Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Rashaan Salaam, l’ultima vittima della CTE nel silenzio del football americano

L’encefalopatia traumatica cronica raccontata dal dottor Bennet Omalu e tornata agli onori della cronaca grazie al film Zona d’ombra girato da Peter Landesman con Will Smith, fa un’altra vittima: Rashaan Salaam.

L’ex giocatore di football, 42 anni, si è suicidato in un parco nel Colorado sparandosi un colpo alla testa dopo che da anni sentiva voci ed aveva allucinazioni come ha confessato suo fratello Jabali Alaji, sintomi tipici della CTE e che preoccupa sempre più le autorità sanitarie negli Stati Uniti.

Salaam è stato uno dei migliori giocatori al college negli anni ’90, ricevendo anche il prestigioso Heisman Trophy ma dopo un’ottima annata da rookie con i Chicago Bears diventando anche il giocatore più giovane a raggiungere le 1.000 yard su corsa, non ha avuto la carriera che tutti gli pronosticarono a causa di una vita fuori dal campo troppo dissoluta, spesso incastrato per consumo di marijuana ed altre sostanze stupefacenti, e per un corpo troppo fragile rispetto alle botte richieste da chi gioca in NFL.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Altri Sport

In campo e dalla Legge: la vita in fuga di O. J. Simpson Il 12 Gennaio 1995 a Los Angeles iniziava quello che in...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Pugilato

Jarry Quarry, bianco per caso Vederlo davanti ad Ali, con i suoi passi prevedibili progressivamente invischiati nella ragnatela del più grande di tutti, fa...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Motori

Michele Alboreto, signor pilota, pilota signore Chi l’ha detto che si debba sempre cominciare dall’inizio? Peraltro quelli bravi, o che vogliono apparire tali, cominciano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro