Connect with us

Cerca articoli

Eventi

Raoul Bova e Chiara Francini: il “Due” che non convince

Al di sotto delle aspettative. E’ questo il risultato dello spettacolo “Due” portato in scena dalla coppia artistica Raoul Bova e Chiara Francini, per la regia del bravo Luca Miniero. Un’opera, con solo due attori che fanno davvero fatica a reggere l’intero peso del palcoscenico da soli. Raoul Bova, a tratti impacciato nei panni dell’insegnante di ginnastica, e la saltellante Chiara Francini, eccessiva e forse troppo caricatura di se stessa, nei panni della donna isterica.

La commedia è l’indagine psicologica di una coppia alla vigilia del matrimonio. La scena è una stanza vuota dove, a una settimana dal matrimonio, Marco (Raoul Bova) alle prese con il montaggio di un letto matrimoniale, viene interrogato dalla sua fidanzata, Paola (Chiara Francini),assalita da mille dubbi circa il loro imminente futuro.

Ne esce un’opera dai tratti deboli, basata su filosofia spicciola, infarcita di dialoghi e troppi luoghi comuni, che tenta in tutti i modi di divertire senza riuscirci. I limiti dello spettacolo risultano subito evidenti: poca propensione all’empatia verso i protagonisti (attori prestati al teatro) che non riescono a mostrare la loro anima sul palco; troppe parolacce nel testo e personaggi eccessivamente stereotipati. Il tutto condito da una scarna scenografia.

Eppure l’idea del regista è notevole. Lo spettacolo Due, analizza infatti con ironia e un pizzico di malinconia, le molteplici differenze tra uomo e donna che diventano due microcosmi apparentemente lontani e distanti, dissonanze e assonanze di due universi paralleli. La visione della vita passata e del prossimo futuro viene proiettata sulla scena attraverso una determinata melodia. Le sagome illuminate, rappresentano invece il personaggio evocato al momento. Personaggio interpretato dagli stessi attori che diventano padroni assoluti del palcoscenico.

La morale della storia emerge attraverso aforismi, massime e citazioni filosofiche, ma la mancanza di gavetta teatrale dei due protagonisti si fa sentire. Il risultato non è eccellente, perché pesa troppo la mancanza di empatia, di trasporto. Un atto unico di un’ora e mezza che a tratti annoia e, purtroppo, alla fine non convince.

Angela Failla
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

The English Game: la nascita del calcio inglese che fa acqua da tutte le parti Mi sono avvicinato alla visione di The English Game,...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] L’Arte di raccontare lo Sport (e non solo): a tu per tu con Federico Buffa Intervistare Federico Buffa significa affrontare conversazioni che...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Fagianate, scatti e scie: raccontare il ciclismo oggi Affrontare la lettura di “Fagianate, scatti e scie” (Rizzoli 18 euro in formato cartaceo,...

Pugilato

[themoneytizer id=”27127-1″] “What’s my name: Muhammad Ali”: un documentario racconta la grandezza del pugile più iconico della storia Ho avuto la possibilità di vedere...

Eventi

Creed torna nella sale. E risale sul ring. Proprio stasera Era molto prevedibile, non solo per il successo del primo film, ma quale naturale...

Storie di Sport

Mercoledì 23 gennaio, per la collana i Ricci di Edizioni Gruppo Abele, è uscito “Lo sport tradito. 37 storie in cui non ha vinto...

Eventi

Di tutti i supereroi Marvel, Spider-Man è probabilmente il più amato. Non si spiegherebbe altrimenti la quantità di film e cartoni a lui dedicati....

Libri

Visionario, dal talento geniale. Una lunga carriera formata da grandi intuizioni intervallate a rovinose cadute, un cinema incantato e al contempo crudele. Questo e...

Eventi

Venerdì 27 luglio presso il Teatro Parchi della Colombo alle ore 21.30 andrà in scena lo spettacolo “Scanzonata Romana” diretto da Francesca Nunzi e...

Eventi

Questa volta non andremo solo a visitare il parco giurassico, ma saranno i dinosauri che vi sono cresciuti che verranno a trovarci. Nel nostro...

Calcio

Dopo le, per ora, tre stagioni della godibile Club de Cuervos, serie originale Netflix dedicata al calcio, la sempre più potente “entertainment company” di...

Eventi

Sta per uscire l’ultimo film di Steven Spielberg. Ready Player One. Come si dice orribilmente oggi è tanta, tanta roba. Meglio ancora: troppa roba....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro