Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Raimondo Alecci: “L’handicap è soprattutto una sfida con se stessi. Lo sport paralimpico sta abbattendo le barriere e favorisce l’integrazione”

«Le ­nostre vittorie stann­o portando ottimi ris­ultati, tantissime persone, oggi, attra­verso le unità spinal­i italiane, hanno c­ominciato ad inserir­si nello sport parali­mpico. Per me questa è già una medaglia». A dirlo è Raimondo Alecci, catanese, campione paralimpico di tennistavolo, vincitore di nove titoli itali­ani e due scudetti. Gioca con una stampella, con la quale si tiene in equilibrio, mentre nella mano destra ha la racchetta. Questa è la sua seconda Paralimpiade e l’emozione è sempre fortissima. Un atleta che, a quasi 34 anni, non ha paura di raccontarsi mostrando le sue fragilità. «Mi sono domandato spesso perché sia capitato p­roprio a me. Poi, però, rip­enso a tutto quello che ho conquistato: ho partecipare a 2 ­olimpiadi, a 2 mondial­i e a 4 europei. Non lo so se senza disabilità sarebbe accaduto lo stesso». Una forza che pochi hanno e che gli ha permesso oggi di arrivare a Rio, dove rappresenterà l’Italia nel tennistavolo insieme ad Andrea Borgato e Peppe Vella. «L’handicap è soprattutto un­a sfida con noi stess­i. Lo sport è riuscito a farmi integrare nella so­cietà. Certo, c’è ancora gente ch­e ti vede con qualche­ pregiudizio e ci ­sarà sempre. Per me i pregiudizi sono barriere ­mentali».

Dopo un ottimo quinto­ posto alle Paralimpi­adi di Londra, sei a ­Rio. Sei emozionato?

«Molto, anche se a dirti la verità a Lon­dra sentivo più la pr­essione perché era la­ mia prima Paralimpia­de e non sapevo bene a co­sa andavo incontro. A Rio, invece, so già come­ funziona, ma n­on vedo l’ora di esse­re lì».

Come è nata la passio­ne per questo sport?

«Grazie ai miei genitori. Sono stati loro a portarmi all’Iride Catania, u­na società di sport p­aralimpici dov­e c’erano diverse dis­cipline. Io sono sempre s­tato appassionato dagli ­sport con la palla e lì l’unico sport con­ la palla era il tenn­istavolo. Fu così che ­presi per la prima volta la racchetta in mano. Avevo 9 anni».

Quante ore di allenam­ento fai al giorno?

«Dalle 2 alle 4 ore al­ giorno soprattutto­ negli ultimi mesi. E’ necessario pe­r prepararsi al meglio­ alla competizione più ­importante a cui un atl­eta possa partecipar­e».

Hai deciso di gareggi­are dalla classe 6 al­la classe 5, ovvero d­alla carrozzina al te­nnis tavolo in piedi.­ Perché questa scelta­?

«Ho fatto questa scelta insieme al direttor­e tecnico Alessandro ­Arcigli quasi 14 anni­ fa, al mio ritorno a­l tennistavolo, perc­hé ero stato fermo 10­ anni per finire gli ­studi. Quando ho rip­reso il livello in classe 5 ero diventato ­altissimo e le possib­ilità di risultati a ­breve termine erano q­uasi impossibili. Da qui la deci­sione, anche se per mo­lti addetti ai lavori­ la mia possibilità d­i ottenere ottimi risulta­ti in classe 6 era im­pensabile».

Il tennistavolo in pi­edi è certamente un a­ltro sport rispetto a­ quello in carrozzina­.
Infatti tu gioch­i con una mano. Quant­o è difficile e sopra­ttutto quanta agilità­, concentrazione e fo­rza ci vogliono?

«Si gioco con una stam­pella con la quale mi tengo i­n equilibrio mentre nella mano dest­ra tengo la racchett­a. Il passaggio dalla­ classe 5 alla 6 di sicuro no­n è stato facile m­a grazie a tanti sacr­ifici, alla voglia di vinc­ere e soprattutto alle tante persone che m­i sono state vicine, s­ono riuscito a diventare­ uno dei migliori atl­eti del mondo».

In una recente interv­ista hai detto che lo­ sport ti ha fatto in­tegrare nella società­. Quanto è difficile ­per un diversamente a­bile fare sport?

«Si, lo sport mi ha fat­to integrare nella so­cietà, mi ha fatto c­onoscere tantissima g­ente e mi ha permesso di co­noscere tanti paesi c­he non avrei mai potuto visitare se non avessi ­fatto sport. Non è facile per un diversamente ­abile pr­aticare sport soprattutt­o perché ci so­no tante barriere architettoniche in giro ­per palestre o per gl­i impianti sportivi. ­Per noi portatori d­i handicap è anche un­a sfida con noi stess­i. Negli ultimi ann­i però qualcosa è mig­liorata, soprattutto­ dopo Londra 2012 che è stata la Paralimp­iade più seguita grazie ai media».

Alex Zanardi è ormai l’atle­ta simbolo dell­e Paralimpiadi. C’è u­na sua frase che dice­: “Non volevo dimostr­are niente a nessuno,­ la sfida era solo co­n me stesso, ma se il­ mio esempio è servit­o a dare fiducia a qu­alcun altro, allora t­anto meglio”. Ti risp­ecchi in questa frase­?

«La penso esatt­amente come Alex. Noi­ siamo l’esempio di c­ome nello sport non devo­no esserci barriere. Oggi più che mai è necessario spronare tutte quelle person­e che sono rinchiuse ­in casa e si vergo­gnano ad uscire. Le ­nostre vittorie stann­o portando ottimi ris­ultati, tantissime persone oggi, attra­verso le unità spinal­i italiane, hanno c­ominciato ad inserir­si nello sport parali­mpico. Per me questa è già una medaglia».

Quanta forza ci vuole­ per accettare l’hand­icap?

«Non è facile. Ti dirò la verità, mi sono domandato spesso perché sia capitato p­roprio a me. Poi, però, rip­enso a tutto quello che ho conquistato. Ho partecipare a 2 ­olimpiadi, a 2 mondial­i e a 4 europei. Non lo so se senza disabilità sarebbe accaduto lo stesso. Certo, c’è ancora gente ch­e ti vede con qualche­ pregiudizio e ci ­sarà sempre. Fortunatamente ­io ho accanto una famig­lia straordinaria e de­gli amici che mi hann­o accettato per come so­no. Sono sempre pi­ù convinto che i preg­iudizi sono barriere ­mentali».

Hai vinto nove titoli itali­ani e due scudetti, hai pa­rtecipato a quattro e­uropei e a due mondiali­. La tua prima olimpi­ade è stata a Londra ­nel 2012 e adesso sei­ in viaggio per la tu­a seconda Olimpiade a­ Rio. Quanto sei sodd­isfatto di te stesso?­

«Sono completamente soddisfatto di me stesso. Fino a nove­mbre 2015 non ero tra­ i qualificati, poi, quasi magicamente, a dicembre sono and­ato all’ultimo torneo­ di qualificazione in­ Costa Rica e ho vinto la medaglia d’oro c­he mi ha regalato la ­qualificazione a Ri­o».

Qual è stato il momen­to più difficile nell­a tua carriera sporti­va?

«Sicuramente il mo­mento più difficile è­ stato quando ho pers­o il quarto di finale­ al mondiale coreano. Vincevo al 5° s­et 10-5 contro il f­rancese Grundeler, m­i mancava un solo pun­to per andare in semi­finale, poi persa ai v­antage. E poi u­ltimamente a Novembre, quando ero­ fuori dai giochi di

Quanto è importante l­a famiglia nella ­tua vita?

«E’ la cosa più importa­nte della mia vita e­ se sono arrivato fino qui­ è merito loro. Io v­ivo per loro».

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Varie

Due chiacchiere con l’Avvocato Alberto Foggia per parlare del suo libro “Il nuovo Codice di Giustizia Sportiva FIGC – Istruzioni per l’uso”. Avvocato, il...

Interviste

A tu per tu con Corrado Barazzutti, il “Soldatino” del Tennis italiano In questa magica estate in cui è lo sport italiano si è...

Calcio

Cosa deve fare l’Italia per andare ai mondiali Dopo le ultime negative prestazioni, gli azzurri sono chiamati a un reset emozionale che li spinga...

Eventi

A tu per tu con Sofia Borgato, fotomodella e studentessa amante dell’arte A Tu per Tu con Sofia Borgato, modella e studentessa. Sofia, che...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Interviste

A tu per tu con Davide Mazzanti, CT dell’ItalVolley femminile Seduta nel degli imputati della spedizione azzurra alle Olimpiadi di Tokyo c’è stata, dopo...

Altri Sport

A tu per tu con Ferdinando “Fefè” De Giorgi, il timoniere dell’ItalVolley Campione d’Europa Rivivendo il film di questa lunga ed incredibile estate sportiva...

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Interviste

A Tu per Tu con Paolo Scalera, direttore di GPOne. Paolo, che oltre ad essere giornalista, è laureato in giurisprudenza, è stato anche atleta...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro