Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ridateci il vero Derby: con le famiglie ma soprattutto i tifosi

di Simone Meloni e Simone Nastasi

Si potrebbe iniziare così questo pezzo: con il più classico dei “C’era una volta”. Ma no. Non si può. Perché anche la più cupa delle fiabe prevede un lieto finale. Che sia un sorriso, un bacio o un abbraccio. Invece questa è una storia che di sorrisi, baci e abbracci ne ha spezzati a migliaia. Divisi e infranti. Forse per sempre. È la storia di quel bambino che ha smesso di trepidare dalla domenica precedente. Perché il suo tempio è andato distrutto e il suo popolo vittima di un’infima diaspora. La divisione, Il derby di Roma non c’è semplicemente più. Svuotato dal suo significato più intrinseco. Quello della contrapposizione popolare tra le curve. Tra la gente della strada. Quella che nei bar, nelle pizzerie e al mercato si punzecchiava per settimane. Prima e dopo il match. Schiumando rabbia o brandendo gioia sfrenata. La partita degli striscioni, dell’ironia romana all’ennesima potenza, della tensione che si tagliava a fette, delle esultanze in grado di provocarti dolori che duravano tutta la settimana, perché uno sconosciuto ubicato trenta file sopra di te finiva per sommergerti. Bastava la parola e Roma si risvegliava meravigliosamente la capitale del calcio mondiale. La Caput Mundi dei libri di storia che, per dirla con Jovanotti si faceva di nuovo ombelico del mondo.

La partita più invidiata del pianeta: con i suoi 75mila spettatori sugli spalti, gli oltre 100 Paesi collegati e il miliardo e mezzo di telespettatori. Bastava dire derby, che a Roma si risvegliava l’animo di ogni tifoso. Da quello più piccolo a quello più grande. Da quello di tribuna a quello di curva. Perché non c’era derby che al di là del risultato sul campo, non finiva sulle pagine dei giornali di tutto il mondo. Che raccontavano dello straordinario spettacolo sugli spalti. Delle splendide coreografie preparate dalle due curve, la Sud da una parte la Nord dall’altra. Uno spettacolo che domenica purtroppo non rivedremo. Ci sarà la Nord laziale, che ha scelto di esserci comunque per il bene della Lazio. Non ci sarà la Sud romanista che ha scelto di non esserci in segno di protesta. Mancherà l’atmosfera di sempre: quel clima da battaglia che per anni ha reso il derby la partita che vale una stagione.

Ma perché, come direbbe Lucio Battisti, tutto questo non c’è più? Perché la stracittadina è stata trafitta mortalmente quando si è deciso che era di troppo. Anzi, che romanisti e laziali erano di troppo ed andavano eliminati. Non ultima la triste, e forse anacronistica, vicenda dell’allenamento a porte aperte presso il rinnovato stadio delle Tre Fontane. È arrivato il “niet” della Questura. Anche qui. Anche in questo caso un vero e proprio atto provocatorio e vessatorio nei confronti dei supporter giallorossi. L’ennesima mano spietata che va a togliere le caramelle al bimbo che già le pregustava con gli occhi sognanti. Ma la mano spietata di chi? Della burocrazia, prima di tutto; e poi della voglia di frammentare e annientare qualsiasi fenomeno aggregativo all’interno delle curve dello stadio Olimpico. Un obiettivo da raggiungere a qualsiasi costo e con ogni mezzo. Non solo dalle barriere e dalle folli multe per cambio posto prima e per occupazione delle vie di fuga poi.  Ci hanno raccontato di un piano per riportare le famiglie allo stadio. Come nel più classico dei libri di Franz Kafka, hanno “incartato” il vulnus della faccenda, figurandoci mamme e bimbi pacificamente seduti gli uni vicino agli altri, magari col papà di fianco. Dimenticando però di dire che questo idilliaco quadretto ha un prezzo. Che nei settori meno costosi si avvicina ai 100 Euro. Una parte di stipendio. Senza tener conto di tutti quei bambini che sono cresciuti con il derby e lo hanno vissuto fino a perder le coronarie anche e soprattutto grazie alle emozioni che oggi sono vietate. Dai fumogeni alle coreografie, dai cori alle esultanze “a cascata”. Ma se la raccontassimo a loro la storia del derby, non sarebbe sbagliato iniziarla così: con il più classico dei c’era una volta. Il derby.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Il calcio al tempo di Tito: Jugoslavia, una Nazionale per sei Stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti Il 14 Gennaio 1953...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro