Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Rio Mavuba, “nato in mare” con il Mondiale nel destino

Rio Mavuba, “nato in mare” con il Mondiale nel destino

Compie oggi 36 anni Rio Mavuba, il calciatore francese la cui incredibile storia ci insegna che a volte un destino che sembra essere inesorabilmente segnato può svoltare da un momento all’altro e cambiare la tua vita per sempre.

E’ il 22 giugno del 1974, a Gelsenkirchen il Brasile è in campo per la terza partita del gruppo B della Coppa del Mondo e a pochi minuti dal triplice fischio finale è saldamente in vantaggio per 3-0 sullo Zaire. L’arbitro fischia un calcio di punizione a circa 25 metri dalla porta degli africani: Rivelino sta per calciare quando il numero 2 dei ‘Leopards’, Ilunga Mwepu, improvvisamente e inspiegabilmente si stacca di corsa dalla barriera andando a calciare il pallone verso la metà campo avversaria. E’ un gesto che scatena l’ilarità dei brasiliani e che è ancora un cult su Youtube: ma quella che appare come una clamorosa ignoranza delle regole da parte di una squadra che a molti sembra capitata lì per caso nonostante la recente vittoria della Coppa d’Africa, come dimostrato anche dal 9-0 subito dalla Jugoslavia nella partita precedente, è in realtà un gesto della disperazione. Dopo le prime due sconfitte, infatti, i giocatori africani sono stati avvertiti che nella loro capitale, a Kinshasa, il dittatore Mobutu Sese Soko non ha gradito per niente, e che se subiranno più di tre gol con il Brasile non faranno mai più ritorno nelle loro case. Fortunatamente per loro i verdeoro non infieriscono, e molti anni più tardi si viene a sapere il retroscena su quel calcio di punizione proprio grazie a un’intervista di Mwepu alla Tv inglese.

A far parte della spedizione dei ‘Leopards’ nell’allora Germania Ovest, pur non scendendo mai in campo in nessuna delle tre partite, c’è anche Mafuila ‘Ricky’ Mavuba, centrocampista specializzato nell’esecuzione dei calci da fermo. Alcuni anni dopo il Mondiale tedesco, Mavuba si trasferisce per giocare in Angola, dove si sposa con Therese prima che l’inizio della guerra civile lo spinga a fuggire altrove. Mafuila e signora decidono di trasferirsi in Francia, ma allora come oggi per un africano arrivare in Europa è tutt’altro che facile. Therese è incinta, e le difficoltà della traversata verso Marsiglia su un barcone ne provocano il parto prematuro: nasce un bambino che i genitori decidono di chiamare Rio in onore dell’acqua sulla quale viene al mondo. Arrivati in Francia i Mavuba ottengono lo status di rifugiati politici. Ma nemmeno nel Paese transalpino la vita del piccolo Rio, sul cui passaporto c’è scritto ‘né en mer’ (‘nato in mare’), è facile: a due anni perde la madre e a tredici il padre, dal quale ha ereditato il talento calcistico.

Dopo aver svolto tutta la trafila delle giovanili nel Bordeaux, nel 2003 arriva l’esordio nella Ligue 1, e poco più di un anno più tardi quello nella Nazionale francese non appena ottenuta la nazionalità. Mavuba lascia il Bordeaux nel 2007, attratto dal fascino e dai soldi della Liga, ma l’esperienza nel Villarreal è breve e deludente: dal 2008 si trasferisce infatti in pianta stabile nel nord della Francia, nel Lille di cui diventa presto un simbolo. Mavuba nel LOSC incontra Rudi Garcia, tecnico che si rivela decisivo nella sua carriera: nel 2011 ‘Les Douges’, capitanati da Mavuba, ottengono la storica doppietta Campionato-Coppa di Francia, consegnando alla leggenda una squadra non certo partita con i favori del pronostico.

Ma la vera chiusura del cerchio per Mavuba arriva in Brasile nel giugno 2014 quando, sebbene Deschamps lo mandi in campo solo per uno scampolo di partita contro l’Honduras, ricalca le orme paterne partecipando a un Campionato del Mondo. Un prato verde e un pallone da inseguire dopo aver attraversato l’Oceano Atlantico, lo stesso mare che lo ha visto nascere.

Ma Rio non ha dimenticato la sofferenza di quelli che come lui cercano la felicità: dal 2009 ha aperto “Les orphelins de Makala”, un’associazione con la quale aiuta i bambini dei quartieri più difficili di Kinshasa.

Andrea Corti
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rachid Mekhloufi e la squadra del Fronte di Liberazione Nazionale Algerino Il primo novembre 1954, molteplici attacchi contro obiettivi sensibili da parte del Fronte...

Pugilato

Un bicchiere con Jean-Claude Bouttier Il 13 ottobre 1944 nasceva Jean-Claude Bouttier, uno dei più grandi pugili francesi della storia, scomparso lo scorso anno...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che sto per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Il primo luglio 1903 prendeva il via la prima edizione del...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Calcio

Lo Spirito di Eric Cantona Nel giorno in cui compie 54 anni, vi proponiamo il senso della vita secondo la leggenda del Manchester United,...

Calcio

Il gesto del Marsiglia in aiuto delle donne: essere squadra anche quando non si gioca In questo momento convulso, molte vittime diventano quasi di...

Calcio

Samuel Eto’o e Didier Drogba si sono scagliati con rabbia sui social verso due medici francesi che hanno proposto di attuare sperimentazioni scientifiche in...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 36 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e...

Inchieste & Focus

[themoneytizer id=”27127-1″] Perché il Calcio non c’entra niente con lo Ius Soli Negli ultimi giorni è tornata in auge la questione Ius Soli, con...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo Nel mondo del calcio moderno uno dei pochi lati positivi che ancora...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Qatar 2022, Platini, Sarkozy e l’amico Al Thani: il pranzo all’Eliseo che cambiò tutto L’arresto di Michel Platini, ha rimesso sotto le...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro