Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Rio 2016: “Il Villaggio Olimpico è inabitabile”

A poco più di dieci giorni all’inizio dei Giochi Olimpici 2016 in Brasile, a Rio de Janeiro, la città sudamericana è in ritardo sui lavori di completamento delle strutture che ospiteranno gli atleti della manifestazione a 5 cerchi.

Lo sa bene la delegazione australiana, giunta per prima a Rio. Per gli australiani il villaggio olimpico che ospiterà gli atleti per un mese è stato considerato “inabitabile” evidenziando come le condizioni siano “pessime”. A difesa, si fa per dire, di questi ritardi, il fatto che l’Australia sia giunta in Brasile con tre giorni di anticipo rispetto all’apertura ufficiale del Villaggio e 2 settimane prima dell’inizio delle Olimpiadi. Rincarano la dose gli Aussie quando sottolineano come le stanze del villaggio siano dotate di docce e sanitari non funzionanti, si verificano allagamenti e continui black out, vero problema della grande città brasiliana. Per questo, nel Parco Olimpico, sede degli impianti di gara, sono stati portati dei mega generatori per ovviare alla criticità.

Ma il problema non riguarda solo l’Australia, costretta a soggiornare in albergo in attesa della conclusione dei lavori: l’Italia, infatti, ha dovuto appaltare i lavori in proprio per finire la palazzina 20, sede degli azzurri, e così hanno fatto anche l’Olanda e gli Stati Uniti.

Oltre a questo, si aggiunge anche il problema sicurezza che non riguarda solo la minaccia terroristica ma anche i furti agli atleti (alcuni velisti sono stati assaliti da uomini armati) e al villaggio stesso con un via vai di gente preoccupante all’interno della zona dedicata ai partecipanti. In questo clima da ultimo minuto, il comitato organizzatore ha diramato una nota di scuse per i ritardi e ha garantito che gli operai lavoreranno 24 ore su 24 per rendere pronto il tutto entro l’inizio ufficiale della manifestazione e che tutto funzionerà per il meglio come accaduto ai Mondiali del 2014, anch’essi in Brasile.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Compie oggi 59 anni Nadia Comaneci, fenomenale ginnasta rumena che alle Olimpiadi 1976 mandò in tilt...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 16 Ottobre 1968 alle Olimpiadi in Messico, il podio dei 200 metri regala...

Altri Sport

Steven Bradbury: quando l’idolo della Gialappa’s rischiò di morire Compie oggi 47 anni Steven Bradbury, l’idolo della Gialappa’s che vinse per caso la medaglia...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Altri Sport

L’incredibile impresa di Carlo Airoldi: storia di un eroe italiano Il 21 settembre 1869 nasceva Carlo Airoldi, un piccolo grande eroe che con la...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro