Connect with us

Cerca articoli

Varie

Rio 2016: Neymar vince l’oro, litiga con i tifosi e lascia la fascia da capitano

Le Olimpiadi di Rio sono finite ma Neymar, l’attaccante del Barcellona e della nazionale brasiliana, continua a far parlare di sé. Prima l’abbraccio con l’ex fidanzata Bruna Marquezine sugli spalti subito dopo la vittoria contro la Germania per 6-5 ai rigori e poi l’annuncio, in conferenza stampa, che ha sorpreso tutti: «Ne ho parlato con la mia famiglia e ho deciso: da oggi non voglio più essere il capitano del Brasile». Il Brasile vince il suo primo titolo olimpico, firmato Neymar, migliore in campo. E solo un attimo dopo il capitano abdica. Un mix di emozioni e fulmini a ciel sereno. Come quello che è arrivato nella serata dell’oro olimpico al Maracana. Accade tutto in pochi minuti. Dopo aver ritirato la medaglia, durante il consueto giro del campo, Neymar si avvicina ad un gruppetto di brasiliani che, durante la partita lo avevano più volte contestato ed offeso da bordocampo e li affronta. I toni tra il campione e i tifosi sono accesi. Non è la prima volta che le prestazioni dell’attaccante vengono aspramente contestate dai tifosi. Il campione si infiamma e risponde più volte a tono. Poi si avvia, ma un attimo dopo ritorna sui suoi passi e con rabbia sferra un pugno alla balaustra che lo separa dai tifosi. Saranno poi due addetti al campo ad allontanarlo dal campo. Il rapporto tra la stella del Barça e i tifosi è sempre stato particolare. Solo un paio di mesi fa, dopo che il Barcellona vinceva la Liga, il prato del Los Carmenes di Granada veniva preso d’assalto da centinaia di tifosi festanti e Neymar, letteralmente sommerso dalla folla, veniva colpito in testa e alla bocca in maniera fortuita.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Josef Masopust, il ragazzo d’oro di Must Il 29 giugno 2015 moriva all’età di 84 anni Josef Masopust, leggendario calciatore cecoslovacco, pallone d’oro 1962....

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Compie oggi 34 anni Leo Messi, il fenomeno argentino che in ogni sessione di mercato entra nei...

Calcio

29 maggio 1985, Heysel: lo spettacolo non doveva andare avanti Sono passati 36 anni dalla tragedia dello Stadio Heysel in quella maledetta Finale di...

Calcio

Lo Spirito di Eric Cantona Nel giorno in cui compie 55 anni, vi proponiamo il senso della vita secondo la leggenda del Manchester United,...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Arcadio Venturi, il Piombino e la Roma in Serie B. Un incubo divenuto leggenda Il 18 Maggio 1929 nasceva Arcadio Venturi, storico...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Inter – Liverpool, quando l’epica rimonta si giocò anche sugli spalti Il 12 Maggio 1965 a San Siro in occasione della semifinale di ritorno...

Calcio

13/5/1990: Dinamo Zagabria – Stella Rossa, venti(due) di Guerra Se quel giorno le squadre scesero in campo, fu solo per rappresentare la negazione dell’evento...

Calcio

Strage di Hillsborough, 32 anni dopo: le verità scomode di una tragedia evitabile Il 15 Aprile 1989 allo stadio Hillsborough di Sheffield, avvenne una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro