Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Ricchi, bianchi e corrotti: lo scandalo ammissioni sportive nei College americani

[themoneytizer id=”27127-1″]
.

Ricchi, bianchi e corrotti: lo scandalo ammissioni sportive nei College americani

.
Persone ricche fanno cose da ricchi, che nella sua degenerazione significa comprare tutto ciò che desiderano, anche le persone e soprattutto le ammissioni nei college di prestigio.
.
In America lo hanno definito un vero e proprio terremoto non solo perchè gli americani hanno l’abitudine hollywoodiana di mettersi sempre dalla parte dei buoni, dei giusti e degli incorruttibili, ma anche perchè colpisce il settore più prestigioso e ligio ovvero quello delle università.
.
.
Dopo lo scandalo che aveva colpito la NCAA per i giocatori più promettenti che venivano indirizzati verso determinate università decise dagli sponsor e dietro pagamento degli stessi agli atleti (pratica vietata), ora arriva un’altra bomba a minare la credibilità del sistema scolastico/sportivo americano.
.
Non è un segreto infatti che le università privilegino gli atleti quando devono ammettere uno studente e anche quelle più prestigiose non fanno eccezione. Per anni le ingenti donazioni da parte dei genitori ai programmi sportivi scolastici sono stati il lasciapassare per entrare nei college esclusivi. Si tratta, di fatto, di una sorta di corruzione legale” e alla luce del sole.
.
.
.
I college della Ivy League, le otto università americane più prestigiose, ammettono studenti non atleti con un rapporto 1000 volte inferiore rispetto agli studenti atleti con stesso punteggio al test di ammissione. In queste università il 20% degli studenti ammessi ogni anno sono atleti.
.
Il passo dalla legalità all’illegalità è molto breve ed è l’epicentro di questo scandalo. I genitori invece di fare donazioni alle scuole hanno cominciato a farle, sotto forma di mazzetta, ai coach delle squadre che hanno carta bianca nel reclutare gli aspiranti studenti che ritengono più idonei per allestire le squadre. E’ così che con la somma che varia da 100.000 a 950.000 dollari uno studente che non aveva mai praticato un determinato sport veniva scelto dal coach e quindi entrava nell’università più prestigiosa.
.
Secondo i testimoni della vicenda chiamati a rilasciare dichiarazioni, negli anni si sono visti veri e propri lavori di Photoshop artigianale da parte dei genitori per giustificare la richiesta di ammissione in una determinata università attraverso la pratica di un determinato sport.
.
In una foto simbolo dello scandalo, un aspirante atleta di pallanuoto aveva inviato una sua foto in acqua, ma la stessa gli arrivava sotto i fianchi. Una foto giustificabile e veritiera solo se l’atleta in questione fosse stato alto tre metri e mezzo.
.
Altri ancora fabbricavano false statistiche di campionati precedenti o test fisici alterati della propria prole per renderli idonei all’ammissione.
.
A tutto questo ci si aggiunge la componente razziale, presente ma comunque in secondo piano in questo scandalo: numeri alla mano se il 20% degli studenti ammessi ogni anno dalle università della Ivy League sono atleti, come è possibile che queste università siano da sempre e ancora oggi a maggioranza bianca considerando la diversa e maggiore prestanza fisica degli atleti afro-americani?
.
Oltre il danno anche la beffa, perchè secondo quello che si evince dai conti delle Università gli sport più popolari ovvero Football e Basket, praticati per lo più da atleti neri, sono quelli che economicamente sorreggono gli altri sport, diciamo minori, praticati da una maggiore incidenza di bianchi.
.
Difficile non pensare a un qualcosa di scientifico, schematico e vagamente razziale, anche perchè  nel Basket e nel Football le università delle Ivy League hanno risultati scarsissimi a fronte di un’immane ricchezza e prestigio. Eppure il dubbio, al di là della corruzione degli allenatori, visti gli scarsi risultati che ci sia qualcosa da rivedere sul reclutamento proprio non viene perchè in fondo l’importante è che gli atleti-studenti siano bianchi e soprattutto ricchi…
.
.
[themoneytizer id=”27127-28″]
Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Piter

    Marzo 26, 2019 at 12:01 am

    esattamente quello che succede nelle grandi radio nazionali….. trasmettono a loro dire la grande musica(hahaha). danno la colpa a internet perchè la qualità è sotto zero, purtroppo avrebbero la possibilità di trasmettere vera musica…. ma se gli inserzionisti dicono che sfera e basta o la roba sanremese è la vera musica, devono trasmettere quello altrimenti niente soldi. 105, rtl, deejay etc etc hanno l’identica programmazione musicale, perchè?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Il 2 Maggio 2016, in virtù del pareggio tra Chelsea e Tottenham, il...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Altri Sport

La rivoluzione del Surf: Shahla Yasini, la prima iraniana sulla cresta dell’onda Il primo aprile 1979 viene proclamata la nascita della Repubblica Islamica dell’Iran...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Basket

Oral Roberts, i fondamentalisti cristiani cercano la gloria (sportiva) Due eliminazioni eccellenti. E una terza che potrebbe proiettarli nelle migliori otto squadre di basket...

Basket

Non solo March Madness: ecco la storia del vecchio NIT Inizia oggi il March Madness, il torneo finale che assegna il titolo di Campione...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Compie oggi 52 anni Mahmoud Abdul Rauf, il cestista americano,...

Basket

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro Abbiamo intervistato Denis Marconato, ex cestista e attuale allenatore dell’Istrana che milita in serie...

Altri Sport

In campo e dalla Legge: la vita in fuga di O. J. Simpson Il 5 Febbraio tornava sotto i riflettori il caso OJ Simpson...

Basket

Il cuore grande di Marc Gasol Compie oggi 36 anni Marc Gasol, la stella NBA che, a differenza di molti, alle parole ha dato...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? E’ passato già un anno da quando un terribile incidente in elicottero si è portato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro