzioni adatte per esaltare le qualità devastanti di Osimhen, la profondità della rosa sembra essere un fattore distintivo (ieri in panchina sedevano, tra gli altri, Meret, Manolas, Demme, Politano e Mertens) nei confronti della concorrenza.

L’Inter ottiene la quinta vittoria nel torneo grazie alle prestazioni superlative di due vecchi marpioni, talvolta criticati ma in grado di essere ancora decisivi. Le parate di Handanovic e l’ennesimo gol di un immarcescibile Dzeko, capocannoniere insieme a Immobile, mettono le firme d’autore ad una vittoria che mantiene i nerazzurri nel terzetto di testa che traina un gruppo sempre più diluito col passare delle giornate.

Nel derby di Torino la Juventus è riuscita ad avere la meglio sulla squadra di Juric quasi allo scadere di un match sviluppato su forti toni agonistici soprattutto nel primo tempo, quando i granata hanno più volte costretto all’affanno gli avversari. Venute meno le energie, sono emersi i valori superiori degli uomini di Allegri, capaci nella ripresa di occupare gli spazi offensivi con più costanza e pericolosità fino all’affondo decisivo di Locatelli, giocatore sul quale si coagulano in questo momento gli equilibri di un gruppo alla ricerca di un’identità stabile.

Due lampi illuminano le parti meno nobili della classifica: la prima vittoria della Salernitana (i campani non ottenevano i tre punti in serie A dal 16 maggio 1999 quando all’Arechi sconfissero 2-1 il Vicenza) e il terzo gol della Sampdoria siglato da Candreva con un tiro dalla distanza di rara bellezza e micidiale potenza. Mentre il siparietto messo in piedi in diretta televisiva da Mourinho e Spalletti al termine delle rispettive gare è una perla di divertimento che regala un momento di gradevolissima dimensione ludica a uno sport che vede spesso i suoi protagonisti affogare in una seriosità dalle prospettive limitanti.

A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo "Ci vorrebbe un mondiale" – Ultra edizioni. Nel 2021, sempre con Ultra, ha pubblicato "Da Parigi a Londra. Storia e storie degli Europei di calcio".

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventitreesima giornata) Per l’Inter sono prove di fuga: mentre il Milan non riesce ad...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventunesima giornata) Covid ancora protagonista in campionato. Dopo le decisioni asimmetriche delle ASL è...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventesima giornata) Anno nuovo ma, nella calza della Befana, il campionato ritrova un carbone...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (diciannovesima giornata) Il Covid torna a lambire le rive del campionato. Protocolli della FIGC...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (diciottesima giornata) L’Inter è campione d’inverno: per quanto non sia un titulo...

Calcio

Hugo Enyinnaya: che fine ha fatto il carneade di Bari-Inter? 18 dicembre 1999, ore 20.30, Bari-Inter. Al San Nicola, i tifosi biancorossi stanno per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro