Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Rio 2016, la Serbia ordina: “Disertiamo cerimonia se c’è il Kosovo”

Il Governo della Serbia ha fatto un invito molto preciso e che cambierebbe per sempre la storia non solo di questi Giochi Olimpici a Rio de Janeiro, ma dell’intera storia della competizione. Il Ministro dello Sport, Vanja Udovicic sentenzia:Bisogna abbandonare le cerimonie di premiazione nel caso in cui ci siano sul podio atleti del Kosovo.

La vicenda è complessa ed è stata ammessa tale complessità dallo stesso governo serbo, tant’è che Udovicic ha aggiunto che la circolare è solo una raccomandazione per gli atleti e non comporta obblighi o punizione nel caso in cui gli stessi decidessero di salire sul podio insieme ai kosovari.

La vicenda è complessa perché il Kosovo è stato ufficialmente riconosciuto nel 2014 dal Cio e a Rio ha una rappresentanza di 8 atleti, alcuni dei quali già con esperienze olimpiche alle spalle ma con la divisa dell’Albania.

Per il Kosovo è arrivata anche la prima medaglia d’oro grazie all’eccellente prestazione di Majlinda Kelmendi, già campionessa d’Europa e del Mondo, proprio a discapito dell’italiana Giuffrida che ambiva ad una medaglia olimpica e che già prima di Rio 2016 aveva ammesso che la strafavorita fosse la Kelmendi.

Udovicic ha chiosato poi che “Nessuno vuole minacciare gli atleti serbi, ma in quanto tali non possono restare impassibili ascoltando l’inno del Kosovo o mentre si guarda la loro bandiera issarsi vicino alla nostra”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Calcio

Quando Nemanja Matic salvò un Paese in Serbia Spesso i giocatori vengono considerati milionari interessati solo al portafoglio. In alcuni casi, dei piccoli gesti...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Basket

Darko Milicic: l’arte di darsi la zappa sui piedi Compie oggi 35 anni Darko Milicic, il talentuoso centro serbo che ha deciso di abbandonare...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba L’11 giugno 2012 moriva nella sua Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro