Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Rio 2016: Anthony Ervin, la Fenice rinata

Occorre perdersi per ritrovarsi? Per Anthony Ervin, conoscendo nel profondo la sua storia, sembra sia andata proprio così. Da ragazzino, raccontano, che era iperattivo e poco prima di iniziare le superiori, ormai grandicello, inizia a soffrire della sindrome di Tourette, disturbo neurologico che si manifesta con tic, sia motori sia fonetici. I genitori, causa questa situazione, decisero di indirizzarlo al nuoto. Scaricare la tensione in vasca poteva essere più che utile per i problemi del giovane Anthony. Nel frattempo scopre e porta avanti un’altra passione: inizia a suonare la chitarra e si innamora sempre di più della musica. Nel nuoto però, comincia a fare sul serio: a Sydney, a 19 anni, vince l’oro nella 50 metri stile libero. Un predestinato che con le sue doti avrebbe dominato in lungo e in largo per numerosi anni. Eppure, la storia cambia: Ervin decide di intraprendere la strada della musica, sognando di diventare un musicista affermato. Inizia così il suo nuovo percorso. Tanti viaggi, sparisce dal mondo del nuoto e suona nella band ‘Weapons of Mass Destruction’. Oltre a ciò entra in un vicolo cieco: fa uso di droga e alcol che lo portano ad andare in depressione e tentare il suicidio farmacologico.

Nel 2004 dopo lo tsunami che travolge il sud est asiatico, decide di vendere la sua medaglia olimpica e dona i 17 mila dollari ricavati alla Croce Rossa che opera in quelle terre. Si cimenta in altre cause sociali, forse per ripulirsi. Decide anche di tatuarsi sul braccio destro una fenice, l’uccello della rinascita dalle ceneri, ma tutto ciò non basta. Ricade nelle cattive abitudini. Ancora droga e alcol: in quel periodo non ha una fissa dimora e la ottiene solo grazie agli amici. Nel 2010 prova a ripartire, cercando di chiudere questa parentesi facendo l’insegnante di nuoto a New York. Nel 2012 decide di tornare in piscina da atleta e grazie alle sue grandi doti, riesce a qualificarsi e a competere alle olimpiadi di Londra. Un anno dopo torna sul podio ai mondiali, contribuendo all’argento nella 4×100 stile libero per gli Stati Uniti. Il lieto fine arriva quando a Rio 2016 a 35 anni, si rimette al collo quella medaglia d’oro che aveva messo all’asta su Ebay (conquisterà un altro oro nella 4×100 stile libero).
Una vasca, 50 metri: la rinascita di un talento che dopo un giro mostruoso torna e si ritrova.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

A tu per tu con Carmen Rocchino, il presente e il futuro del nuoto sincronizzato Abbiamo avuto il piacere di intervistare Carmen Rocchino, astro...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Altri Sport

A tu per tu con Josefa Idem, la Wonderwoman della canoa In questo scenario di forte instabilità, tra vaccini che ritardano e varianti che...

Altri Sport

Festa della Donna: Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Per la Festa della Donna che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Altri Sport

Indipendenza Kosovo: l’oro di Majlinda, la gloria dopo il sangue e la sofferenza Il 17 Febbraio 2008, il Governo provvisorio del Kosovo proclama unilateralmente...

Altri Sport

L’armonia di Manuel Bortuzzo Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Se questo fosse un film degli Avengers, ora Manuel tornerebbe indietro nel tempo. Magari...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro