Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Rio 2016 rompe il muro del suono: medaglie “ascoltabili” per i non vedenti alle Paralimpiadi

Immaginate di essere ai giochi Olimpici, di aver appena concluso una gara tra le più dure. Siete stanchi, soddisfatti, in piedi di fronte a chi dovrà decidere se darvi o meno una medaglia. Immaginate il podio, uno dei tre posti può essere il vostro. Una volta sopra, finalmente, il tanto sognato premio: una medaglia è sempre una medaglia, che sia d’oro, d’argento o di bronzo. Riuscite a vederla? È proprio lì, fra le vostre mani. Lucente, brillante al vostro collo.

Ora provate a immaginare un atleta non vedente che ha appena vinto la sua, ce l’ha al collo ma non può vederla. Non può vedere nemmeno i disegni della medaglia, i particolari dell’oggetto che rappresenta quel traguardo raggiunto dopo tante fatiche. Non può neanche leggere la disciplina in cui si è distinto. Quest’anno però alle Paralimpiadi di Rio qualcosa è cambiato: si può letteralmente ascoltare il suono della vittoria. Per la prima volta nella storia dei Giochi, le medaglie, se agitate, emettono un suono. Un modo per dare agli atleti ciechi la possibilità di sperimentare con maggiore pienezza il loro trionfo. Ogni medaglia ha un tintinnìo diverso per l’oro, per l’argento e per il bronzo. Questo grazie a delle palline d’acciaio che si trovano al centro della medaglia e che producono un suono diverso in base al materiale di cui essa è fatta: più sordo per l’oro, medio per l’argento e più “squillante” per il bronzo. Le medaglie poi, sono leggermente più spesse nel punto centrale rispetto ai bordi, sui quali è inciso – in braille – il nome della disciplina sportiva d’appartenenza. Design e manifattura curate nei minimi dettagli rendono le 2.488 medaglie prodotte, 812 d’oro, 812 d’argento e 864 di bronzo, uniche nella storia delle Olimpiadi.

Un’importante novità questa, che va ad aggiungersi alla grande attenzione che il Comitato Olimpico di Rio 2016 ha voluto dare all’eco-sostenibilità in questi Giochi ormai conclusi. Le medaglie a base d’oro per esempio, sono state realizzate estraendo il metallo prezioso senza l’uso di mercurio, nel totale rispetto dell’ambiente.
Quelle d’argento e di bronzo sono state invece realizzate utilizzando il 30% di materiali riciclati, provenienti per la metà da bottiglie di plastica. Giochi sì dunque, ma anche uno spunto utile per riflettere su temi importanti come ambiente e integrazione: e sicuramente, questo sarà solo l’inizio.

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 16 Ottobre 1968 alle Olimpiadi in Messico, il podio dei 200 metri regala...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Calcio

Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 ci salutava Stefano Borgonovo. La causa della morte...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Calcio

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale...

Altri Sport

A tu per tu con Maurizio Damilano, il fenomeno della marcia azzurra A meno di due mesi dall’inizio delle Olimpiadi di Tokyo sono in...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

L’uso dei social di Marchisio aiuterà le generazioni future Con molta probabilità, nel 2050, quando la regola diventerà discutere dell’atleta che si espone per...

Calcio

Forest Green Rovers, la squadra più Eco-Friendly al mondo Il 15 marzo 2019 in 150 paesi sparsi in tutto il mondo (e 2000 città),...

Altri Sport

Festa della Donna: Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Per la Festa della Donna che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro