Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ricca, Forte e Potente: Torino è la Capitale del Calcio Italiano

Torino capitale dell’Italia calcistica? Se si dovesse parlare di potere, specialmente nel calcio, non vi sono dubbi.  La città piemontese è senza dubbio la città più influente in campo e nei palazzi. Poco da stupirsi: la città sabauda ha il calcio nelle vene. Il 16 marzo del 1898 fu fondata la FIF, “mamma” della FIGC, che s’impegnò a organizzare il primo campionato di calcio, vinto dal Genoa. Centoventi anni dopo, Torino comanda ancora…

Le grandi vittorie in campo e in Lega

La Juventus vince in campo. Il Torino trionfa in Lega. I bianconeri, da tre anni, lasciano le briciole alla concorrenza. Dal 2015 al 2017 hanno sfiorato il triplete due volte, senza lasciare scampo agli avversati in Italia dove Coppa Italia e Campionato sono appannaggio della squadra di Allegri da quando siede sulla panchina bianconera. E prima di lui, Conte. Sei anni, altrettanti scudetti. Un monopolio. No, un duopolio perché in Lega le redini sembrano saldamente in mano a Urbano Cairo che, visti i risultati raggiunti, si candida a uomo forte del calcio italiano. A ragion veduta, considerato i successi editoriali e diplomatici.

Mediapro e modello Premier

Il Calcio italiano si è finalmente scosso dal torpore affidandosi a Mediapro. La società ha già versato il primo bonifico nelle casse della Lega e si appresta, adesso, a lavorare gomito a gomito con Gaetano Miccichè, uomo di indubbio carisma e grande gestore di casi particolarmente “caldi”. È stato proprio il presidente di Banca Intesa (che ha sede a Torino) ad accompagnare Cairo alla scalata del gruppo RCS. E dovrebbe proprio essere il presidente del Torino, l’uomo che potrebbe rivoluzionare, in positivo, il calcio italiano. L’idea, condivisa con Malagò, è di riorganizzare il calcio italiano, giudicato (non a torto) indietro sotto tutti i punti di vista. Gestionale e sportivo. L’economia, in particolare, dovrebbe essere rilanciata sul modello Premier e privilegiando una distribuzione più equa della ricchezza. Basti pensare che la prima classificata in Italia incassa dieci volte rispetto all’ultima. In Inghilterra, invece, il City incasserà solo il doppio rispetto all’ultima classificata della Premier. L’obiettivo è ricalcare il modello economico del calcio d’oltremanica. Ovvero, una confindustria “slegata” dalla FIGC che sfocerebbe in una lega privata e indipendente nella gestione delle risorse.

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter Siamo sul finire degli Anni Settanta. Sandro Mazzola ha smesso soltanto da pochi anni con il...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Quando Diego Armando Maradona stava per andare alla Juventus Con l’apertura della sessione estiva di Calciomercato, cominciano a uscire come sempre nomi di ogni...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro